Veneto

Tutto Il Buono Del Mangiare Sano

di Marco Bevilacqua
Feb. 9, 2015

Cucina vegana, cucina vegetariana, chilometri zero, cibo sano, Natural Bistrot, Padova,

In primo piano gusto e salubrità dei piatti

Come testimonia il nome, l’idea del nuovo locale padovano Natural Bistrot  è semplice, ma in fondo geniale: declinare il concetto di cibo sano secondo i dettami di tutte (o quasi) le filosofie richieste oggi dal mercato, dalla vegana alla naturista, dalla vegetariano a quella ispirata al chilometro zero. Mattia Gardini (proveniente dalla fortunata esperienza del Vigò) e Cosetta Stefan, affiancati in sala da Viviana Gallocchio e in cucina dallo chef Alessandro Bertaggia, hanno voluto creare un concept di ristorazione esteso, in cui convivono diverse anime, ma tutte con il comune denominatore della qualità (la stagionalità, va da sé, è assicurata e non vale nemmeno la pena di parlarne). Insomma, sui tavoli di questo locale non mancano carne (noi abbiamo assaggiato una convincente Dadolata di manzo biologico con broccoli di Cartura), pesce e formaggio, purché di qualità garantita e certificata.
Il Natural Bistrot si propone fin dalla prima colazione (croissant senza glutine, caffè e tè selezionati), per poi aprire le porte a pranzi veloci e colazioni di lavoro, all’aperitivo serale e alla cena. Avviata da poco anche la consegna di pasti completi a domicilio (entro una quindicina di chilometri), così come la consulenza personalizzata di un nutrizionista (su appuntamento) e la possibilità di acquistare in loco cibi e prodotti di qualità.
Un piatto da provare? Per capire la filosofia del locale, chiedete una semplice pasta al pomodoro. Ne rimarrete sorpresi.
Un capitolo a parte meritano pane, cracker e grissini a base di Teff (cereale etiope senza glutine in auge nell’antico Egitto) forniti dal panificio Senza Spiga di Selvazzano (senzaspiga@gmail.com), che conquistano per sapore e fragranza, oltre che per indubbie doti di digeribilità.   
Anche i vini fanno parte di una selezione di prodotti di alta qualità: in questa stagione, provate il Versacinto 2011 di Monteversa (rosso strutturato e armonioso, ricco di note di ciliegia e frutta matura) o, se preferite i bianchi, il Moscato secco 2013 “Più che Bello” della Montecchia.
I prezzi del Natural Bistrot sono più che abbordabili, in linea con quelli di una qualsiasi tavola calda, ma con in più quella garanzia di genuinità e salubrità che, pur essendo un enorme valore aggiunto, non viene quantificata sul conto.

info: www.naturalbistrot.it