Trentino-Alto-Adige

Le Giornate Del Pinot Nero

di Mario Stramazzo
Maggio 29, 2015

Le giornate del Pinot Nero ,Egna e Montagna capitale del noto vitigno

Visitatori internazionali e qualificati

A trasformare anche per questo maggio 2015 i due piccoli centri di Egna e Montagna nelle capitali italiane dell’affascinante vitigno, ci ha pensato  la 17ºedizione delle Giornate altoatesine del Pinot nero. Una passione, quella per il Pinot nero, che ha calamitato in Alto Adige oltre 550 visitatori provenienti in gran parte da fuori regione ma anche da Germania, Austria e Svizzera.
La degustazione ai banchi d’assaggio di domenica 17 e lunedì 18 maggio, è stata preceduta da una verticale d’eccezione dei Pinot nero di Daniel Gantenbein, prestigioso produttore svizzero, che ha riscosso un grande successo.
Particolarmente apprezzati gli altri appuntamenti in programma come la degustazione guidata dei Pinot nero della regione tedesca di Pfalz (Palatinato), regione ospite del 2015 con ben 9 produttori presenti; e poi il seminario tecnico sugli “stili di vinificazione del Pinot nero” tenuto da Guillaume Le Bras, enologo consulente del laboratorio IOC - Institut Oenologique de Champagne di Mellecey (F), molto seguito da enologi, enotecnici e giornalisti.
 

Visitatori internazionali e qualificati

Cento etichette di Pinot Nero 2012

Ai banchi degustazione allestiti presso la Haus Unterland di Egna, i visitatori hanno potuto assaggiare 100 Pinot nero dell’annata 2012 confrontando i 69 italiani e i 31 stranieri fra di loro. Fra i molti paesi rappresentati vi erano Austria, Belgio, Olanda, Svizzera, Romania e poi Nuova Zelanda, Sud Africa, Argentina, Cile e Oregon.
L’annata scelta per il confronto di quest’anno, la 2012, è considerata un’eccellente annata. Si è rivelata quindi impresa interessante, anche se non certo facile, porre a confronto i Pinot nero della Borgogna con tutti gli altri; i primi ovviamente in grado per ora solo di far presagire il loro potenziale, i secondi invece più pronti e già capaci di dare soddisfazione ai degustatori.
Grandi consensi anche intorno ai tre migliori classificati del Concorso nazionale, che di anno in anno permette ad ogni appassionato di misurarsi con se stesso durante gli assaggi, stabilendo il suo podio ideale.

Cento etichette di Pinot Nero 2012