Il Morellino di Celestina

di Leonardo Felician
Set. 22, 2020

Un “supertuscan” democratico

A democratic “supertuscan”

 

V moira_vigneti_celestina_fe.jpg

 

Eglnish text follows

ll Morellino di Scansano è uno dei più interessanti vini toscani, con un eccezionale rapporto tra prezzo e qualità: si potrebbe definirlo un “supertuscan” democratico, alla portata di tutti, a differenza di altri famosi vini imparentati a base di uve di sangiovese i cui prezzi sono ormai fuori da ogni logica.

Divenuto DOC nel 1978 e successivamente DOCG ossia a Denominazione di Origine Controllata e Garantita a partire dalla vendemmia 2007 il Morellino ha coronato così con questo prestigioso riconoscimento il lavoro che viticoltori e vinificatori hanno svolto nell’arco di decenni per raggiungere la qualità in ogni singola fase della lavorazione e della produzione. La zona di produzione storica comprende tutto il comune di Scansano e parte dei comuni di Campagnatico, Grosseto, Magliano in Toscana, Manciano, Roccalbegna, Semproniano. Il severo disciplinare prevede un uvaggio minimo all’85% di uve di sangiovese e massimo di 15% di altre uve di vitigni a bacca nera consentiti nella Regione Toscana.

10257039_281810592012897_1783277036803688203_n.jpg

 

La resa della DOCG è sui 90 quintali per ettaro, mentre per la DOC era di 120 quintali per ettaro. Le fasi di vinificazione devono avvenire obbligatoriamente nella zona di produzione delle uve, così come l’imbottigliamento, fatto salvo il diritto acquisito dalle aziende che hanno storicamente imbottigliato il Morellino di Scansano fuori dalla suddetta zona prima del passaggio a DOCG.

E’ proprio un Morellino di Scansano da uve di sangiovese in purezza il primo vino commercializzato a partire dall’annata 2003 dall’azienda di Moira Guerri, che giovanissima ha voluto dedicare la sua attività alla produzione vinicola nel 1999 acquistando terreni a Cupi, a pochi chilometri dal mare e impiantando il primo vigneto da un ettaro e mezzo di filari di sangiovese. Il nome dell’azienda, così come il nome del Morellino pluripremiato nei suoi quasi vent’anni di storia è Celestina Fe’, un omaggio alla nonna ispiratrice dei valori di amore per la terra e rispetto per la sostenibilità delle pratiche agricole tradizionali: l’azienda oggi infatti è tutta certificata biologica.

V PHOTO-2020-09-18-08-40-26.jpg

 

Tutti i vigneti di sangiovese impiantati con il criterio di alte densità a 6.500 ceppi per ettaro sono allevati a cordone speronato. La raccolta delle uve viene effettuata a mano a fine settembre. La vinificazione per metà in vasca di acciaio e per metà in botte grande di rovere passa per una maturazione e affinamento di alcuni mesi in bottiglia. Ne risulta un vino color rosso rubino intenso di alta gradazione alcolica, 15 gradi e mezzo per l’annata 2015, con potenziale di invecchiamento per una decina di anni.

Per cinque anni l’azienda, il cui perimetro comprende anche l’Agriturismo Pian dei Pini, ha continuato a produrre solo questo Morellino. Poi a poco a poco si diversificò con l’impianto di vitigni di origine francese come merlot, cabernet sauvignon e petit verdot, anche se il sangiovese resta comunque preponderante. Tuttora la produzione è estremamente focalizzata su pochissime etichette: al Morellino Celestina Fe’ si sono affiancate quattro nuove proposte, tre di rossi dai nomi evocativi (Amore E…, Delirio, Erzilia) e un unico bianco l’Ansonica IGT, un vitigno a bacca bianca con origini nell’Italia Meridionale dove è noto come Inzolia, molto diffuso nel sud della Toscana

 

Azienda Agricola Celestina Fe’   Podere Pian Dei Pini, 9 Loc.Cupi, Montiano (GR)   Tel.: 0564 589937, 339 677 4045

Email: info@celestinafe.com  www.celestinafe.com

20507303_668192673374685_9144075905021009511_o.jpg

 

Morellino di Scansano is one of the most interesting Tuscan wines, with an exceptional relationship between price and quality: it could be defined as a democratic "supertuscan", affordable for everyone, unlike other famous related wines made from Sangiovese grapes whose prices are now beyond all logic.

Becoming DOC in 1978 and subsequently DOCG, i.e. a Controlled and Guaranteed Designation of Origin starting from the 2007 harvest, the Morellino thus crowned with this prestigious award the work that winemakers and winemakers have done over decades to achieve quality in every single phase processing and production. The historical production area includes the entire municipality of Scansano and part of the municipalities of Campagnatico, Grosseto, Magliano in Toscana, Manciano, Roccalbegna, Semproniano. The strict specification provides for a blend of at least 85% of Sangiovese grapes and a maximum of 15% of other grapes of black grape varieties permitted in the Tuscany Region.
 

95053046_1298061870387759_2282555258448117760_o.jpg

 

The yield of the DOCG is around 90 quintals per hectare, while for the DOC it was 120 quintals per hectare. The winemaking phases must necessarily take place in the grape production area, as well as bottling, without prejudice to the rights acquired by the companies that have historically bottled Morellino di Scansano outside the aforementioned area before the transition to DOCG.

A Morellino di Scansano from 100% Sangiovese grapes is the first wine marketed starting from the 2003 vintage by Moira Guerri's company, who at a very young age wanted to dedicate her business to wine production in 1999 by purchasing land in Cupi, a few kilometers from the sea and planting the first vineyard of one and a half hectares of Sangiovese rows. The name of the company, as well as the name of the multi-awarded Morellino in its almost twenty years of history is Celestina Fe ', a tribute to the grandmother who inspired the values ​​of love for the land and respect for the sustainability of traditional agricultural practices: the the company today is all certified organic

 

All Sangiovese vineyards planted with the high density criterion at 6,500 vines per hectare are trained with spurred cordon. The grapes are harvested by hand at the end of September. The vinification half in steel tanks and half in large oak barrels passes through a maturation and refinement of several months in the bottle. The result is an intense ruby ​​red wine with a high alcohol content, 15 and a half degrees for the 2015 vintage, with aging potential for about ten years.

For five years the company, whose perimeter also includes the Pian dei Pini Agriturismo, has continued to produce only this Morellino. Then it gradually diversified with the planting of vines of French origin such as merlot, cabernet sauvignon and petit verdot, although Sangiovese still remains predominant. The production is still extremely focused on very few labels: Morellino Celestina Fe 'has been joined by four new proposals, three reds with evocative names (Amore E ..., Delirio, Erzilia) and a single white Ansonica IGT, a grape variety white with origins in Southern Italy where it is known as Inzolia, widespread in southern Tuscany.
 
Celestina Fe 'Farm   Podere Pian Dei Pini, 9 Loc.Cupi, Montiano (GR)    Tel .: 0564 589937, 339 677 4045
Email: info@celestinafe.comwww.celestinafe.com