Toscana

Castello Di Verrazzano

di Cristina Vannuzzi
Ott. 19, 2015

Il c'era una volta che ancora c'è ,Castello di Verrazzano , Dalla terra dei cinghiali a NewYork, Cappellini , Luigi Cappellini

I Capellini a tenere alto il blasone

C’era una volta…….vedo occhioni sgranati e bocche infantili aperte, sorpresi, incuriositi a ragione, perché non è facile trovare un castello che risale al decimo secolo capace di mantenere intatto il fascino della sua storia, evidenziata da un attento e continuo restauro, oggi reinterpretata in chiave moderna. Tra bellezza e natura la passione disegna i sogni, quelli di Luigi Cappellini che ha saputo dare una nuova anima e incredibile bellezza a questo straordinario luogo. Non si può che cedere alle emozioni che portano alla poesia vivendo le immagini variegate che la natura offre in questo posto, immagini sospese nel tempo, disegnate dal passare delle stagioni, il verde che muta, i colori che cambiano, i profumi che fanno un concerto, appagante, unico.

I Capellini a tenere alto il blasone

Un castello vivo come il vino e l'olio

Della famiglia Cappellini io ho conosciuto il primo proprietario del castello, Luigi Cappellini, che lo acquistò nel 1958, era il padre dell’attuale proprietario, Gigi per gli amici, un turbine di simpatia, ironico, divertente, fiorentino…e con questo si dice tutto!  E oggi ritrovo Luigi, il figlio, e osservo compiaciuta l’imprenditore, pieno di entusiasmo e talento per ricomporre un nuovo rinascimento, una proposta nella riscoperta della sua Toscana, della natura unica e ancora incontaminata dei luoghi, lontano dai ritmi della città, dove il primo attore, armonioso, imponente e pieno di storia, diventa il Castello di Verrazzano, testimone di un nuovo turismo, la strada per conservare un patrimonio storico di grandissimo valore mantenendo l’equilibrio tra la tutela del posto e la necessità di renderlo vivo e fruibile al turista, evidenziandone le peculiarità, come il vino e l’olio.

Un castello vivo come il vino e l'olio

Atmosfere uniche

Come dice Luigi Cappellini percorrendo le sue vigne….L'atmosfera in vigna è unica, un grappolo d’uva è un capolavoro della natura, è fatto da tanti cerchi, piccole sfere. In Giapponese la parola cerchio è tradotta in ensō, e significa illuminazione, forza, universo. E’ il momento in cui la mente si libera dando sfogo alla creatività che è anche una mia caratteristica. In 220 ettari di terra, di cui 52 adibiti a vigneto, noi riusciamo a produrre 250 mila bottiglie di vino l’anno e il vino è per noi il punto fermo dell’Azienda, invece per il turismo io viaggio molto, specialmente in America dove abbiamo legami strettissimi. La sa la storia del castello? qui è nato Giovanni da Verrazzano, e da qui è partito per la sua importante scoperta dell’America, insieme a Cristoforo Colombo. Fu proprio Verrazzano che scoprì la baia di New York e al ponte, costruito e inaugurato nel 1964, gli hanno dedicato il nome e dove sono incastonate 4 pietre del castello nel quale, a sua volta, sono incastonate 3 grosse pietre del ponte stesso, usate per la sua costruzione, un gentleman agreement di riconoscenza e ringraziamento.

Atmosfere uniche

Dalla terra dei cinghiali a NewYork

Io volo sempre a New York, dove il ponte, il più italiano dei ponti, ha compiuto 50 anni fra mille festeggiamenti, e sono invitato proprio come testimone di Verrazzano, il capitano di ventura che amava il mare e le vele per andare a conoscere nuove terre e nuovi popoli, che, tra l’altro, ha dato anche il nome al castello, infatti Verrazzano viene da verro, terra dei cinghiali, i verri, terra dei capobranco, infatti abbiamo chiusi in un recinto una ventina di cinghiali, tra le serre e le vasche di fiori, gli orci e la fontana zampillante, una presenza emblematica in un mare di verde.

Fattoria Castello di Verrazzano  -  Via Citille, 32°  - Località Greti

50022 Greve in Chianti – Fi   www.verrazzano.com

 

Dalla terra dei cinghiali a NewYork