Veneto

Padova Jazz: Ombre, Cicheti E Cene Intriganti A Ritmo Sincopato (1/2)

di Marco Bevilacqua
Nov. 8, 2012

Padova Jazz: ombre, cicheti e cene intriganti a ritmo sincopato (1/2)

Padova Jazz: ombre, cicheti e cene intriganti a ritmo sincopato (1/2)

Come sempre a novembre Padova torna a risuonare delle note del suo festival jazz, uno dei più amati del Nordest: il Padova Jazz Festival, in programma dal 12 al 17, giunge quest'anno alla quindicesima edizione e più che mai strizza l'occhiolino all'enogastronomia. Il legame fra musica d'autore e buon cibo è ormai un fil rouge vincente nel mondo dei festival di qualità (vedi Jazz & Wine of Peace di Cormons, di cui abbiamo parlato due settimane fa), nel segno di una multisensorialità che all'udito affianca sempre più spesso gusto, vista, olfatto e tatto. Ed ecco che allora Padova Jazz 2012 - organizzato come sempre dall'associazione Miles della vulcanica Gabriella Piccolo Casiraghi, in collaborazione con l'assessorato alla Cultura del Comune di Padova, con Veneto Jazz e Fondazione Antonveneta - si prepara a invadere Padova e provincia non solo di note raffinate, ma anche di sapori e proposte enogastronomiche di prima qualità. E per di più a prezzi molto interessanti, il che non guasta di questi tempi.







Prima di fornire una mappa dei locali che aprioranno le loro porte a concerti e jam session, diamo naturalmente una rapida occhiata alle star del festival, che si divideranno fra Teatro Verdi, Auditorium San Gaetano e Hotel Plaza. Il Verdi ospita le serate più importanti: il sassofonista David Murray (fra i massimi rappresentanti dell'avanguardia americana) giovedì 15; il trombettista Terence Blanchard (alter ego musicale di Spike Lee per capolavori come Inside Man e Malcom X) venerdì 16; Enrico Rava e la PM Jazz Lab, che sabato 17 offriranno al pubblico un inedito tributo a Michael Jackson.
In ossequio all'ambizione promozionale del festival, i tre concerti del Verdi saranno aperti da tre diversi pianisti emergenti, rispettivamente Giovanni Guidi il 15, Riccardo Arrighini il 16 e Claudio Filippini il 17.
Altri concerti da non mancare, nella pletora di proposte, saranno quelli del duo Enzo Petropaoli (contrabbasso) e Julian Mazzariello (piano) domenica 11 al Pedrocchi; di Gretchen Parlato, cantante di origine portoghese (al San Gaetano il 13); di Claudio Fasoli (per anni direttore artistico del festival padovano), di Marcello Tonolo e di Marco Strano (tutti al Plaza, rispettivamente il 12, il 13 e il 14).







Programma completo dei concerti su www.padovajazz.com e su www.venetojazz.com.
 
Appuntamento a domani per un excursus fra le proposte enogastronomiche legate al Festival!