Liguria

Schiacchetrà Con Due O Una C Ma Che Sia Delle 5 Terre

di vinoecibo
Ago. 13, 2013

Schiacchetrà , Sciachetrà, 5 Terre, Cinque Terre, Liguria, Arrigoni wine

Un fine settimana in suo onore

… vengono stese al sole le migliori uve per ottenere il rinforzato o Sciaccatrà, che così è chiamato un vino forte quanto il marsala, squisitissimo, un vero liquore da beversi in piccoli bicchieri, color dell'oro più brillante" . Queste le parole del pittore macchiaiolo Telemaco Signorini che a fine ottocento aveva così definito uno dei vini più rari del nostro Paese. Conferendogli , grazie alla sua fame di artista, una notorietà che è andata aumentando di pari passo con la difficoltà che si ha nel trovare questo vino ricercatissimo. Prodotto per lo più con uve Bosco, cui si aggiungono l'Albarola e Vermentino, è un vino giallo dorato con riflessi d'ambra che rendono immediatamente riconoscibile la sua anima di grande e prezioso vino da meditazione ma anche per accompagnare qualche blasonato formaggio o dulcis in fundo, con le dolcerie liguri delle 5 Terre da cui nasce.

Un fine settimana in suo onore

A picco sul mare

Piccole particelle su incredibili terrazzamenti a picco su un mare azzurro che spinge le sue brezze salmastre fino ai grappoli più in alto per arrichire, ancora più intensamente, le aromatiche note di questo nettare. Un grande passito, ottenuto dopo aver lasciato i grappoli sulle piante oltre il limite della normale vendemmia consentendo alle bucce di ogni singolo acino di arricchirsi di profumi e aromi, successivamente esaltati, a vendemmia avenuta, da una fase di appassimento sui graticci, fino a novembre inoltrato.
Da qui, la pigiatura e il riposo in piccole botti di rovere per almeno un anno, prima dell'imbottigliamento.
Rispettando ancora oggi i tempi di un'arte vinaria che si perde nei secoli, quando il vino si pigiava con i piedi e tutto,.come accade oggi nei vigneti delle 5 Terre, con un duro lavoro fatto di passione.
Questa, in poche righe, la nascita di un vino antico che ha ottenuto la denominazione d'origine controllata solo nel 1973 e che proprio in occasione del quarantesimo compleanno della DOC sarà celebrato con un vero e proprio Festival dello Schiacchetrà.

A picco sul mare

Vino per pochi eletti

Si comincia venerdì 30 agosto alle 17 in piazza Garibaldi del comune di Monterosso,  con la visita guidata alle vigne e alle cantine delle Cinque Terre aderenti al Festival.
Si prosegue sabato 31 agosto , alle 10,30, “ Le Cinque Terre viste dal mare” . Ovvero una gita in barca attraverso i cinque borghi Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore. Sempre sabato, a Monterosso in piazzetta Belvedere, alle 17,30, il convegno “Il futuro di un antico Re: lo Sciacchetrà, un grande testimone del patrimonio enologico italiano" che aniticiperà, sul Molo dei Pescatori, la degustazione guidata degli Sciacchetrà presenti al Festival, abbinati ai dolci della tradizione ligure. Domenica 1° settembre presso l'azienda Buranco unatavola rotonda conclusiva su questo prezioso vino con la partecipazione delle istituzioni e dei produttori delle Cinque Terre: "Verso un Consorzio in nome del vino locale, uniti per affrontare il mercato". Che in verità non potrà mai essere se non di pochi e fortunati eletti.

Ringraziamo gli Arrigoni per alcune foto a corredo
Vino per pochi eletti