Baccalando Vinto Dai Rodigini Dell'Osteria Ai Trani

di Vino e cibo
Nov. 26, 2015

Creatività e innovazione a braccetto con i sapori tipici, Baccalando vinto dai rodigini dell'Osteria ai Trani

Mini burger di baccalà mantecato dei fratelli Conforto

È il 'Mini burger con baccalà mantecato, cipolla di tropea caramellata e misticanza' dell' “Osteria ai Trani” di Rovigo ad aggiudicarsi la vittoria della prima edizione di “Baccalando”, il nuovo formato dedicato agli aperitivi e, diciamolo, al mondo 'young' che si è cercato, in questo modo, di riavvicinare al 'pescione norvegese'.
Operazione riuscita? Forse memori della montagna che andò a Maometto, gli organizzatori del Trofeo Tagliapietra, arrivati alla VI edizione del gustoso concorso, hanno ben creduto di risvegliare l'assopito interesse delle nuove generazioni per il Gadus Morhua, proponendolo in veste di appetizer e finger food.
Rinnovandone la presentazione e certe note di sapore, infatti, e vivacizzandone le usuali preparazioni tipiche dell'area del Nordest, i ragazzi partecipanti al 'concorso nel concorso' si sono prodigati nel trasformare il merluzzo in stuzzicanti versioni, tanto da poterlo proporre in versione 'standing', ossia, sottoforma di aperitivo e 'cicchetto'.

Sono stati così i fratelli Fabrizio e Andrea Conforto, rodigini rappresentanti dell'”Osteria ai Trani”, ad esser stati eletti quali migliori interpreti di 'Baccalando', e conquistando il viaggio premio nella norvegese Oslo, patria del merluzzo, hanno affermato “E' stata un'esperienza fantastica!” ringraziando poi gli organizzatori per aver dato loro “la possibilità di metterci alla prova e di confrontarci con altri professionisti del settore fornendoci uno stimolo a dare sempre il massimo nel nostro lavoro, la nostra passione”.
 

Positive e soddisfatte pure le considerazioni proprio degli organizzatori tra cui Luca Padovani, Presidente del Comitato Organizzatore del Festival, e Daniele Tagliapietra, AD dell’omonima azienda di Mestre, dei quali riportiamo le rispettive compiaciute osservazioni a proposito: 

“La prima edizione di Baccalando ha riscosso grande successo, soprattutto tra i giovani. Questo significa che il baccalà non è solo sinonimo di tradizione ma anche di innovazione e creatività. Significa che si tratta di un prodotto capace di essere interpretato anche come appetizer, finger food o stuzzichino e di essere vissuto anche in contesti più disinvolti come quelli degli aperitivi”.
 

"Sono davvero felice che Baccalando sia stato apprezzato. La nostra era una sfida: quella di avvicinare un prodotto tipico della tradizione a un mondo più easy and young. E devo dire che è stata ampiamente vinta, con un ottimo riscontro sia da parte del pubblico che da parte dei sette locali veneti che vi hanno partecipato, creando idee di appetizer e finge food originali, fresche e gustose".

La curiosità, ora, resta per la serata di mercoledì 2 dicembre, quando al gran finale in quel di Annone Veneto presso la Tenuta Polvaro, i fortunati ospiti avranno la possibilità di assaggiare il Mini Burger proprio quale aperitivo, prima di dar inizio all'ultima defintiva degustazione per questo sesto festival.

Mini burger di baccalà mantecato dei fratelli Conforto