Campania

Casolare Hirpino

di Angela Merolla
Ago. 1, 2015

Casolare Hirpino

Era il 1930 quando

Tutto ebbe inizio nel 1930 quando Albino Petrillo a soli 21 anni, volle a tutti i costi acquistare un appezzamento di terra a Lapio in provincia di Avellino, proprio lì dove era nato e cresciuto.

Un po’ per la sua giovane età, un po’ per l’esile stazza, quasi per scherno gli fu chiesta una prova di forza, alzare il masso che era ai suoi piedi e farlo rotolare lungo il pendio, dimostrando così che avrebbe avuto l’energia per governare quella terra e per mettere su famiglia.

Albino raccolse tutte le sue forze e riuscì ad alzare il masso, poi tenendosi fermo sulle gambe lo lanciò facendolo rotolare giù tra i filari e poi di colpo la caduta si arrestò, fu questo un segno di buon auspicio, ecco la prova era perfettamente riuscita e per Albino quel momento segnò l’inizio della vita che sognava.

Era il 1930 quando

L'antico casolare di famiglia

Una bella storia raccontata oggi da suo nipote, erede del nome e della passione del nonno per quella terra rigogliosa, ancora oggi gli alberi da frutta, i lunghi filari di Aglianico e Fiano fanno da cornice all’antico casolare di famiglia.

Albino Petrillo ha realizzato la sua piccola azienda agricola “Casolare Hirpino”, dove frutta e verdura genuina, viene prodotta anche in versione conserve e nel piccolo forno del casolare le sapienti mani di mamma Giovanna infornano pane e dolcetti fatti a mano.

L'antico casolare di famiglia

Nel patio tra Fiano ed Aglianico

Una tappa piacevole per chi vuole degustare sotto un accogliente patio i prodotti dell’azienda, immersi in un paesaggio di notevole bellezza.

Il prodotto di punta è il loro vino 'Fiano di Avellino Docg', e 'Aglianico Irpinia Doc', una produzione di circa 15.000 bottiglie annue, due vini schietti, piacevoli che rappresentano a pieno il sano lavoro del “Casolare Hirpino”.

Nel patio tra Fiano ed Aglianico