Veneto

Durello Mon Amour

di Miriam Quartesan
Feb. 7, 2016

Durello mon amour ,Degustazione del Durello di casa Marcato , Lessini Durello Marcato AR 2006,Gianni Tessari

Un po' di storia

L’unicità dello Spumante, Lessini DOC…, vitigno autoctono con caratteristiche molto speciali, la zona dove si coltiva il vitigno Durello ha un’antica storia viticola; nel comune di Vestanova a Bolca, nell’alta valle dell’Alpone, si sono trovate le prime ampelidee fossili, specie appartenente alle antenate delle attuali viti. Le origini del vitigno, risalgono al 1292, come fa intendere lo statuto della comunità di Custoza, concordemente alla varadua, alla drumasta, alla sclava e la durasena che si ritiene l’attuale Durella. Il Conte Giulio da Schio, nel suo volume “ sull’enologia e viticultura delle provincie di Vicenza del 1905”, affermò che sulle colline di Arzignano, il durello era il più diffuso, e che lo stesso dava “uve zuccherine”. Il Perz, nella sua monografia, apparsa all’inizio del secolo, sull’ampia raccolta di documentazioni del Soriani Moretti, indica che la durella o durola bianca, era coltivata a Roncà (Verona) e che tale vitigno, si era diffuso nell’estremo lembo orientale della provincia veronese; provenendo dal comunicante territorio di Arzignano(Vicenza). Il Molon, nella sua ampelografia del 1916, descrisse ancora la durella con il nome di Nosiola, mentre il Marzotto, nella sua pubblicazione “uve da vino” del 1925, indica come sinonimi, la durella bianca, la durella chiampo e la durella di Arzignano.

Un po' di storia

Durella, ricercata per la sua forza

La Durella, dà uva molto ricercata per il taglio di uve grasse di pianura perchè contiene acido tannico a sufficenza e necessario a chiarire e dare vivacità ai vini deboli. Inoltre, sempre secondo Marzotto, l’uva Durella, può ben maturare su terreni ben esposti ed asciutti, anche di piano, dando un vino buono, limpido, secco, di sapore dolce-acidulo, che migliora molto con l’invecchiamento ed è molto serbevole". Dilani, nella sua memoria "zona del Bianco e del Rosso dei Colli Berici", in accordo con altri sperimentatori, segnalò che, la coltivazione della "Durella", in pianura, si doveva assolutamente proscrivere, mentre era da adottare nelle zone collinari, particolarmente in quelle con terreni di origine vulcanica. Infine, nella pubblicazione del 1960, "Vitigni da Vino", questo vitigno autoctono, viene segnalata con "rabiosa", delle colline asolane, nonché, con la "cagnina", delle parti più elevate delle colline a ponente di Schio, che però non avrebbe nulla a che fare con la "cagnina romagnola", anche perché quest’ultima è a bacca nera.

Il vino Durello, nei primi decenni di questo secolo, si vinifica con macerazione delle parti solide. Quindi, oltre che aspro, si presentava intensamente colorato e astringente. Questo prodotto, abbastanza rustico, si presentava bene, secondo le richieste di quel tempo e di quel fruitore che lo preferiva con acqua, oppure favorito per il vino da taglio. Verso gli anni ’60 si passa alla vinificazione in bianco, ottenendo un prodotto base molto gradevole ed ottimale per la preparazione dello spumante. Le prime aziende produttrici di Durello spumante apparvero infatti, verso la fine di questo decennio.

Durella, ricercata per la sua forza

Il cuore del vulcani

L’approvazione della Denominazione di Origine Controllata, che ha avuto una sotria lunga e tormentata, si è avuta solamente con il D.P.R. 25/06/87. Questa particolare uva, dal tipico sapore acidulo, buccia spessa, da cui ne deriva il nome, ricca di tannini, figlia di vitigni autoctoni dei monti Lessini in grado di esprimersi al meglio nel loro ambiente naturale, trasmette al vino una piena identità territoriale e storica. Oggi, dona agli spumanti Lessini Durello DOC, la mineralità vulcanica tipica dei suoi suoli. Tra la provincia di Verona e Vicenza, i Monti Lessini, rappresentano da sempre un tesoro naturale per esprimere, al meglio, brillanti risultati della viticultura di natura vulcanica. I vigneti di alta collina, completano il quadro, favorendo l’esposizione e l’escursione termica. Fattori determinanti per la freschezza e l’aromaticità di questi spumanti. Da notare bene, che i suoli vulcanici, ideati da tufo e basalti, ricchi di ferro, magnesio, e molti altri microelementi, attraverso l’uva trasferiscono al vino una gran bella e piacevole caratteristica di sapidità, di mineralità.Non solo ma la viticultura su terreni vulcanici, richiede minori interventi esterni, ed è quindi, qualitativamente superiore, ed ecologicamente più sostenibile.

Il cuore del vulcani

Nuova evoluzione con Gianni Tessari

Aromi di mela renetta, lichi, agrumi in genere, grande mineralità, tipica di questo Terroir vulcanico. Sono queste le caratteristiche tipiche dello Spumante Lessini Durello DOC, che può distinguersi in : Lessini Durello DOC Metodo Charmat, con un quadro aromatico fresco, Lessini Durello DOC Metodo Classico, dove si mostra una struttura più importante e la “RESERVE”, più complesso con una massima espressività ed equilibrio, mostra il perlage, che si mantiene vivo, grazie a lunghe permanenze sui lieviti, non inferiore ai 3 anni.

Nell’idea di Durello, voglio presentarvi e parlarvi dell’azienda Agricola Marcato Vini, una, tra le protagonisti del grande processo di valorizzazione e riscoperta, che ha aiutato a far parlare di Durello negli ultimi trent’anni , grazie a questi numeri : 55 ettari di superfice vitata, 4500 quintali d’uva, 400.000 bottiglie prodotte, 7.000 mq di cantina. Il 2013, oltre ad un secolo di storia, ha segnato l'inizio di un nuovo corso per la Marcato Vini, con l’avvento di Gianni Tessari. Vignaiolo da sempre che oggi coglie una nuova sfida, portando nella storica azienda di Roncà, la sua filosofia e uno stile che lo porta ad utilizzare per le basi spumante, uva Durella al 100%. Oltre ai due notevoli prodotti in degustazione, ovvero, il Lessini Durello Marcato 36 mesi e il Lessini Durello Marcato AR 2006, l’azienda produce, nella versione spumante:Durello Extra Dry; Durello Brut; Durello Dolce; Lessini Durello 60 mesi M.C.; Rosè 36 mesi M.C.

Nuova evoluzione con Gianni Tessari

Al via la prima batteria nelle sale del Golf Club Colli Berici

Inizia la degustazione, nelle sale del Golf Club Colli Berici di Brendola, nel vicentino, presentata da Nicola Frasson e da Gianni Tessari che dopo aver presentato lo svolgersi dell'incontro, racconta alla platea degli invitati, i motivi della selezione di vini appositamente scelti per sperimentare, assaggiare ed eventualmente interagire, con i vari e diversi palati dei degustatori che sono così chiamati ad affrontare la prima batteria delle due batterie previste per la degustazione :
 

Franciacorta Enrico Gatti Brut …questo chardonnay in purezza, con 2 anni sui lieviti, si presenta cristallino con un perlage abbastanza fine, di medio corpo, morbido e profumato, mostra una buona complessità, profumi floreali e dallo stile secco e asciutto, sapido, comunque fine.
 

Lessini Durello Marcato 36 mesi…uno spumante brut composto da 85% Durello,15% Pinot Noir, affinamento sui lieviti per 36 mesi nelle cave sotteranee della cantina, si presenta brillante, perlage abbastanza fine, abbastanza complesso, presenta profumi di fiori di campo, bianchi e polpa bianca, si raccoglie in una media struttura, pulito, mantiene una buona persistenza.

Champagne Billecart Salmon Brut Réserve…Lo Champagne tondo, per espressione, brillante, bella complessità, dotato di struttura e sapidità, con un’abbastanza fine ed una nota elegante di equilibrio. Questa cuvée non è cambiata dal 1945: tre annate e uva tre varietà, dai migliori vigneti della Marna. Uno champagne con delle bollicine persistenti.
 

Champagne Pol Roger Réserve… La definizione esatta di questo Champagne stà nello stile della casa, composto da 30 vini base provenienti da almeno due annate, le tre varietà di Champagne, Pinot Nero, Chardonnay e Pinot Meunier miscelate in parti uguali, in particolar modo, Brillante, si vede un perlage poco persistente che mostra comunque un suo fragrante profumo avvolgente, abbastanza intenso, secco, sapido, raccoglie una media rotondità nel complesso fine.
 

Champagne Gatinois Ay Grand Cru Brut Tradition…Bella espressione in bocca, avvolge il palato, uno Champagne che sprigiona sensazioni retronasali interessanti, a tutto tondo, regala un particolare profumo intenso con perlage abbastanza persistente.

Al via la prima batteria nelle sale del Golf Club Colli Berici

A seguire, con la seconda partita in degustazione

Franciacorta Cabochion Brut Monte Rossa…, è il prestigioso di Monte Rossa. Era nato dalla ricerca, iniziata nel 1985, di una selezione più attenta dei cru della collina di Monte Rossa e di un nuovo sistema di vinificazione che introduceva la barriques per la prima fermentazione del mosto, composto da Chardonnay 70% e Pinot Nero 30%. L'affinamento a contatto dei lieviti dura più di 40 mesi. Questo, in particolare, potrebbe mostrarsi armonioso, perlage abbastanza fine,e persistente, dalla personalità complessa con note di minerale, comunque abbastanza intenso e nel complesso fine.

Lessini Durello Marcato AR 2006…85% Durella, 15% Pinot Nero, rimane sui lieviti per 8-10 anni, pressatura soffice con fermentazione a temperatura controllata di 14-16°C e fermentazione malo lattica completa, poi tagliato per la seconda fermentazione. Dal colore brillante, con perlage persistente e fine, sprigiona luminosità, presenta una sua personalità, al naso, interviene con note di dolcezza mentre è garante di una bocca rotonda. Profumo elegante, lieve sentore di Lichi, frutta candita, uvetta, mela cotta, mostra una bella freschezza, abbastanza complesso, regala soddisfazione al primo sorso, nel dettaglio è uno spumante fine.
 

Champagne Tarlant Zero Brut Nature… Si presenta di un colore giallo cristallino, perlage quasi evanescente, esprime una media personalità, abbastanza fine con un naso flebile, mentre al palato si distingue per la freschezza con una presenza decisamente citrina.

Champagne Egly-Ouriet Brut Tradition Gran Cru…, frutto della lavorazione di pregiate uve ottenute esclusivamente da vecchie vigne situate nei pregiati territori di Ambonnay, Bouzy, Vrigny e Verzenay. Questo Grand Cru, ottenuto dall’assemblaggio di 2 vitigni (Chardonnay e Pinot Noir) e di quattro annate. La fermentazione è naturale e senza lieviti aggiunti, quindi di soli lieviti indigeni, proprio per preservate la Tradition. Dopo un anno di élevage sui lieviti, questo champagne viene messo in bottiglia senza alcuna filtrazione. Si presenta con un bel colore brillante, perlage fine, naso importante e note fragranti, con sentori di liquerizia e essenza aromatica. Entra in bocca rotondo e abbastanza minerale, gusto elegante e pulito, fine.

Champagne Philipponnat 2008 Blanc de Noir Brut…, ecco, una bollicina dove, le “vinificazioni sono le più naturali possibili. A pensare che, la buona enologia debba essere molto poco interventistica. Le temperature di fermentazione sono fresche, ma non troppo basse, in modo da conservare un’espressione aromatica naturale. Questa nota di lievito accentuata, ben bilanciata, permette, con poco dosaggio, che lo zucchero non possa mascherare l’equilibrio tra freschezza e vinosità. Prumi di frutta a polpa bianca, e un po’ di miele. Al primo sorso, regala il suo gusto minerale e fine, rotondo di freschezza e della pulizia.
E aggiungo…di solito, difficilmente, mi permetto di esprimere il mio “ MANDALA”( letteralmente significa cerchio, o meglio, una Geometria Sacra che assomma in sé la potenza dell’ OM e il potere armonizzante..), in questo vino, ci stà, come ultima bollicina della serata, Chapeau!

A seguire, con la seconda partita in degustazione