Puglia

La Buona Cucina Non Si Ferma Al Nord E Di Zito Ne Parlano Anche Gli Inglesi

di Il Merlo Parlante
Set. 29, 2012

La buona cucina non si ferma al nord e di Zito ne parlano anche gli inglesi

La buona cucina non si ferma al nord e di Zito ne parlano anche gli inglesi

Se leggete attentamente le varie e diverse guide dei ristoranti italiani noterete con facilità che il numero degli indirizzi del nord Italia o al massimo fino alla Toscana, rispetto agli altri del resto del Paese, Isole comprese, sono decisamente più numerosi. Segno che da un certo punto geografico si mangia male? La risposta è no e va spiegata nel fatto che la gran parte delle grandi case editrici che si possono permettere la redazione di tali guide abitano al nord e con loro gran parte dei redattori delle guide stesse. O meglio anche al centro, al sud e sulle isole ci sarebbe gente capace di produrre recensioni ma, questa la risposta, le redazioni staccate e i loro redattori costano. Così come costano eventuali inviati del nord. Ecco quindi spiegato perchè blasonate guide, pur vantando completezza, in realtà, salvo casi ecclatanti, non si spingono in quei territori dove invece la cucina non è meno maiuscola di quella sopra la metà d'Italia. E non può far che piacere sapere che di contro, The Guardian trova spazio per dedicare un pezzo al pugliese Pietro Zito da Montegrosso di Andria e al suo ristorante-pizzeria . Al quale auguriamo altri riconoscimenti oltre quelli fin qui meritati come il Premio Giovanni Nuvoletti e il Marchio Ospitalità Italiana da parte del Giappone. Non solo ma a lui auguriamo anche di potere essere il motore per quanti della sua magnifica Puglia hanno fatto il suo stesso percorso ma anche per colpa delle guide sono ancora sconosciuti. Anche a loro, l'augurio di grandi successi come Pietro Zito, nella foto.