Effetto Marketing Indesiderato

di Il Merlo Parlante
Gen. 20, 2016

A proposito di quel che vien scritto per un nuovo formaggio di capra ,

Intolleranze di un merlo canuto

Tentare di lanciare  le vendite di un prodotto è una cosa, scrivere di quel prodotto per venderlo è un'altro discorso. Ad esempio se un comunicato stampa scritto per il lancio e la promozione di un nuovo formaggio contiene specifiche indicazioni sulla composizione e sulle prerogative orgaanolettiche dovrebbe indicare anche le controvalenze di altri prodotti similari. Tanto più se il taglio con cui detto comunicato viene stilato può indurre a credere che il prodotto caseario fatto oggetto delle attenzioni del comunicato può essere la soluzione a molti dei problemi conosciuti dalle persone intolleranti al latte vaccino. Che sia latte di vacca di capra o di pecora, di asina o , se vogliamo, di soia o di altre altre origini, se un individuo non tollera un tipo di latte non per questo può assumerne un altro e quindi è davvero poco corretto non sottolinearlo.

Soprattutto nell'avanzare pretese scritte su di un formaggio a base di latte di capra quale alternativa a quello realizzato con latte vaccino: prima, l'individuo, deve provare. Scrivere poi che quel nuovo formaggio è ricco di calcio quando invece non ne ha che qualche milligrammo in più rispetto al suo eventuale competitor di vacca non è bello. Come del resto non sembra fluida la nota sulle kcal per indurre a pensare che il formaggio caprino sia più “leggero” . Se lo è, e quindi se si pensa che apporti meno Kcal, è solo perchè il formaggio di capra non è adatto a lunghe stagionature e quindi contiene una % di umidità sempre piuttosto elevata dando un prodotto che mediamente ha meno calorie rispetto ad altri formaggi omologhi.

Intolleranze di un merlo canuto

Povero colesterolo

Sul contenuto del colesterolo, tornando sempre al nostro formaggio di capra oggetto del comunicato di lancio sarebbe presente in misura minore rispetto ad altri formaggi di vacca. Anche questa è un' asserzione poco fine e giocata sul filo del terrorismo condotto nei confronti del povero colesterolo. Nemico globale dell'uomo quando supera dei valori limiti nel sangue per via dei suoi funesti effetti sull'organismo stesso. Ebbene è bene si sappia che il colesterolo all'interno degli alimenti è responsabile di un apporto all'interno del sangue solo per il 20% mentre il resto è autoprodotto dall'organismo e qunido forse non è così limpido il credere che mangiando il formaggio di capra piuttosoto che di altri tipi, il tasso di colesterollo dimunisca così serenamente.

Non ultimo va comunque e in ogni caso sottolineato che prima di parlare di intolleranze e/o allergia ai prodotti derivati dal latte vaccino si deve ben distinguere tra due forme differenti: quella alle proteine e quella al lattosio. Nel caso dell'allergia alle proteine i formaggi a base di latte di capra possono essere tranquillamente consumati e sostituire quelli vaccini , ma nel caso dell'allergia al lattosio, il latte di capra non è risolutorio in quanto ne contiene in buona quantità come quello vaccino.

Insomma ma è mai possibile che quasi tutti i comunicati e le strategie per vendere un prodotto da mettere in tavola si avventurano fuori dal seminato e non pubblicizzano solo che quel tal prodotto è buono da mangiare ? E magari, anche oltre alle aspettative del palato?? Come è successo assaggiando proprio quel formaggio di capra oggetto del comunicato stampa ricevuto dagli umani redattori e che io, canuto merlo, ho degustato con loro e pensando ad un effetto marketing indesiderato di cui il comunicato non ha tenuto conto.

E già che ci sono, sotto torvate quanto calcio è contenuto in mg per ogni cento grammi in molti alimenti: può servirvi.

Povero colesterolo

Dove e quanto calcio trovate ...insieme al colesterolo

Per ogni 100 gr di alimento, di fianco,  è indicato il valore in milligrammi del calcio 

Latte vaccino intero 118

Latte di capra 129

Panna cruda vaccina 102

Semi di sesamo 1160

Tahin (burro di semi di sesamo) 100

Mandorle 234

Nocciole 209

Tofu secco 590

Tofu fresco 146

Tempeh 142

Farina di soia 189

Avena integrale 55

Orzo allo stato grezzo 32

Fu (prot. veg. Glutine) 33

Seitan (prot. Veg. Glutine) 19

Riso integrale 22

Ceci 150

Amaranto 490

Quinoa 141

Broccolo 103

Cime di rapa 246

Foglie di barbabietola 119

Foglie di cavolo 203

Alghe arame 1170

Alghe hijiki 1400

Alghe wakame 1300

Tè bancha in rametti 720
 

Valori colesterolo dei diversi tipi di latte

Latte di pecora 11 mg/100g

Latte vaccino pastorizzato, intero 11 mg/100g

Latte di capra 10 mg/100g

Latte di vacca parzialmente scremato 7 mg/100g

Latte vaccino in polvere, intero 109 mg/100g