Riapre Le Jardin Fleuri “Gusti Liberty”

di vinoecibo
Feb. 28, 2018

Dal 21 marzo a Romano Canavese un salto nel primo Novecento attraverso la cucina l’arte e la musica

Riapre il 21 marzo a Romano Canavese dopo una breve pausa stagionale Le Jardin Fleuri: un’affascinante villa Liberty del primo Novecento recentemente restaurata e trasformata in ristorante e caffetteria interamente arredata con mobili e suppellettili originali Liberty e Art Nouveau. Unico nel suo genere, Le Jardin Fleuri non è solo un ristorante. E’ soprattutto un luogo dove, fin dall’ingresso, arte, design, cucina, musica e fiori concorrono a creare un momento di totale immersione in un’atmosfera d’altri tempi.

 

Entrata Le Jardin Fleuri.jpg

La riapertura del ristorante-museo parte con un fitto calendario di eventi:

Da mercoledì 21 marzo a domenica 25 marzo: Festa di Primavera! Lo chef Denis Iaccarini ha ideato per la settimana un menu floreale di primavera, e la sera del 21 marzo, in occasione della Giornata Mondiale della Poesia, Le Jardin Fleuri proporrà alcune letture di brani e poesie da Gozzano a D’ Annunzio, dando la possibilità anche a scrittori di poesie, di leggere le proprie espressioni poetiche. Tra il sabato e la domenica la vivaista Luisa Gambone, specializzata nella ricerca di piante e fiori di antica specie, racconterà curiosità e segreti delle oltre 30 specie differenti di fiori presenti nel giardino del Jardin Fleuri, intorno alla splendida magnolia secolare. Non mancheranno chiacchiere e consigli sull’uso dei fiori in cucina.

Da mercoledì 28 marzo a domenica di Pasqua 1° aprile:Pesce d’ aprile! Auguri, scherzetti e indovinelli, con uno charme tutto da scoprire… Pasqua è il 1° aprile: per questa particolare coincidenza, sin dal mercoledì, sarà visibile una rarissima raccolta di cartoline francesi del primo Novecento dedicate proprio al Pesce d’ Aprile. Nelle sale del Jardin Fleuri, saranno esposte oltre 50 cartoline originali, alcune delle quali sono ritratti fotografici rifiniti a mano con colori tenui e inviati ai familiari come souvenir scherzoso per la ricorrenza. Fino al XVI secolo, infatti, in Francia, il primo giorno dell’anno era il 25 marzo e i festeggiamenti culminavano il 1° aprile con banchetti e scambi di doni. Solo quando re Carlo IX decise di adottare il calendario gregoriano, si spostò il capodanno al 1° gennaio, e a molti sudditi non restò altro che ricordare con una burla il 1° aprile. La mostra e le curiosità storiche sono realizzate grazie alla collaborazione con la Fondazione Arte Nova, mentre lo Chef del Jardin Fleuri presenterà un menu a base di pesci (veri e falsi…) e di cioccolato pasquale.

Al secondo piano della Villa, inoltre, è possibile per la clientela del ristorante, visitare gratuitamente l’allestimento permanente di tutti gli ambienti domestici di un appartamento borghese del primo Novecento: dalla cucina alla sala da pranzo - disegnata da Eugenio Quarti e presentata all’Esposizione Internazionale d’Arte decorativa moderna di Torino del 1902 -, dal salotto alle camere da letto.

 

torta di mele.jpg

 

Un luogo, dunque, dove si nutre il corpo e lo spirito con le ricette del giovane chef Denis Iaccarini che propone menù raffinati della tradizione piemontese e francese con ricette che ricordano quelle del primo Novecento, proposti in chiave moderna, serviti in piatti di porcellana inglese di fine Ottocento e posateria del periodo Liberty. Molto insolito l’uovo a 65 gradi con “seirass del fen”, o gli agnolotti salampatata su crema di lenticchie allo spumante, da non perdere il dolce “Paris-Brest” con la chantilly alla nocciola… L’ atmosfera è completata con il sottofondo musicale francese del primo Novecento, con compositori come Eric Satie e Claude Debussy, cantanti come Edith Piaf, Brel e Patachou, e musicisti come Charlie Parker o Chet Baker.

 

3 sala delle clematidi.jpg

 

Dal 21 marzo il ristorante Le Jardin Fleuri sarà aperto per cena dal mercoledì al venerdì, il sabato e la domenica dalle 10 del mattino con il brunch “charleston” tutto da scoprire, pranzo o cena con menu Liberty e Bistrot, e per finire la domenica “Aperò” fino alle 21. Previsti eventi e musica dal vivo il giovedì-jazz.

A meno di 30 minuti da Torino, sulla direttrice Torino-Aosta, uscita di Scarmagno – Romano, nel cuore del borgo antico, in piazza del Municipio: arte e cucina, musica e gusti …Liberty al Jardin Fleuri. 

Testo a cura di Marilina Di Cataldo  - Uff. Stampa Tel. 347.7365180 – email: ufficiostampalejardinfleuri@gmail.com

sito: www.lejardinfleurigustiliberty.com