Festival Triveneto Del Baccalà - Trofeo Tagliapietra Ultimo Atto

di Vino e cibo
Dic. 1, 2015

La serata finale al Gran Galà presso la Tenuta Polvaro, Festival Triveneto del Baccalà - Trofeo Tagliapietra ultimo atto

I sei piatti giunti in finale

    24 ore alla gran finale che decreterà il vincitore 2015 della VI edizione del Festival Triveneto del Baccalà – Trofeo Tagliapietra. Domani sera, mercoledì 2 dicembre, presso la Tenuta Polvaro, infatti, si terrà l'ultimo appuntamento dell'edizione iniziata lo scorso settembre e che vedrà lo Chef Graziano Prest del “Ristorante Tivoli” di Cortina d'Ampezzo, in qualità di vincitore uscente, componente della Giuria, di cui facciamo seguire la formazione:

    - Ettore Bonalberti - Ideatore e Presidente onorario del Festival Triveneto del Baccalà;
    - Chef Giancarlo Perbellini - Casa Perbellini - Verona;
    - Chef Nicola Portinari - Ristorante La Peca - Lonigo (Vicenza);
    - Chef Emanuele Scarello - Agli Amici - Udine;
    - Chef Peter Brunel - Lungarno Collection - Firenze;
    - Chef Graziano Prest - Ristorante Tivoli - Cortina D’Ampezzo; vincitore dell’edizione del Festival Triveneto del Baccalà 2014;
    - Fausto Arrighi - Tecnico della Ristorazione ex Direttore della Guida Michelin.
    Coordinatore della Giuria: Chef Franco Favaretto - Baccalàdivino di Mestre (Venezia).


    Come d'uso la ricetta a base di baccalà, tra le sei giunte in finale, che sarà giudicata eccellere per originalità ed innovazione sarà premiata con un viaggio alle isole norvegesi Lofoten, patria appunto dello stoccafisso, nonché il Trofeo Tagliapietra. 

    A contendersi il titolo le creazioni dei 6 finalisti:
     

    - Padova: "Ristorante Mestìs Steakhouse" con la ricetta Risi al latte, ventresca di baccalà alla “ciapa” e cime di rapa dello chef Andrea Bozzato;
    - Treviso: "Biosteria Basilico13" con la ricetta Riso, carbone, baccalà e “saor” dello chef Michele Cella;
    - Venezia: "Ristorante Gusto in Abbazia" con la ricetta “Rillettes” di baccalà, briciole di cioccolato amaro e fiori invernali degli chef Andrea Rossetti e Tommaso Pardo;
    - Vicenza: "Ristorante Da Beppino" con la ricetta Merluzzo in due versioni con abbinamento di ostriche ed anguilla (stoccafisso/anguilla e baccalà salato/ostriche) dello chef Claudio Ballardin;
    - Udine: "Ristorante Matiz “da Otto” con la ricetta Incontro strano tra il bosco e il baccalà dello chef Stefano Buttazzoni;
    - Trento: "Agriturismo Chalet Fogajard" con la ricetta Baccalà e i broccoli di Torbole con battuta di sarde del Garda abbinato a purea di sedano rapa della Val di Gresta e grosti di polenta di Storo dello chef Valentino Morandi.

    Di seguito le parole di Luca Padovani, Presidente del Comitato Organizzatore del Festival, e Daniele Tagliapietra, AD dell’omonima azienda di Mestre (Venezia), i quali, insieme alla Dogale Confraternita del Baccalà Mantecato, la Venerabile Confraternita del Baccalà alla Vicentina, la Patavina Confraternita del Baccalà, la Vulnerabile Confraternita dello Stofiss dei Frati, e la Tagliapietra e Figli Srl (l’azienda importatrice di stoccafisso tra le più prestigiose del Nord Italia), sono tra gli organizzatori della prestigiosa manifestazione gastronomica, alla quale hanno preso quest'anno parte ben 28 ristoranti tra Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige:


    "Le sei ricette che hanno superato le preselezioni regionali sono state premiate in base alla presentazione del piatto, la valorizzazione del prodotto, la tecnica, il gusto, l’innovazione e la creatività. Decretare le sei finaliste è stato un compito arduo per tutto il Comitato Esecutivo perché gli standard sono stati altissimi. Ora non resta che augurare agli Chef in finale buon lavoro e che vinca il migliore". 


    "C’è grande attesa per il nome della ricetta vincitrice e relativo chef. Quello che posso affermare con convinzione è che tutte le ricette in gara hanno superato le nostre aspettative per creatività e valorizzazione del prodotto protagonista - sottolinea Daniele Tagliapietra - Faccio un grosso in bocca al lupo agli chef finalisti".
     

    Se i vini che accompagneranno le pietanze della serata saranno quelli della Strada Vini D.O.C. Lison Pramaggiore, naturalmente l'aperitivo sarà lasciato all'altro piatto vincitore del Festival, ossia il “Mini burger con baccalà mantecato, cipolla di tropea caramellata e misticanza” dei fratelli Conforto, i quali, proprietari della rodigina “Osteria ai Trani”, hanno primeggiato nel concorso 'Baccalando' inserito proprio nel 'Fesival Triveneto del Baccalà', alla sua prima edizione e dedicato a finger food e 'ciccheti' da aperitivo per proporre anche ai giovani sapori e accattivanti soluzioni a base del 'pescione norvegese', introdotto e tramandatoci dal navigatore Querini, ormai qualche secolo fa. 

I sei piatti giunti in finale