Un Tre Meno Meno Che Vale 9

di vinoecibo
Marzo 23, 2016

Un tre meno meno che vale 9 ,Il diario del gourmand Maurizio Cortese

Il diario del gourmand Maurizio Cortese

Certo che 3 = in italiano alle scuole medie è proprio un brutto voto, ma per Maurizio Cortese è stato un punto di forza a tal punto che, come ci racconta, “fu stimolo per andare avanti e migliorare”. Ne sono passati di anni da allora e quel voto oggi è diventato un libro “Tre meno meno - Diario di un Gourmet Napoletano” presentato il 19 marzo 2016 al Grand Hotel Parker’s di Napoli.

Il diario del gourmand Maurizio Cortese

Un libro di grande mano sartoriale

Il libro è un viaggio della vita dell'autore, cucito nella sua trama come un abito di alta sartoria napoletana, tra gusti e sapori: l’infanzia con le polpette della mamma, “vero incubo della mia vita”, che riuscì a trasformare, con lo stesso impasto anche in polpettone e hamburger.

Poi l’incontro con la famiglia Iaccarino del Don Alfonso, a Sant'Agata sui Due Golfi (Na), luogo di villeggiatura estivo per la famiglia Cortese, dove Maurizio con la sua dirompente curiosità muove i primi passi tra i fornelli, assaporando i profumi di materie prime genuine e cogliendone già il valore. Non meno importante nella storia dell’autore il calcio e la passione per la sua squadra, il Napoli naturalmente.

Un libro di grande mano sartoriale

Presenti le firme della stampa napoletana e italiana

L’orario della presentazione del libro è scaramantico, 16,59, e anche il giorno non è casuale per un Gourmet napoletano: a Napoli il 19 marzo è il giorno delle Zeppole di San Giuseppe.

Alla presentazione hanno partecipato il giornalista sportivo Francesco de Luca e il giornalista e critico enogastronomico Luciano Pignataro (entrambi de Il Mattino di Napoli), Livia Iaccarino anima del ristorante Don Alfonso 1890, con la moderazione di Donatella Bernabò Silorata, giornalista de la Repubblica.

Presenti le firme della stampa napoletana e italiana

I grandi amici per un giorno di festa

Gli amici di Maurizio chef stellati e pizzaioli famosi come Gino Sorbillo ed Enzo Coccia, si sono stretti attorno a lui in questo evento semplice e colmo di reale emozione che l’autore sa trasmettere come pochi. Leggendo il suo libro è come se fossimo accanto a lui in un'amichevole chiacchierata. Le emozioni della sua vita ci coinvolgono, grazie al suo stile fluido, caratteristica che connota tutti i suoi scritti; Maurizio Cortese, infatti, ha collaborato con alcune delle più prestigiose riviste e portali di informazione enogastronomica, tra cui la Gazzetta Gastronomica, il cui direttore era Stefano Bonilli. Oggi è consulente per la ristorazione attraverso il suo sito CorteseWay

I grandi amici per un giorno di festa

Pantagruelica cena per finire in gustosità

Al termine tutti assieme per una pantagruelica cena al ristorante “Meatin’ Cuoco e Carbone”, preparata dallo chef Paolo Cozzolino, ha dato un duro colpo alla dieta dell’autore (“Ci tenevo a stare in forma per la presentazione”) con un menu intrigante, che ha toccato ingredienti e sapori squisitamente campani: salumi, formaggi e carni selezione Mario Carrabs, pasta assolutamente di Gragnano, tartufi di Bagnoli Irpino e le Zeppole di San Giuseppe della Pasticceria Mennella., famosa per il suo inimitabile Latte di mandorla.

 

                                                                                                                                                      Giulia Marruccelli