Friuli-Venezia-Giulia

Tutto Il Friuli Di Alvaro Pecorari

di Miriam Quartesan
Marzo 22, 2015

Tutto il Friuli di Alvaro Pecorari,Nelle bottiglie di ,Lis Neris

Il rispetto della materia prima

In un Friuli che può vantare alcuni tra i bianchi più pregiati al mondo, in generi varietali, incisivi, puliti, molto profumati e accomunati da un caratteristico aroma di rovere, irca l’85% delle vigne è destinato alla produzione di vini bianchi. Secchi e fragranti e non di rado caratterizzati da una persistenza fruttata più che piacevole. Punta di diamante tra questi vitigni, il Pinot Grigio che ha soppiantato il Friulano quanto a varietà più diffusa nella regione. Le DOC più apprezzabili sono Colli Orientali del Friuli, o “ COF”, a nord-est di Udine e Collio Goriziano, o semplicemente “ Collio”, proveniente dalla provincia di Gorizia, città di confine più contesa d’Europa, vicino alla quale troviamo a poche centinaia di metri dai vigneti, nel centro del paese di San Lorenzo,la cantina, moderna ed essenziale e cuore pulsante di Lis Neris.Tra il confine sloveno e la riva destra del fiume Isonzo, si concentra gran parte dei vigneti a bacca bianca, mentre a Corona e Romans, si trovano le varietà rosse. Questa azienda, come le radici della vigna, si sviluppa naturalmente nel sottosuolo “prolungandone” così i benefici nei processi produttivi, nel pieno rispetto della materia prima e dei suoi ritmi evolutivi.

Il rispetto della materia prima

400.000 bottiglie da 70 ettari vitati

Tecniche all’avanguardia e tradizioni secolari, esaltano i profumi e i sapori del territorio, dove la vigna e la cantina sono armoniosamente radicate. Oltre a 60 ettari di vigneto, la vicinanza del mare favorisce un clima mediterraneo, caratterizzato da escursioni termiche diurne, aiutano e stimolano una maturazione più lenta, uve più solide, arricchendo il loro ventaglio olfattivo di aromi e gusto. Dal 1879. Quattro generazioni della famiglia Lis Neris, hanno contribuito con il lavoro e la passione a questa realtà produttiva, tra le più rappresentative della regione. Viticultura ispirata al concetto di sostenibilità, dove il signor Alvaro, gentile personaggio di spessore di tale azienda, con il quale ho avuto l’occasione di intercedere, ha la capacità di far diventare essenziali anche i più piccoli dettagli. Il signor Alvaro, infatti, si prende cura di 70 ettari di vigneto distribuiti fra San Lorenzo, areale più fresco, Corona e Romans, aree più calde e protette, dove comunque, al fine del raggiungimento di una qualità superiore, in quel 1981 che viene chiamato l’anno della svolta, si è iniziato con una nuova mentalità produttiva, rendendo possibile una migliore espressione nei vini bianchi del Territorio. Alvaro Pecorari, come pochi altri, è l'interprete di un nuovo modo di essere vitivinicoltore . Per un lavoro fatto di una filosofia poco disposta a compromessi provinciali ma rivolta, di contro, a lavorazioni sostenibili, abbassamento delle rese, ottimizzazione dei sistemi di allevamento e una gamma di vini carismatici. Il tutto per un numero di bottiglie porodotte pari a 400.000 su 70 ettari vitati.

400.000 bottiglie da 70 ettari vitati

La degustazione

Lis Neris Pinot Grigio GRIS 2013 è un vitigno a bacca colorata di un rosa intenso, polpa chiara del succo, regala una struttura data dalla combinazione del suolo con clima, fermentazione in acciaio e imbottigliamento precoce. Si presenta di un colore brillante, profumi di fieno e agrumi, bella freschezza al palato, equilibrato, rotondo, buona mineralità e persistenza gusto-olfattiva. Lis Neris Pinot Grigio GRIS 2012, dal colore giallo paglirino, si annuncia come un elegante ventaglio di profumi. Dal carattere deciso si pronuncia con sentori di rosa gialla, zagara, fieno e spezie dolci. Rotondo, bella persistenza e mantiene un finale fresco.
 
LIS 2011 blend di Pinot Grigio al 40%, Sauvignon in misura del 30%, e Chardonnay a completare, si mostra con un colore paglierino, al naso vira verso il balsamico con una nota piacevolmente interessante , che si aggiunge a quella nuance minerale che riporta al territorio e alle mille sfumature di profumi ed essenze: bergamotto, passion fruit, lichti, giusto per citare le più immediate . Si presenta una bella personalità, marcata sapidità, avvolgente cremoso al palato, vinificazione e maturazione in tonneau, per 10 mesi , seguiti da 12 in bottiglia, vale la pena degustare questo nettare.

Friuli Isonzo Chardonnay JUROSA 2013 è un bianco fermo dal colore giallo paglierino che presenta una bella unione di freschezza e gioventù, lievemente alcolico con sentori di fiori di campo, fieno. Al palato è persistente , capace di migliorarsi e progredire nel tempo.

Friuli Isonzo Chardonnay JUROSA 2012,  bianco DOC, 100% Chardonnay, colore paglierino, aromi complessi di miele, albicocca, vaniglia, belle sensazione al palato tra acidità e morbidezza glicerica.

Friuli Isonzo Chardonnay JUROSA 2011 è figlio di un vigneto singolo compreso tra le terre che abbracciano una piccola cappella del 1912. Bianco di una bella complessità, sentori al naso di note di vaniglia legnose, presenta un elegante nota pulita al palato.

Friuli Isonzo Sauvignon PICOL 2013 con il suo colore paglia presenta un' interessante trama aromatica ben strutturata; al naso, profumo di scorza di acacia, con una coda vegetale intensa al palato, comunque fresco e giovane.

Friuli Isonzo Sauvignon PICOL 2012 un giallo brillante, con un periodo di 10 mesi tra acciaio e tonneau, regala profumi e note di  cedro, litchi, menta essicata, che sono le essenziali sfumature di questo vino, mentre freschezza e sapidità accompagnano in bocca il finale.

CONFINI 2012 è un bianco  IGT fatto di  un 40% di  Pinot Grigio, 40%, Gewurztraminer e 20% di  Riesling 20% , Questa vendemmia tardiva, paglierino che vira verso il dorato, stupisce per l’eleganza, stile alsaziano presenta una potente nota di agrodolce al palato, mostra una morbidezza balsamica sorretta da una bella acidità.
 
LIS NERIS 2009  Rosso,  è  Merlot 90% e  Cabernet Sauvignon 10% . Colore granato, intensa trama olfattiva di mirtilli, sottobosco, chiodi di garofano e chino. Al palato presenta tannicità moderata, morbido e rotondo rimane 20 mesi in barrique e 12 in bottiglia accompagna un elegante coda di spezie scure.
 

La degustazione