La Puglia Enogastronomica Sul New York Times

di Il Merlo Parlante
Aprile 22, 2014

La Puglia enogastronomica sul New York Times , “Capitale della Cultura del Buon Cibo – Festival della Dieta Med-Italiana, Lecce,

A poche ore dall'evento di Lecce, “Capitale della Cultura del Buon Cibo – Festival della Dieta Med-Italiana

A poche ore dall'inizio della “Capitale della Cultura del Buon Cibo – Festival della Dieta Med-Italiana” nella centralissima piazza Sant’Oronzo di Lecce , non più tardi di un paio di giorni fa sul NY Times, a pag. TR9, l’articolo a firma di Seth Sherwood dal titolo “In Lecce, Making Magic with Humble Ingredients” (A Lecce, creando magie con ingredienti poveri) ha informato poco meno di un milione di lettori amricani della versione cartacea del noto foglio, la grande forza attrattiva di questa parte della nostra Italia, raccontando la sua personale esperienza presso alcune scuole di cucina in provincia di Lecce. Di contro le nostre testate più autorevoli , comprese quelle televisive di Stato e del biscione milanese non fanno che informarci per centinaia di righe e decine decine di minuti su come pensa di far ripartire l'Italia il nostro premier Renzi, le critiche che riceve dalle varie pitonesse, dai voltagabbana, dai riciclati sempre in sella, dai grilli e quanti altri mangiano, e pure bene, a giudicare dalle inchieste della magistratura, in barba a quanti si ostinano a fare il loro lavoro. Magari nel settore della buona cucina e dell'agroalimentare di qualità che con i suoi prodotti riesce a far parlare dell'Italia finanche il New York Time.

A poche ore dall'evento di Lecce,  “Capitale della Cultura del Buon Cibo – Festival della Dieta Med-Italiana

Con formula più ardita di quella di Renzi e i suoi 80 euro

Come nel caso dell'articolo di Sherwood sui prodotti e sulla cucina pugliese che dal 26 aprile al 4 maggio saranno i protagonisti in scena per l'evento “Capitale della Cultura del Buon Cibo – Festival della Dieta Med-Italiana”. Terza edizione di una manifestazione nata espressamente per far conoscere, degustare ed apprezzare in un’unica locationm, per dirla all'americana, una quantità infinita di prodotti tipici del territorio alle migliaia di turisti e visitatori che scelgono Lecce ed il Salento nei “ponti” festivi del 25 aprile e del 1 maggio. Una sorta di fiera del gusto pugliese proiettata verso Lecce2019 e patrocinata da Expo2015, con esposizioni e degustazioni, meeting e seminari, menu a tema presso i ristoranti e i bar e altre innumerevoli iniziative. I turisti e gli appassionati di enogastronomia genuina che approfitteranno di questa bella e buona occasione non resteranno certo delusi. Sarà infatti sufficiente visitare i numerosi gazebo allestiti in piazza Sant’Oronzo per scoprire e apprezzare prodotti e preparazioni eno-gastronomiche tipiche locali. Dai vini agli oli extravergine d’oliva, dalla pasta ai formaggi e ai salumi, dai condimenti alle famose pucce calde, cotte e preparate all’istante sotto gli occhi curiosi dei visitatori. Da ricordare infine che gli organizzatori dell’evento hanno anche agevolato il turismo low cost nel periodo del festival con la rinomata “Formula 30-20-10”, dormi con 30, mangi con 20 e acquisti con 10 euro". Ovvero ben venti euro in meno di quel che il DEF di Renzi farà trovare in busta paga... ammeso e non concesso che di questo suo ultimo starnazzare rimanga qualcosa oltre  qualche ... tweet.

Con formula più ardita di quella di Renzi e i suoi 80 euro