Sardegna

Non Solo Cannonau Doc

di Leonardo Felician
Marzo 9, 2015

Non solo Cannonau Doc,Nel nuorese anche la Granazza I.g.t.

Artefici: Giuseppe e Grazia Sedilesu con i loro figli

Mamoiada è un paese ricco di tradizioni e di storia di 2600 abitanti nel cuore della Barbagia di Ollolai e a 16 km da Nuoro e a pochi chilometri dal monte Gennargentu, in una vallata ricca di sorgenti e molto rigogliosa. L’archeologia del luogo reca tracce dai tempi del Neolitico, con alcuni menhir tra cui la stele “Sa Perda Pintà”, istoriata con cerchi concentrici e motivi simili a quelli ritrovati in Irlanda e Scozia. In questo paese 35 anni fa Giuseppe e Grazia Sedilesu cominciarono la storia di un’azienda che oggi, con la generazione successiva dei figli, ha fatto un passo avanti nella produzione del Cannonau in purezza, il vitigno rosso più coltivato nel nuorese che proprio qui si esprime al meglio con caratteristiche di grande equilibrio fra la componente polifenolica, acida e alcolica. Il Cannonau Riserva, dopo aver riposato due anni in botti grandi, si affina in bottiglia per un anno in un tunnel sotterraneo al riparo da luce, escursioni termiche e rumori e entra in commercio a tre anni dalla vendemmia.

Artefici:  Giuseppe e Grazia Sedilesu con i loro figli

Vini di grande forza

Per chi è interessato, l’azienda organizza visite ai vigneti e alla cantina con degustazione di vini e prodotti locali. Tradizionalmente le uve bianche provenienti da un unico vitigno chiamato Granazza venivano lavorate in uvaggio insieme con il Cannonau, metodo oggi vietato dalla DOC. L’azienda ha provato allora a vinificare la Granazza in purezza, con risultati interessanti. Nasce così un bianco IGT Barbagia molto particolare dai profumi intensi di macchia mediterranea, il Perda Pintà, vendemmiato in ottobre una volta finita la raccolta dei rossi, che passa otto mesi in barrique e viene poi affinato in bottiglia per almeno tre mesi. E’ un vino di alta gradazione alcoolica , ben 15 gradi e mezzo, con leggero residuo zuccherino. Il Perda Pintà Sulle Bucce è un vino più secco e stabile, che trascorre 12 mesi in barriques e altrettanti per l’affinamento in bottiglia, adatto a piatti di carne in genere e anche a zuppe di pesce e formaggi di media stagionatura.

Società Agricola Giuseppe Sedilesu  -  Via Adua 2, Mamoiada(NU)

Tel. 0784 56791 -  giuseppesedilesu @tiscali.it     www.giuseppesedilesu.com

Vini di grande forza