Veneto

Passum Da Eccellenza Dei Colli Euganei

di Orfeo Meneghetti
Luglio 13, 2011

Passum da eccellenza dei colli Euganei

Passum da eccellenza dei colli Euganei

La sua è una piccola storia perché inizia nel 2005. Il vigneto che la famiglia Dotto di Vo (Pd), vignaioli per vocazione e passione, acquisisce a Lozzo Atestino è una sorpresa. L'angolo di terra ai piedi del colle di Lozzo, che sul piano della conformazione orografica è indicato come il più bello dei colli Euganei, si rileva un tesoro. La vigna produce Merlot, ed è uva di qualità. Sul cordone speronato che da 15 anni forgia le vigne acquistate dai vignaioli di Vo, matura anche il Cabernet Sauvignon. I due vini internazionali possono formare una bella coppia per la produzione di un buon colli Euganei rosso. I Dotto però, Lidio il padre e Giovanni il figlio, storcono il naso. L'uva torna in azienda a metà ottobre e resta per qualche giorno ad appassire nel sottotetto dell'azienda. Ci vuole creatività per fare qualcosa di grande. L'intuizione è di lasciare ad appassire le uve per quattro settimane aggiungendo al processo un piccola quantità di grappoli di Raboso. Sembra un azzardo, una fuga in avanti eseguire il processo d'appassimento delle tre tipologie d'uva a bacca rossa prima di pigiarle. Il vino che...

si ottiene è lasciato a decantare naturalmente in botti d'acciaio, fino a febbraio. Il passaggio successivo è la fase d'invecchiamento che avviene in barriques da venticinque per un tempo di 24 mesi.







L'affinamento è completato in bottiglia per almeno otto mesi. A questo punto il percorso è completato. La produzione di Passun, 4 mila bottiglie, può essere messa sul mercato. Il vino viene accolto molto tiepidamente dagli estimatori, meglio i consumatori. Uno dei primi ad apprezzare il Passum è stato un rivenditore della Danimarca che opera a Copenaghen che dal 2008 continua importare il vino per i suoi clienti. L'interesse è cresciuto nell'ultimo anno. Riviste enologiche ora chiedono all'azienda di Vo di valutare il vino, per confrontarlo con i "rossi" sacri dell'enologia italiana. Recentemente il Passum è stato inserito in una degustazione fatta dal Gambero rosso e lo Slow Food. La famiglia Dotto guarda con particolare attenzione all'interesse riservato al prodotto dall'associazione di Carlo Petrini. Segno che i Dotto lavorano nel rispetto della natura e delle regole che essa impone e che vanno rispettate: Passum, Passum.
nelle foto: i Dotto e il loro Passum