Spagna: sciroppo di mais e alcol di grano per fare vino senza uva

di Il Merlo Parlante
Luglio 25, 2020

Scoperta della Guardia Civil  una rete criminale di farabutti  nella Castilla-La Mancha e Madrid

Discovery of the Guardia Civil a criminal network of rogues in Castilla-La Mancha and Madrid

54514721_2154781127938363_9020545311562530816_o.jpg

 

English text follows

Troppo spesso noi italici dimentichiamo che la strada per diventare Italiani non è ancora terminata e così, prima di difendere gli innumerevoli i valori delle nostre terre, specie del mondo enogastronomico, sembra quasi che ci si diverta a demolirli. Ovvio che vien fatto con buona pace di giornalisti che assumono la specializzazione di sensazionalisti pennaioli, che cavalcano fino al parossismo ogni possibile notizia che denunci qualsivoglia maramaldesco comportamento. Salvo cambiare obiettivo, nel giro di due o tre giorni, e abbandonare lo scalpore del loro dire alle correnti di fiumi carsici. 

E' stato ed è così per il caso delle cosce dei maiali non conformi ai vari disciplinari, fatti decotennare dai giudici del marchio di tutela che doveva indicare la tutela del marchio. Magistrati intervenuti, come devono, ogni volta che la buona fede diventa criminale. Più ancora, per i ciclici casi del “boquet riaggiustato” dei vini del Friuli, oppure il recentissimo caso del vino dell' Oltrepò Pavese. Dove ancora una volta si è fatto uso di bastone per mescolare acqua mosti e zucchero. Non arrivando, per fortuna, misture come quelle passate alla storia per aver causato finanche qualche decina di morti intossicati.

Non dimenticano infine, i casi che vedono al centro delle attenzioni il povero Brunello che paga lo scotto di troppa bontà e notorietà. Fra i più bersagliati da delinquenti e truffatori per la relatività facilità di lucrosi e criminali tornaconti, ma anche obiettivo sempre in primo piano per quei pennaioli che pur di accrescere di qualche lettore il loro parterre, come da premessa, sparano fucilate di vocaboli ad alzo zero ma senza darne un seguito che dia soddisfazione e tranquillità al pubblico in veste di consumatori. Solo truffati, quando e se va bene,vittime, per fortuna, quasi mai.

107825526_3131173050299161_1588874362587742508_n.jpg

 

Perchè queste righe? Per chiedere ai pennaioli di brevissimo corso perché non si sono buttati in tuffo nelle piscine del sensazionalismo anche per quel che è successo in Spagna dove il conto totale, escludendo eventuali vittime e di cui al momento non si ha notizia, di una frode scoperta dalla Guardia Civil per un probabile illecito pari non uno o due milioni di euro ma 100.

Questo non perché si debba fare pari e patta e concludere che in giro per il mondo ci sono anche altri pronti a fare i marmaldi, profittando del povero consumatore e pure del lettore, ma perché 100 milioni son un numero che forse meritava più attenzione di qualche migliaio di scatole di tagliatelle Findus fatta con ragòut di cavallo al posto di bovino, ritirata dal mercato italiano. Storia sparita in due giorni e tutt'altro che paragonabile, almeno nei numeri all'episodio spagnolo di Castilla-La Mancha e Madrid. Secondo i resoconti dei media spagnoli , le autorità hanno scoperto infatti una rete internazionale di oltre 60 aziende coinvolte nella conversione di alcol di grano in prodotti tra cui il vino adulterato, con possibili ricavi illeciti pari a 100 milioni di euro.

L'operazione per scoprire la rete - nome in codice Isolu - è stata condotta da funzionari di vigilanza doganale dell'ufficio delle imposte spagnolo in Castilla-La Mancha. Hanno lavorato con agenti della Guardia Civil di Cuidad Real e hanno iniziato a lavorare a settembre 2018. 

Gli obiettivi delle loro indagini erano aziende regionali che utilizzavano materie prime insolite per la produzione di vino e liquori: la rete avrebbe usato sciroppo di mais (isoglucosio) e alcol di grano (anziché alcol di vino) per creare alcolici e brandy.

Secondo i rapporti, l'isoglucosio è stato trasportato dai Paesi Bassi e dal Belgio in Spagna. Lungo la strada, il nome del prodotto e le persone che lo gestivano sono stati modificati sui documenti. Quando l'isoglucosio arrivò in Spagna, fu fermentato o miscelato con prodotti vitivinicoli. "Lo scopo dell'uso dell'isoglucosio era di ridurre i costi, non di aumentare artificialmente l'intensità alcolica dei prodotti", ha affermato un rapporto.

Complessivamente, sono state coinvolte una rete di oltre 60 persone giuridiche e società in Spagna, Olanda, Austria, Belgio, Francia, Moldavia e Russia.

Durante le perquisizioni della polizia sono state scoperte anche armi da fuoco illegali, così come numerosi veicoli di lusso.

 

EdczrULWkAAbLbi.jpg

 

Too often we Italics forget that the road to becoming Italian is not yet finished and so, before defending the countless values ​​of our lands, especially in the food and wine world, it almost seems that we are having fun demolishing them. Obviously, journalists who take on the specialization of pen-sensationalists, who ride up to paroxysm every possible news that denounces any Maramaldesque behavior, are made with all due respect. Except change your goal, in two or three days, and abandon the sensation of their saying to the currents of karst rivers.

It was and is so for the case of the pig's thighs that do not comply with the various specifications, decotennato made by the judges of the protection mark that was to indicate the protection of the mark. Magistrates intervened, as they should, whenever good faith becomes criminal. Even more, for the cyclical cases of the "re-adjusted boquet" of Friuli wines, or the very recent case of Oltrepò Pavese wine. Where once again a stick was used to mix water with musts and sugar. Fortunately, mixtures such as those which went down in history for having caused even a few dozen intoxicated deaths did not arrive.
Finally, do not forget the cases that see poor Brunello at the center of attention, paying the price for too much goodness and notoriety. Among the most targeted by criminals and scammers for relativity, ease of lucrative and criminal gains, but also the goal always in the foreground for those pen-nuns who, in order to increase their readers by a few readers, as per premise, shoot shots of zero-rise words but without giving a follow-up that gives satisfaction and tranquility to the public as consumers. Only cheated, when and if it goes well, victims, fortunately, almost never.

come-fare-lo-sciroppo-di-mais-1024x684 (1).jpg

 

Why these lines? To ask the very short course penenents why they did not dive into the pools of sensationalism also for what happened in Spain where the total bill, excluding any victims and of which there is currently no news, of a fraud discovered by the Guard Civil for a probable offense equal not one or two million euros but 100.
This is not because we have to make a tie and draw and conclude that around the world there are also others ready to make marmaldi, profiting from the poor consumer and also from the reader, but because 100 million is a number that perhaps deserved more attention than some a thousand boxes of Findus noodles made with horse ragòut instead of beef, withdrawn from the Italian market. History disappeared in two days and far from comparable, at least in numbers to the Spanish episode of Castilla-La Mancha and Madrid. According to reports from the Spanish media, the authorities have discovered an international network of over 60 companies involved in the conversion of wheat alcohol into products including adulterated wine, with possible illegal revenues of 100 million euros.

The operation to discover the network - codenamed Isolu - was carried out by customs surveillance officers of the Spanish tax office in Castilla-La Mancha. They worked with agents of the Guardia Civil of Cuidad Real and started working in September 2018.
The objectives of their investigations were regional companies that used unusual raw materials for the production of wine and spirits: the network would use corn syrup (isoglucose) and wheat alcohol (instead of wine alcohol) to create alcohol and brandy.
According to reports, isoglucose was transported from the Netherlands and Belgium to Spain. Along the way, the name of the product and the people who ran it were changed on the documents. When isoglucose arrived in Spain, it was fermented or mixed with wine products. "The purpose of using isoglucose was to reduce costs, not to artificially increase the alcoholic strength of the products," said a report.
Overall, a network of over 60 legal entities and companies in Spain, Holland, Austria, Belgium, France, Moldova and Russia have been involved.
Illegal firearms were also discovered during the police searches, as well as numerous luxury vehicles.

Thanks to the Civil Guard for the photos taken from their official web channels and thanks also for their work to defend the reputation and honesty of Spain's vines