Veneto

Se Sulla Carta D'Identità C'È Scritto Gualtiero Marchesi Le Stelle Non Servono

di Il Merlo Parlante
Giugno 17, 2012

Se sulla carta d'identità c'è scritto Gualtiero Marchesi le stelle non servono

Se sulla carta d'identità c'è scritto Gualtiero Marchesi le stelle non servono

Dal 1953, la provincia di Milano festeggia la Giornata della Riconoscenza, onorando quei milanesi che si sono distinti attraverso il proprio lavoro a favore della comunità. Quest'anno, Guido Podestà, presidente della provincia di Milano consegnerà il 15 luglio, all'Istituto dei Ciechi, in via Vivaio 7, alle 15.30, il premio Isimbardi della Riconoscenza a Gualtiero Marchesi. Un ennesimo riconoscimento per questo grande personaggio che a ben diritto può essere considerato uno dei chef più noti al mondo, grande ristoratore e riconosciuto come il fondatore della "nuova cucina italiana". Il suo lavoro, spiega la motivazione al premio, nasce da una grande vocazione, accolta attraverso l'esempio dei genitori che possedevano l'albergo ristorante Al Mercato in via Bezzecca a Milano. Alla fine degli anni '60 emigra in Francia dove va a bottega dai fratelli Troisgros al ristorante Ledoyen di Parigi e al Chapeau Rouge di Digione. Nel 1977 apre il suo primo ristorante milanese, conquistando la prima stella Michelin, seguita, l'anno successivo, da una seconda. A due anni dall'apertura, i gastronomi Gault e Millau, nel corso di un'intervista a The Times, lo annoverano tra i quindici ristoranti al mondo che preferiscono. La terza stella arriva nel 1985, primo in Italia ad ottenerla. Singolare però che nel 2008, è il primo al mondo a riconsegnarle tutte, convinto che, ormai, si tratti di un gioco al rialzo, dove si sale e si scende per tenere alto il buon umore e le fortune dei critici. Nel 2006 fonda la Italian Culinary Academy e nel 2010 la Fondazione Gualtiero Marchesi che ha come missione la diffusione del bello e del buono in tutte le arti, dalla musica alla pittura, dalla scultura alla cucina. Ai nostri giorni è anche rettore dell'ALMA.
Gualtiero Marchesi al centro nella foto durante la presentazione del libro realizzato per celebrare il centenario di un altro grande nome del bien vivre italiano : la famiglia Tommasi. Con lui da sx: Lucio Bussi e Maria Teresa ferrari autori del volume, sulla destra Dario e Pierangelo Tommasi