Dresda, itinerari in e fuori città

di Vino e cibo
Set. 27, 2020

Conoscere Dresda, le sue bellezze e suoi dintorni

Get to know Dresden, its beauties and its surroundings

 

Enghlis text follows

Relativamente piccolo ma ad alto concentrato di bellezze, bastano pochi sguardi per avere un ricordo indelebile del centro storico di Dresda. Dalla Semperoper alla Frauenkirche, passando per il Palazzo Reale e lo Zwinger, spostarsi a piedi qui è come trovarsi in un museo a cielo aperto, pervaso ad ogni angolo dai fasti di un nobile passato. Altamente raccomandata per via della recente apertura (febbraio 2020), è la visita della Pinacoteca degli Antichi Maestri nella nuova galleria Semperbau dello Zwinger. Spostandosi sull’altra sponda dell’Elba, un’atmosfera diversa ma anch’essa preda di facili innamoramenti si respira nella Neustadt. L’anima di questo quartiere di Dresda è fatta di persone, insoliti bar con dehor sulla strada, biergarten conviviali, ritrovi in piazze e cortili, teatri, verde cittadino, parchi giochi, negozi di tendenza e sapori della cucina fusion. Inoltre qui si trova la Kunsthofpassage, un porticato di cinque cortili progettati secondo temi specifici da designers, artisti e costruttori. All’interno di questi originali cortili si trovano ristoranti, caffetterie, gallerie, negozi in cui viene dato libero spazio alla creatività. Famoso è il palazzo che suona quando piove.

 

Dopo un assaggio di cultura e vita urbana arriva il momento di fare un salto nei verdi dintorni di Dresda. Punto di partenza è la terrazza di Brühl o Brühlsche Terrasse, nota anche come il “Balcone d’Europa ”. Da qui a bordo di un battello a vapore si arriva in poco più di due ore di navigazione a Pirna, incantevole villaggio e porta d’accesso ai sentieri escursionistici della Svizzera Sassone, oppure in soli trenta minuti di treno scendendo a Rathen ci si trova al punto di partenza del famoso Malerweg, il sentiero dei pittori romantici.

Collocato nel distretto di Bad Schandau e a soli 30 km da Dresda, l’idilliaco Bio resort Schmilka sorge sulla riva destra dell’Elba e si snoda nel Parco Nazionale della Svizzera Sassone. Questo villaggio è un vero paradiso, concepito nel rispetto a 360° dei dettami ecologici. Dall’attenzione per i materiali, tutti naturali ed ecosostenibili, con cui sono costruiti gli edifici, fino alla cucina dei suoi ristoranti, interamente di produzione organica e biologica. Ad esempio la birreria Braumanufaktur Schmilka produce birre artigianali non filtrate e non pastorizzate, con materie prime di agricoltura biologica certificata, e assolutamente da provare sono i prodotti da forno del mulino storico e panificio Schmilka. Per chi volesse pernottare a Schmilka, Villa Thusnelda è una soluzione che combina eleganza e agio in uno storico edificio. I suoi locali rivisitati in uno stile moderno e sofisticato si sposano perfettamente con la filosofia di vita ecosostenibile di Schmilka. L’Hotel Zur Mühle affascina per gli interni rustici, completamente in legno, nel pieno rispetto della tradizione artigianale di Schmilka, mentre più adatto ai gruppi di giovani ciclisti o escursionisti, il Berghaus Rauschenstein è un accogliente e caldo ostello anni ‘30.

 

Il borgo e il Castello di Hohnstein (un’antica fortezza risalente all’anno 1353) è un privilegiato angolo di Sassonia, arroccato su un ripido sperone di roccia. Da qui si gode di una vista meravigliosa sulla romantica valle Polenz e sulla città di Hohnstein. Attrezzato per accogliere visitatori, offre 160 posti letto in dormitori e 16 camere con bagno privato, piacevoli aree comuni, terrazza solarium, sauna, un seminterrato con camino e soffitti a volta per feste e conferenze. Mai espugnata in 750 anni di storia, la Fortezza di Königstein grande 9,5 ettari è aperta alle visite guidate. Sorge su un’altura rocciosa raggiungibile da ascensore panoramico. Dalle mura si ha una spettacolare vista sul parco nazionale della Svizzera Sassone e sulla famosa formazione rocciosa della Bastei.

Nel tratto di navigazione tra Dresda e Pirna, scendete dal battello a vapore per visitare il Castello di Pillnitz e il suo parco. Il Giardino all’inglese, realizzato nel 1778, insieme ai Giardini olandese e cinese, sono un richiamo costante per tutti i visitatori. Fiore all’occhiello sono l’orangerie e la camelia di origine giapponese. Questa, piantata nel 1800, è alta 9 metri di altezza e 12 metri di diametro. Per questo motivo è stata realizzata una serra particolare apposta per lei. Il castello di Wackerbarth si trova non lontano da Dresda, vicino a Radebeul, piccola e pittoresca cittadina sassone, famosa per la più antica produzione di vino brut della Sassonia portata avanti in modo protetto secondo i canoni di una tradizione bicentenaria. Lo stile barocco del castello (1727-1729), il giardino, le vigne e le colline che si estendono tutte intorno alla residenza, offrono uno spettacolare paesaggio mediterraneo ai visitatori e opportunità di fare belle escursioni tra i vigneti.

L’altra grande perla della Sassonia è Lipsia, città rivelazione sotto molti aspetti, ma conosciuta soprattutto per il suo inestimabile patrimonio musicale. Un modo piacevole e istruttivo di conoscere la storia e la tradizione musicale di Lipsia è intraprendere il Leipziger Notenspur. Niente meno che una passeggiata per le strade della città, ispirata ai grandi compositori e alle loro note, esplorando e visitando i tanti luoghi simbolo della musica che si concentrano a Lipsia come in nessun altro posto al mondo. Questa passeggiata la si può percorrere anche in bicicletta lungo un giro tra le note musicali dentro e fuori la città di circa 40 chilometri. Per vedere Lipsia da una prospettiva inaspettatamente verde, bisogna navigare i suoi corsi d'acqua. Il paesaggio acquatico di Lipsia è unico e offre le condizioni ideali per escursioni in canoa, kayak e gommoni. Durante un’escursione attraverso la rete di canali naturali è facile capire perché Lipsia viene anche chiamata Piccola Venezia.

 

http://www.sassoniaturismo.it
http://www.sassoniaturismo-blog.it
http://www.instagram.com/saxonytourism/
http://www.facebook.com/Sassoniaturismo/

Dresden, itineraries in and out of the city

The capital of Saxony is so close and well connected to its green surroundings that it takes little to go from the most cult streets of the historic center to the paths of the Saxon Switzerland National Park. This leap into nature or short trip outside Dresden is enriched along the way thanks to a unique variety of attractions, such as the village of Schmilka, Hohnstein Castle, the Pillnitz Castle Park, the centuries-old Wackerbarth vineyards and much more. The offer in the open air inside and outside the city of Leipzig is also wide-ranging.

Relatively small but with a high concentration of beauties, a few glances are enough to have an indelible memory of the historic center of Dresden. From the Semperoper to the Frauenkirche, passing through the Royal Palace and the Zwinger, walking here is like being in an open-air museum, pervaded at every corner by the splendor of a noble past. Highly recommended due to its recent opening (February 2020), is a visit to the Pinacoteca degli Antichi Maestri in the new Semperbau gallery of the Zwinger. Moving to the other side of the Elbe, a different atmosphere but also prey to easy falls in love can be breathed in the Neustadt. The soul of this district of Dresden is made up of people, unusual bars with outdoor areas on the street, convivial beer gardens, meeting places in squares and courtyards, theaters, city parks, playgrounds, trendy shops and flavors of fusion cuisine. Also here is the Kunsthofpassage, a portico of five courtyards designed according to specific themes by designers, artists and builders. Inside these original courtyards there are restaurants, cafes, galleries, shops where free space is given to creativity. Famous is the palace that rings when it rains.
Departing for Saxon Switzerland from the "Balcony of Europe"

After a taste of culture and urban life, it's time to take a trip to the green surroundings of Dresden. The starting point is the terrace of Brühl or Brühlsche Terrasse, also known as the "Balcony of Europe". From here, aboard a steamboat, you will arrive in just over two hours of navigation in Pirna, an enchanting village and gateway to the hiking trails of Saxon Switzerland, or in just thirty minutes by train getting off at Rathen you are at starting point of the famous Malerweg, the path of romantic painters.

Saxon Switzerland, not just excursions: bio resorts, castles and fortresses
Located in the district of Bad Schandau and just 30 km from Dresden, the idyllic Bio resort Schmilka is located on the right bank of the Elbe and winds through the Saxon Switzerland National Park. This village is a true paradise, conceived in full compliance with ecological dictates. From the attention to the materials, all natural and eco-sustainable, with which the buildings are built, to the cuisine of its restaurants, entirely of organic and biological production. For example, the Braumanufaktur Schmilka brewery produces unfiltered and unpasteurized craft beers, with raw materials from certified organic agriculture, and a must try are the baked products of the historic mill and bakery Schmilka. For those wishing to stay overnight in Schmilka, Villa Thusnelda is a solution that combines elegance and comfort in a historic building. Its rooms revisited in a modern and sophisticated style blend perfectly with Schmilka's eco-sustainable philosophy of life. The Hotel Zur Mühle fascinates with its rustic interiors, completely made of wood, in full respect of the Schmilka craftsmanship tradition, while more suitable for groups of young cyclists or hikers, the Berghaus Rauschenstein is a cozy and warm 1930s hostel.

The village and Hohnstein Castle (an ancient fortress dating back to 1353) is a privileged corner of Saxony, perched on a steep rock spur. From here you can enjoy a wonderful view of the romantic Polenz valley and the town of Hohnstein. Equipped to welcome visitors, it offers 160 beds in dormitories and 16 rooms with private bathrooms, pleasant common areas, sun terrace, sauna, a basement with fireplace and vaulted ceilings for parties and conferences. Never conquered in 750 years of history, the 9.5-hectare Königstein Fortress is open to guided tours. It stands on a rocky hill accessible by a panoramic lift. From the walls you have a spectacular view of the Saxon Switzerland National Park and the famous Bastei rock formation.