Campania

Vini D'Irpinia

di Angela Merolla
Marzo 24, 2016

Una sana produzione di qualità, Vini d'Irpinia

Anni di esperienza per poi agire in prima persona

Sertura, è il marchio con il quale nel 2013 nasce l’azienda irpina dell’agronomo Giancarlo Barbieri.

Anni d’esperienza come consulente per altre cantine, mentre sempre più forte era la voglia di provare in prima persona, di mettersi in gioco nel mondo del vino.

 

Anni di esperienza per poi agire in prima persona

Spontaneità e schiettezza

Sertura, un termine preso dal dialetto locale, che identifica la spontaneità della selva, del sottobosco, ed è stato scelto per esprimere la schiettezza, l’autenticità di questi vini.

Giancarlo, su 4 ettari di terra vitata, tra i comuni di Montefalcione, Santa Paolina e Torre Nocelle in provincia di Avellino, alleva viti degli autoctoni Fiano, Greco e Aglianico.

 

Spontaneità e schiettezza

Espressione del proprio terroir

Le vigne sorte e governate secondo il proprio Terroir, quindi con particolare attenzione alla relazione tra il suolo, il microclima, l’esposizione e la pianta, elementi fondamentali per produrre un buon vino ed ottenere la migliore espressione del vitigno, come del territorio che lo ha allevato.

 

Espressione del proprio terroir

Una vinificazione in purezza

Per scelta Giancarlo vinifica unicamente le sue uve e solo in purezza, utilizzando botti d’acciaio e limitando quelle di legno solo al processo d’affinamento del Taurasi, come dettato dal disciplinare.

Sertura ha una produzione annua di 20.000 bottiglie tra Fiano di Avellino Docg, Greco di Tufo Docg, Taurasi Docg e Aglianico Igt.

 

Una vinificazione in purezza

Spiccata personalità che rivela l'azienda

Sono vini che conservano una spiccata personalità, riconducibile al vitigno, al territorio, al lodevole lavoro in vigna quanto in cantina, mirato ad una sana produzione di qualità.

Ed è solo l’inizio della storia di una buona azienda irpina….

 

www.sertura.it

Spiccata personalità che rivela l'azienda