160 Battute e 1000 e più sms in rima

di vinoecibo
Ott. 24, 2018

Il seguito del libro pubblicato tre anni or sono ampliato, riveduto e corretto

ultimo libro sostene schena.jpg

 

“ Cari amici e followers del mio blog convivium2000.blogspot.com e dell'omonimo gruppo Convivium2000 che si occupano di tutto un po' come enonogastronomia, made in Italy, salute, lavoro e tanto altro ANNUNCIO l'uscita del mio ultimo libro. 

Proprio ieri il presidente della Repubblica, Mattarella, ha tenuto un lungo discorso in favore della Lingua italiana.  Questo libro vorrebbe far capire ai giovani (e perché no anche ai "diversamente giovani") quanto importante sia studiare e parlare l'Italiano, una delle più apprezzate lingue nel mondo.

"160 BATTUTE 1000 E PIU' SMS... IN RIMA" (che è il seguito, ampliato, riveduto e corretto) di quello pubblicato 3 anni fa. L'editore è il prestigioso ALBATROS. Il prezzo è di 16,90 euro. Si tratta di un "libro da comodino" come dire che non è obbligatorio leggerlo in un fiato (sono 480 pagine!) ma tenere vicino per rallegrarsi la mente magari prima di coricarsi; sono Sms in rima che parlano d'Amore, vino, scuola, sesso, cioccolato, auguri, gelosia e altri argomenti.
Se avete la pazienza di leggere ecco cosa scrivere uno dei critici, Luca Dessardo.

"L’esatto contrario delle pazienti lettere di una volta, dalla sintassi e calligrafia curatissime, troviamo al giorno d’oggi gli SMS, il veicolo più usato per la comunicazione dei propri sentimenti amorosi. Ogni SMS corrisponde a 160 battute: pare che l’amore ai tempi del cellulare debba necessariamente venire sintetizzato fino a farlo stare in uno schermo. Un esercizio di brevità insomma, che spinge gli innamorati ad abbandonare la prolissità della prosa e concentrarsi su una forma in un certo senso più vicina alla poesia.

 

copertina 160  fronte.jpg

 

A tentare di dimostrare questa potenzialità poetica degli SMS è il giornalista (e improvvisato poeta) (Sòstene Schena), che nella sua raccolta di poesie in 160 battute: 1000 E pIù SMS...in rima ci presenta appunto 1000 e più poesiole nella forma di lapidari SMS. Con questi componimenti da baci Perugina, il cui intento è quello di rallegrare il lettore come appunto rallegra “trovare dentro quella cartina/ una bella frase sulla felicità”, lo scrittore vuole riscoprire la poesia d’amore, uscendo dalle restrizioni metriche di una forma poetica classica e proponendosi come unico limite quello dei 160 caratteri.
La metrica, per citare l’autore, “mi fa molto ragionare! ma non mi lascia amare”. 

Rimane tuttavia la rima, questa particolarità comunemente associata alla poesia. In una sorta di auto-riflessione, l’autore si chiede se le rime siano in effetti “frasi abusate”, o se sia la mentalità delle persone a essere “retriva”. La fascinazione puerile dell’io poetico per la rima facile ribadita in tutti gli oltre 1000 SMS rende abbastanza ovvia la risposta.
Le rime sono prevalentemente baciate: oltre alla palese allusione al bacio, va notato come questo particolare schema sia molto orecchiabile e immediato. Alquanto semplici, in alcuni casi addirittura banali, (come dice lo stesso autore) l’immediatezza delle rime di questa raccolta si addice però allo spensierato poetare di un teenager, la voce poetica dietro alle composizioni, che ammette apertamente: “Io non mi sento un poeta! ma solo un bravo ragazzo”.

 

7 MILLE SMS.jpg

 

Coerentemente con le esuberanze tipiche dell’adolescenza, la punteggiatura è a dir poco erratica, (ma lo faceva pure Joice) mentre il tono degli SMS subisce sbalzi repentini di umore: il poeta viaggia tra stati di sicurezza e insicurezza, ansia e tranquillità, gelosia e fiducia. Particolari le descrizioni dei dolori del giovane poeta, il quale soffre a causa degli SMS inviatigli (o non inviatigli) dall’amata, ed è ossessionato con le di lei telefonate. 

Non mancano neppure i riferimenti all’amore fisico. Di adolescenziale c’è infatti anche una libidine particolarmente ostentata, tipica dello “sexting” tanto di moda tra i giovani di oggi: “(...) tu mi fai venir la scossa! Io riparto alla riscossa! per cercare quella fossa! dove il “cuor” restare possa”. 

Meno male che non è una raccolta di MMS!
A ogni modo gli alti e i bassi dell’amore non sono il solo tema trattato. In particolare l’autore si sofferma su vino, cioccolato e gastronomia (si scopre in ciò l’interesse per l’enogastronomia), mentre l’intento di fondo di questi SMS aforistici è quello di condensare in 160 caratteri la vita di ogni giorno. A proposito, vorrei citare l’SMS 489, una vera e propria dichiarazione poetica dell’autore che riassume perfettamente questa raccolta: 

“So che le tue giornate/son dure e affollate/che le cose più dure/son lettere e fatture/

Provo così ad alleggerire/cose difficili da digerire/con parole... rimate"