Friuli-Venezia-Giulia

Le Due Terre

di Miriam Quartesan
Gen. 15, 2016

Le Due Terre , Prepotto, Miriam Quartesan

La passione di coltivare la passione

Nella terra di Prepotto, dove l’argilla e le marne oceaniche si mescolano sulla strada che porta da Dolegna del Collio,vicino al confine tra il Friuli e la Slovenia, si scorge , dal 1984, una delle più piccole realtà aziendali del Friuli. E' qui, a Prepottoo, dove la cantina sottostante la casa è poco più di un garage che val bene il dire “…niente ha più senso della passione” . Ed è ancora qui che la vera passione, scritta tutta in lettere maiuscole, si esprime all’interno della casa, confermando, senza se e senza ma, la dotta citazione prima dettata. Tanto che la si ritrova appesa alla porta della sala dedicata ai tonneau per il bianco e alle barrique per i rossi.

La passione di coltivare la passione

Da trentanni è la terra la miglior alleata

L’azienda produce varietà come lo Schioppettino, il Refosco, il Merlot, trovando l’habitat ideale nei terreni composti da marne calcaree e capaci di limitare naturalmente la produzione di uve; permettendo così la concentrazione di acidità ed elementi minerali. Trattamenti di solo rame e zolfo per le vigne, dalle quali questa casa, o meglio maison, come direbbero i cugini d'oltralpe, da trentanni produce vini. Un numero di bottiglie pari a 17.000 ogni anno e quando il tempo e il buon Dio vedono di buon occhio il lavoro fatto in vigna. Frutto di un atteggiamento impostato su una vera cura di ogni singola pianta dei vigneti che consente l’eliminazione di concimi, diserbanti, antibiotici, antiparassitari. Soprattutto, la volontà di intervenire il meno possibile in fase di vinificazione e alla totale eliminazione di legni nuovi dalla cantina. Questa è la realtà che mi ha regalato il piacere di conoscere persone così vere e amiche, Silvana Forte e Flavio Basilicata, che hanno saputo raccontarmi con amore i loro vini. Insegnandomi a conoscerli e capirli fin da subito. Un grazie dunque e ancora più speciale alla Signora LE DUE TERRE, cui dedico queste righe. Perché a Lei e ad un particolare ricordo mi lega a quel pomeriggio primaverile. Se niente ha più senso della passione, altrettanto vero è che noi tutti siamo mezzi e le persone che incontriamo non sono mai per caso. Grazie Silvana!

Da trentanni è la terra la miglior alleata

La degustazione

FRIULI COLLI ORIENTALI SACRISASSI BIANCO 2012: FRIULANO 70% e RIBOLLA 30% , Alc. di 13%; Colore dell’oro, al naso si sentono note di agrumi canditi, albicocca e camomilla, caldo, succoso, mentre in bocca si percepisce una buona sapidità e freschezza.

FRIULI COLLI ORIENTALI SACRISASSI BIANCO 2011: FRIULANO 70% e RIBOLLA 30% , Alc. di 13%; Colore paglierino che vira verso l’oro, macedonia di frutta gialla, fiori cremosi, crema all’arancia e timo sono i profumi percepiti al naso, struttura energica ricorda un rosso, comunque fresco e sapido con ottimo uso del legno.

FRIULI COLLI ORIENTALI PINOT NERO 2012: Colore granato riconducibile al vitigno, spezie dolci e piccanti,ciliegie, tostatura, sentori invitanti, pronunciati al naso,mentre in bocca  annuncia la sapidità, la freschezza con particolare interesse notato nei composti fenolici, ovvero ai tannini sia gallici rilasciati dal legno, che  catechici dell’uva.

 FRIULI COLLI ORIENTALI PINOT NERO 2011: Colore Granato che  esplode di fragoline, fruttini rossi, spezie dolci e pepe nero, mostra al palato una succosa vivacità e sapidità, vinifica in acciaio, matura in barrique di rovere francese per 22 mesi con 4 mesi di affinamento.   

 FRIULI COLLI ORIENTALI MERLOT 2012: Interessante colore porpora che vira verso il rubino, intenso, avvolgente al naso, regala profumi di frutti selvatici, cassis, tamarindo , cacao, polvere di caffè e liquerizia, tannini ancora giovani ma in evoluzione, finale balsamico, persistente e sapido.

COLLI ORIENTALI MERLOT 2011: Colore rubino intenso, vinificazione in cemento con fermentazioni spontanea sui lieviti, questo rosso DOC al naso esprime note di prugne e more, pepe nero, mentre in bocca lascia un finale di rotondità e freschezza.

FRIULI COLLI ORIENTALI SACRISASSI ROSSO 2012: Refosco dal Peduncolo Rosso 50%, Schioppettina 50%;  Rubino intenso impenetrabile, profumo riconducibile a confettura di more, frutti di bosco e note di torrefatto , rendono il bagaglio olfattivo intenso, secco, caldo, morbido, mentre al palato esplode una netta sapidità e una fitta trama tannica, opulento dotato di una bella concentrazione, fine.

FRIULI COLLI ORIENTALI SACRISASSI ROSSO 2011: Refosco dal Peduncolo Rosso 50%, Schioppettina 50%; Punta di diamante dell’Azienda, cangiante tra lo speziato dello Schioppettino, ampio ventaglio di profumi da frutti neri al cuoio, passando per una setosa eleganza al palato, regala una bocca fresca e buona sapidità, equilibrio e armonia con un finale di note  balsamiche; fermentazione spontanea su lieviti indigeni e sosta in barrique per 22 mesi.

Silvana

La degustazione