In tempo di corona virus un vino al giorno

di Donato Sinigaglia
Marzo 26, 2020

Da degustare in famiglia al motto di  #iostoacasa

vinoecibo prima _coronavirus.jpg

 

Costretti a rimanere a casa. A rinunciare al rito dell'aperitivo, alle cene fra amici occasioni per stappare una buona bottiglia. In tempo di corona virus non bisogna perdere le buone abitudini. Anzi potrebbe essere una reazione per esorcizzare la pandemia. Ovvero il vino può essere degustato in famiglia e anche in base ai giorni della settimana.

 

vinoecibo bianco.jpg

 

Da lunedì a domenica, da nord a sud dell’Italia, ecco le etichette consigliate per momenti di-vini. Un vino al giorno. Si parte con i grandi vini della Cantina San Michele Appiano, Sauvignon e Pinot Noir Riserva della linea Sanct Valentin, per passare al Cuvage Rosè Brut e il Prugneto di Poderi del Nespoli, aziende del gruppo Mondodelvino Spa. Si chiude in bellezza con il Pinot Bianco Sirmian e il Passito Baronesse di Nals Margreid e i vini dell’Etna della Tenuta siciliana Carranco.

 

csm_sauvigno_sanct_valentin_coronavirus.jpg

 

Lunedì, Sauvignon Sanct Valentin (Cantina San Michele Appiano - Alto Adige).

E' il vino più famoso e premiato d’Italia della Cantina San Michele Appiano è perfetto per iniziare la settimana col piede giusto. Un bianco di classe superiore dal frutto seducente, eccellente mineralità e persistenza. Questo nettare della linea di punta Sanct Valentin, è ottimo per accompagnare piatti di pesce, come il pesce persico e la sogliola oppure con il salmerino in salsa di peperoni, oppure ancora con un saporito risotto alle verdure. Da servire da 8 a 10 gradi.

 

pinot nero.png

 

Martedì, Pinot Noir Riserva Sanct Valentin (Cantina San Michele Appiano - Alto Adige).

Al giorno il cui nome deriva dal latino Martis dies "giorno di Marte", divinità legata al pianeta rosso, nulla s'addice di più del Pinot Noir Riserva Sanct Valentin. Vino rosso oltremodo sensuale e con uno straordinario potenziale d’invecchiamento, il Pinot Nero della linea di punta della Cantina San Michele Appiano si distingue nel bicchiere per finezza, frutto, struttura ben bilanciata e tannini fini. È l’ideale accompagnatore della spalla o schiena d’agnello stufata, della coda di bue o dei formaggi più intensi. Da servire a una temperatura compresa tra i 15 e i 16 gradi.

 

cuvage buono.jpg

 

Mercoledì, Cuvage Nebbiolo d’Alba Doc Brut Rosè ( Piemonte).

Raffinate le bollicine di Cuvage Rosè Brut. Cuvage, casa spumantiera piemontese del gruppo Mondodelvino Spa, produce questo spumante dal colore cipria tenue da uve 100 per cento Nebbiolo che in bocca rivelano tutta la loro personalità, con grande eleganza ed equilibrio. Dal perlage fine e molto persistente, il Cuvage Rosè Brut trova la sua massima espressione con i crostacei crudi e sapientemente cucinati e con gli insaccati nobili.

 

prugneto _vinoecibo_coronavirus.jpg

 

Giovedì, Prugneto Romagna Doc Sangiovese Superiore (Poderi del Nespoli, Romagna).

Il Prugneto di Poderi del Nespoli, cantina del gruppo Mondodelvino Spa, è la tipica espressione del Sangiovese di Romagna perfetto per la giornata che divide l’inizio e la fine della settimana. Il Prugneto e la sua freschezza si sono fatti apprezzare dalla critica, ottenendo numerosi riconoscimenti negli anni. Dal colore rosso rubino e dal profumo intenso di frutta rossa, incanta con i tannini morbidi e le note di viola, ciliegia e prugna oltre a un retrogusto speziato e persistente. Perfetto per accompagnare la pasta fatta a mano, ravioli di piccione con rosmarino e salsa al vino rosso, arrosti, costate di manzo alla griglia, formaggi stagionati. Da servire a 16 gradi.

 

sirmian_vinoecibo_coronavirus_vino.jpg

 

Venerdì, Sirmian Pinot Bianco ( Nals Margreid – Alto Adige).

Per chi l’aperitivo ama concederselo nella giornata del venerdì, il Pinot Bianco Sirmian rappresenta una scelta di prim'ordine. Sirmian è l’essenza rappresentativa di Nals Margreid e una delle etichette più note che la cantina produce fin dal 1971.  Di eccellente mineralità, fresco e vivace al palato, questo Pinot Bianco elegante e sofisticato accompagna divinamente antipasti, primi piatti e secondi di pesce. Da servire a una temperatura di 10 gradi.

 

15-baronesse-moscato-giallo-passito-coronavirus-vinoecibo.png

 

Sabato, Passito Baronesse ( Nals Margreid – Alto Adige).

Il sabato è la giornata in cui non guasta un tocco di dolcezza, quello del Passito Riserva Baronesse di Nals Margreid. La raccolta delle uve di Moscato Giallo che compongono questo vino, avviene in un momento preciso dell’autunno, quando le ultime giornate di sole hanno fatto raggiungere ai frutti la perfetta maturazione e la complessità aromatica. L’uvaggio trascorre poi alcuni mesi di riposo sui graticci dell’antica Tenuta Baron Salvadori, storica tenuta appartenente alla cantina, dove a fine ‘800 si lavoravano i bachi da seta. I profumi di frutta gialla sciroppata e miele, il sorso vellutato e delicatamente dolce, promuove il passito Baronesse a perfetto protagonista del fine settimana. Da servire a temperatura di 10 gradi.

 

carranco-etna-rosso-villa-dei-baroni.jpg

 

Domenica, Etna Bianco, Etna Rosso (Villa dei Baroni Carranco Sicilia).

La domenica è la giornata perfetta per regalarsi una doppia degustazione, con la coppia di vini vulcanici della Tenuta siciliana Carranco. L’Etna Bianco nasce da uve 100% Carricante, vitigno autoctono antichissimo. Un bianco di grande struttura e longevità, caratterizzato da un sapore complesso, sapido, intenso ed elegante, con note fruttate di mela verde e agrumi. Da servire a una temperatura tra i 10 e i 12 gradi. L’Etna Rosso è prodotto con uve 100 per cento Nerello Mascalese, considerato il re tra i vitigni autoctoni dell’Etna. Le uve vengono coltivate all’interno della tenuta Carranco, su vigne vecchie circa 50 anni. Vinificato in vasche in cemento come da più antica tradizione, e invecchiato nelle grandi botti di rovere, questo vino esprime la personalità vulcanica della sua terra d’origine, una spiccata mineralità e acidità, con un finale molto elegante con un tannino leggero, setoso e sapido, sentori fruttati intensi si alternano a note più speziate. Da servire a una temperatura tra i 16 e i 18 gradi.