Specialcook

di Annamaria Farina
Feb. 9, 2016

Paolo Valentino del Ristorante Il Liberty e Carlo Andrea Pantaleo del Ristorante Milano37 , SpecialCook,La cucina di qualità in ospedale

Un piatto gourmet per stimolare sensi distratti

Rieccoci a parlare di cibo e di cucina, ma non siamo in un ristorante! E allora dove? Siamo in ospedale, ma non uno: in tanti! “Aiutoooo” esclamerà qualcuno! Ed effettivamente quando si associano le due situazioni “cibo ed ospedale” l’immagine che ne esce non è mai particolarmente entusiasmante, di fatto però chiunque, o in qualità di spettatore o da usufruitore, ha avuto a che fare con questa realtà. E allora oggi vi racconto di questa storia, una storia che un po’ fa sorridere ed un po’ riflettere: parlo di loro, parlo di Officine Buone e dei partecipanti a SpecialCook che stanno cercando di fare la loro magia portando un po’ di gusto e buonumore dove anche una briciola può essere di grande aiuto.

SpecialCook è un progetto di volontariato a scopo altamente formativo che si pone come obiettivo quello di far entrare la cucina di qualità negli ospedali italiani: una cucina che, nonostante le delicate esigenze alimentari di questo “cliente/paziente” e quindi rispettosa dell’equilibrio di un regime alimentare altamente controllato, tenta di diventare gourmet . Caricandosi di quella componente estetica, cromatica, olfattiva e di gusto che ad una portata non dovrebbe mai mancare, specialmente quando diventa importante stimolare i sensi in situazioni dove purtroppo questi passano in secondo piano e che, per ovvi motivi, vengono sottovalutati a favore di un’attenzione rivolta più ad un aspetto clinico e medico.

Un piatto gourmet per stimolare sensi distratti

Cuochi blasonati o stellati in corsia

Ma non si tratta di fare da mangiare e servire il paziente: la variabile fantastica di questo progetto consiste nel suo coinvolgimento quale parte attiva del processo nel ruolo di assaggiatore e giudice. Il progetto si compone di due fasi Una prima parte che è quella del “Talent” nella quale giovani talenti della cucina italiana si sfidano di fronte ad un pubblico di pazienti ed accompagnatori preparando due pietanze che verranno giudicate dagli stessi, decretando una classifica che porterà al termine dell'anno ad una sfida finale fra i migliori e l'assegnazione di premi. La seconda parte, Senior for Young, nella quale Chef stellati o di grande esperienza come Andrea Provenzani, Antonio Abbruzzino, Enrico Panero, Anna Brambilla si misurano con i piccoli pazienti dei reparti pediatrici creando fantasiose ricette. Paolo Valentino del Ristorante Il Liberty – Milano, e Carlo Andrea Pantaleo del Ristorante Milano37 – Gorgonzola, sono stati i protagonisti del primo incontro di SpecialCook svolto lo scorso 30 gennaio 2016.

Cuochi blasonati o stellati in corsia

Paolo Valentino del Ristorante Il Liberty e Carlo Andrea Pantaleo del Ristorante Milano37

Così i protagonisti hanno donato il loro tempo e talento ed hanno raccontato la loro idea di cucina Buona e Sana facendo assaggiare i loro piatti agli ospiti della Fondazione Sacra Famiglia Onlus di Inzago, Milano, una struttura per l'assistenza e riabilitazione rivolta a persone con disabilità psicofisiche ed anziani non autosufficienti. Un’iniziativa che mira a coinvolgere tante strutture e tanti personaggi distribuiti sul territorio con un calendario ed una mappa ancora in divenire: non possiamo che complimentarci con tutti coloro che vorranno abbracciare attivamente questi eventi, ed augurare buone prossime sfide-gustose piene di sapore e portatrici di sorrisi! Sarà sempre la Fondazione Sacra Famiglia di Inzago che ospiterà il prossimo evento fissato per i primi di marzo con altri due chef, ed in attesa di ricevere maggiore dettagli concludo riprendendo una frase rubata a Carlo Andrea:  “  Dopo il verbo AMARE il verbo AIUTARE è il più bello del mondo” … e dubito che ci possa essere qualcuno in disaccordo con tale affermazione!

www.officinebuone.it/special-cook

Paolo Valentino del Ristorante Il Liberty e Carlo Andrea Pantaleo del Ristorante Milano37