Il 2 giugno riaprono i Musei Reali di Torino

di Il Vinotomane
Maggio 31, 2020

Tornano a essere visitabili il Palazzo Reale con l'Armeria, la Cappella della Sindone, il primo piano della Galleria Sabauda e il settore Torino del Museo di Antichità.

The Royal Palace with the Armory, the Shroud Chapel, the first floor of the Savoy Gallery and the Turin sector of the Museum of Antiquities are back to be visited.

Musei Reali_1.jpg

 

 English text follows

Inutile dire che in questi giorni di avvio di fine della quarantena da Covid19, sono decine e decine le mail che giungono in redazione per avvisarci della riapertura di molti ristoranti, alberghi, gastronomie, cantine e delle altre mille attività che ruotano attorno al mondo del vino e del cibo. E' un fatto che ci fa piacere e ci coinvolge perchè finalmente significa che il nostro Paese sta svegliandosi da quella sorta di torpore che sembra non si sia potuto evitare per tentare di guarire da una pandemia senza precedenti. Purtroppo per scrivere di tutti, il tempo ci è nemico e ci dispiace davvero se qualche attività non trova lo spazio che come per altri le andrebbe dedicato. Ea proposito di altri è del 27 maggio la notizia che la Biblioteca Reale di Torino ha riaperto al pubblico con nuove modalità organizzative. Cosa c'entra questo con le nostre pagine di Vinoecibo o con le riaperture dei locali deputati all'ospitalità e alla ristorazione? C'entra cari lettori. C'entra perchè il buon bere, il buon mangiare e l'arte dell'ospitalità non nascono se non dopo una sapiente "cottura" in un brodo culturale che solo il nostro Paese è stato in grado di tenere vivo e acceso per secoli e secoli di storia. Ecco perchè riportiamo ben volentieri quanto ci invia l'ufficio stampa dei  Musei Reali di Torino - Spin-To 

 

Musei Reali_4.jpg

 

Così, dopo la Biblioteca, da martedì 2 giugno, tornano a essere fruibili al pubblico il Palazzo Reale con l'Armeria, la Cappella della Sindone, il primo piano della Galleria Sabauda e il settore Torino del Museo di Antichità. Non ultimo,in occasione della riapertura, un esclusivo cortometraggio musicale presenta "èreale", il nuovo palinsesto di contenuti video disponibile sul sito dei Musei Reali.

Va detto che i Musei Reali festeggiano il settantaquattresimo compleanno della Repubblica accogliendo nuovamente i visitatori, nel segno della sicurezza e con l'emozione di un nuovo inizio. Tra le novità, il restauro "a vista" dell'altare della Cappella della Sindone: dalle grandi finestre aperte nella recinzione del cantiere sarà possibile seguire passo dopo passo il lavoro dei restauratori del Consorzio San Luca, impegnati nella restituzione dell'opera progettata dall'ingegnere matematico Antonio Bertola tra il 1688 e il 1694 per accogliere la Santa Sindone. Un altro "monumento nel monumento" che andrà ad aggiungersi al percorso del Palazzo Reale, dell'Armeria, della Galleria Sabauda e del Museo di Antichità.

Dal reale al virtuale. Dopo le esperienze autogestite del periodo di confinamento, anche l'offerta digitale affronta nuovi traguardi sul web con il progetto èreale, la nuova piattaforma per la fruizione di contenuti video prodotti dai Musei Reali, progettata dallo studio MYBOSSWAS, disponibile all'indirizzo ereale.beniculturali.it: un inedito palinsesto lanciato da un videoclip autoriale coinvolgerà il pubblico, mentre brevi documentari tematici, nuovi restauri e mostre virtuali permetteranno di conoscere opere e luoghi meno noti dei Musei Reali.

bruna.JPG

Dice la Direttrice dei Musei Reali Enrica Pagella:

«Nei due mesi più severi del confinamento il centro della città era deserto, ma i musei non sono mai stati soli, grazie all'impegno della piccola squadra di personale che si alternava a presidiare la sicurezza dei palazzi e delle collezioni. Come molti, anche i musei hanno sperimentato su una scala mai vista prima il lavoro agile, scoprendo opportunità insospettate, potenziando gli strumenti digitali e costruendo, paradossalmente, nella distanza, una nuova solidarietà, tra noi e con il pubblico. Ora, questa riapertura è piena di attese e di speranza. Dalla metà di aprile, quando la luce ha cominciato a filtrare in fondo al tunnel, ci siamo dedicati intensamente al piano di prevenzione e i primi stimoli sono venuti dal lavoro del Politecnico di Torino per la ripartenza delle imprese. Più che mai siamo persuasi del ruolo che i musei possono svolgere nei confronti della comunità, come luogo di conoscenza e di benessere, e anche come memoria e simbolo di grandezze, di bellezze, di sfide che possono ispirarci in questo momento di crisi e di incertezza».

( La direttrice Enrica Pagella nella foto in primo piano ) 

 

  

pagella direttrice musei reali -vinoecibo.jpg

 

La riapertura dei Musei Reali coincide con la presentazione del progetto "èreale" (ereale.beniculturali.it), piattaforma online che amplia l'esperienza di visita per intraprendere un viaggio virtuale attraverso contenuti video originali, prodotti dai Musei Reali e in parte realizzati con la collaborazione dello studio creativo multidisciplinare MYBOSSWAS di Torino. Approfondimenti tematici accompagneranno i visitatori, da casa, tra stanze finemente decorate, preziosi arazzi, antiche armature e reperti millenari, alla scoperta di tesori poco conosciuti e opere d'arte inedite, svelando i retroscena dei restauri, degli allestimenti museali e della cura del patrimonio.

Il video di lancio intitolato Nasce: è Reale. Il canale dei Musei Reali di Torino è un breve musical realizzato nel vuoto e nel silenzio delle sale. Scritto e creato dal regista e compositore Giorgio Ferrero con il direttore della fotografia e produttore Federico Biasin, autori del pluripremiato film musicale Beautiful Things prodotto dalla Biennale di Venezia e presentato nei principali festival internazionali con distribuzione in oltre 20 Paesi, è un esclusivo cortometraggio musicale cinematografico di tre minuti, in cui danzatori, acrobati, schermitrici e cantanti liriche vivono la magia di un viaggio all'interno dei musei, un sogno che prende vita durante la quarantena. I performer non possono toccarsi, ma il dialogo dei corpi e l'empatia tra le persone distanti è in grado di convergere in un unico inno alla bellezza e al calore umano.

Navigando sulla piattaforma èreale con dispositivi mobili, computer o visori VR, il pubblico potrà fruire gratuitamente anche di visite tematiche in realtà virtuale, per conoscere e approfondire ambienti e collezioni.

Il palinsesto, che si arricchirà nel corso dei prossimi mesi di ulteriori contenuti speciali, presenta anche la playlist Closed In. I Musei visti da dentro, progetto digitale realizzato dallo staff dei Musei Reali durante il lockdown: opere e ambienti sono narrati da curatori, tecnici e operatori, in presa diretta e in modo informale, per vivere il museo attraverso gli occhi di chi ogni giorno ne custodisce il patrimonio.

mrt_pr_salapranzo_DSC6352.jpg

 

Nel rispetto delle linee guida post emergenza, i Musei Reali hanno messo a punto, nelle ultime settimane, con l'aiuto di esperti e di concerto con le organizzazioni sindacali, un piano approfondito di percorsi, di dispositivi e di segnaletica per garantire al pubblico e ai lavoratori il massimo grado di tutela. D'accordo con il partner Coopculture, hanno anche deciso di sfidare la crisi - che per i musei d'Italia e del mondo significa una perdita stimata dell'80% dei visitatori - sperimentando l'orario di sempre: saranno aperti da martedì a domenica dalle 9 alle 19, con biglietto gratuito fino a 18 anni e 2 euro da 18 a 25 anni.

Gli accessi saranno contingentati per evitare assembramenti e all'ingresso sarà rilevata la temperatura tramite termo-scanner. È obbligatorio l'uso delle mascherine, eventualmente disponibili per l'acquisto anche alla cassa, e  si favorisce la sanificazione delle mani con gel disinfettante, dislocato lungo il percorso di visita. La prenotazione non è obbligatoria e il biglietto potrà essere acquistato online o direttamente in biglietteria, dalle 9 alle 18. Rispettando la distanza interpersonale di almeno due metri, le sale saranno percorribili seguendo un itinerario monodirezionale di ingresso e uscita, indicato dall'apposita segnaletica e consultabile anche sull'app MRT, integrata con una nuova mappa di orientamento in italiano e in inglese. L'applicazione, scaricabile gratuitamente su Apple Store e Google Play, è lo strumento privilegiato per approfondire il percorso museale: sfiorando il proprio smartphone si potranno ottenere tutte le informazioni necessarie come orari, tariffe, contatti e accessibilità, ma soprattutto esplorare le collezioni e ascoltare l'audioguida con 35 tracce in italiano, delle quali è sempre disponibile anche un'anteprima gratuita.

Dal 2 giugno riapre anche il Caffè Reale, nel rispetto delle norme di sicurezza e del distanziamento interpersonale, grazie alla sistemazione dei tavoli sotto l'ampio porticato della Corte d'Onore.

Dal 6 giugno, ogni sabato e domenica, riprenderanno anche le visite guidate al secondo piano del Palazzo Reale, nell'appartamento dei Principi, condotte dai volontari dell'Associazione "Amici di Palazzo Reale" e dagli operatori di Coopculture, per gruppi composti al massimo da 8 persone e con la possibilità esclusiva di uscire sul terrazzo per affacciarsi sui Giardini Reali e sulla piazza Castello.

Musei Reali_ereale_video 03_Credits MYBOSSWAS per Musei Reali.jpg

 

LA BIBLIOTECA REALE

La sala lettura della Biblioteca Reale ha riaperto mercoledì 27 maggio con orario provvisorio: dal lunedì al venerdì, ore 9-13.30. Per consultare libri e documenti è necessaria la prenotazione con almeno 24 ore di anticipo scrivendo all'indirizzo mr-to.bibliotecareale@beniculturali.it e indicando tutte le informazioni disponibili per la richiesta, in modo che gli addetti possano predisporre libri e documenti sul tavolo assegnato; è necessario precisare anche l'eventuale esigenza di esaminare gli stessi documenti per più giorni consecutivi. La consultazione diretta degli esemplari è consentita, con mascherina e guanti monouso, qualora non siano disponibili copie digitali in rete o nell'archivio della Biblioteca, oppure in caso di particolari esigenze di studio che saranno valutate dalla Direzione. Dopo la consultazione diretta, i documenti saranno messi in quarantena per dieci giorni, come previsto dalle Linee guida dell'Istituto centrale per la patologia degli archivi e del libro (ICPAL).

PROSSIME APERTURE - LA CUCINE E I GIARDINI

Dalla seconda metà di giugno, nel fine settimana, la visita sarà arricchita da ulteriori percorsi speciali a cura di Coopculture, attraverso il Palazzo e l'Armeria Reale, la Cappella della Sindone, l'Appartamento della Regina Elena al pianterreno e le Cucine Reali al piano interrato, secondo calendario e modalità che saranno pubblicati sui siti dei Musei Reali e di Coopculture nelle prossime settimane.

Per tornare a passeggiare nel Giardino Ducale e nel Boschetto bisognerà attendere domenica 28 giugno, al termine del cantiere di rifunzionalizzazione e restauro, che ha purtroppo subito l'interruzione di due mesi dovuta al confinamento. Ma dal 2 giugno la rinnovata pavimentazione in pietra di Luserna posta lungo le facciate del Palazzo Reale e della Galleria Sabauda, collegamento tra la Corte d'Onore e la Manica Nuova della residenza, permetterà l'uscita dal percorso museale e l'accesso al sistema per visitatori con disabilità.

Nell'ambito di una campagna di ascolto per migliorare la qualità dei servizi offerti dai singoli musei, la Direzione Generale Musei del MiBACT ha promosso un questionario compilabile online ( link ), finalizzato a delineare quali attività culturali debbano essere maggiormente sviluppate in questo delicato momento di riapertura, in stretto raccordo con le esigenze di sicurezza.

musei reali cucine.JPG

 

On 27 May the Royal Library reopened to the public with new organizational methods but it is from Tuesday 2 June that the Royal Palace with the Armory, the Shroud Chapel, the first floor of the Savoy Gallery and the Turin sector can be visited again of the Museum of Antiquities.
On the occasion of the reopening, an exclusive musical short film presents èreal, the new schedule of video content available on the site of the Royal Museums.
The Royal Museums celebrate the Republic's seventy-fourth birthday by welcoming visitors again, in the sign of security and with the thrill of a new beginning. From 27 May the Royal Library is open to consult books and documents with an organization that focuses on the health of users and staff. From June 2, the Museums will also reopen, with an itinerary designed to protect visitors, without prejudice to a cultural offer of quality, as extensive and inclusive as possible.
Among the novelties, the "visible" restoration of the altar of the Shroud Chapel: from the large windows opened in the yard fence it will be possible to follow step by step the work of the restorers of the San Luca Consortium, engaged in the restitution of the work designed by the mathematical engineer Antonio Bertola between 1688 and 1694 to welcome the Holy Shroud. Another "monument within the monument" which will be added to the itinerary of the Royal Palace, the Armory, the Savoy Gallery and the Museum of Antiquities.
From real to virtual. After the self-managed experiences of the confinement period, the digital offer also faces new goals on the web with the èreal project, the new platform for the use of video content produced by the Royal Museums, designed by the MYBOSSWAS studio, available at ereale.beniculturali .it: an unprecedented program launched by an authorial video clip will involve the public, while short thematic documentaries, new restorations and virtual exhibitions will allow you to get to know the lesser known works and places of the Royal Museums.

The Director of the Royal Museums Enrica Pagella says:
«In the two most severe months of confinement, the city center was deserted, but the museums were never alone, thanks to the commitment of the small team of staff who took turns to oversee the safety of the buildings and collections. Like many, museums have also experienced agile work on a scale never seen before, discovering unsuspected opportunities, enhancing digital tools and building, paradoxically, in the distance, a new solidarity between us and the public. Now this reopening is full of expectations and hope. Since mid-April, when light began to filter down the tunnel, we intensely dedicated ourselves to the prevention plan and the first stimuli came from the work of the Polytechnic of Turin for the restarting of businesses. More than ever we are convinced of the role that museums can play towards the community, as a place of knowledge and well-being, and also as a memory and symbol of greatness, beauty, challenges that can inspire us in this moment of crisis and uncertainty ».

Manica-nuova-Atrio-verso-giardini.jpg

 

THE NEW VIDEO PLATFORM ON THE SITE OF THE ROYAL MUSEUMS
The reopening of the Royal Museums coincides with the presentation of the èreal project (ereale.beniculturali.it), an online platform that expands the visit experience to embark on a virtual journey through original video content, produced by the Royal Museums and partly created with the collaboration of the multidisciplinary creative studio MYBOSSWAS of Turin. Thematic insights will accompany visitors, from home, among finely decorated rooms, precious tapestries, ancient armor and millenary finds, to the discovery of little-known treasures and unpublished works of art, revealing the background of the restorations, museum displays and heritage care .
The launch video entitled Born: it's Real. The channel of the Royal Museums of Turin is a short musical created in the void and silence of the rooms. Written and created by the director and composer Giorgio Ferrero with the director of photography and producer Federico Biasin, authors of the award-winning musical film Beautiful Things produced by the Venice Biennale and presented in the main international festivals with distribution in over 20 countries, it is an exclusive musical film short film three minutes, in which dancers, acrobats, fencers and opera singers live the magic of a trip inside the museums, a dream that comes to life during the quarantine. The performers cannot touch each other, but the dialogue of the bodies and the empathy between distant people is able to converge in a single hymn to human beauty and warmth.
Browsing on the platform is real with mobile devices, computers or VR viewers, the public can also enjoy free thematic visits in virtual reality, to get to know and deepen environments and collections.
The schedule, which will be enriched over the next few months with additional special contents, also presents the Closed In playlist. The Museums seen from inside, digital project created by the staff of the Royal Museums during the lockdown: works and environments are narrated by curators, technicians and operators, directly and informally, to experience the museum through the eyes of those who preserve its heritage every day.

VISIT TO MUSEUMS
In compliance with the post-emergency guidelines, the Royal Museums have developed, in recent weeks, with the help of experts and in consultation with trade unions, an in-depth plan of routes, devices and signs to guarantee the public and workers the highest degree of protection. In agreement with the partner Coopculture, they also decided to challenge the crisis - which for museums in Italy and the world means an estimated loss of 80% of visitors - experiencing the usual timetable: they will be open from Tuesday to Sunday from 9 to 19, with free ticket up to 18 years and 2 euros from 18 to 25 years.
The accesses will be contingent to avoid gatherings and at the entrance the temperature will be detected by means of a thermo-scanner. The use of masks is mandatory, possibly available for purchase also at the checkout, and the sanitization of the hands with disinfectant gel is favored, located along the visit route. The reservation is not mandatory and the ticket can be purchased online or directly at the ticket office, from 9 to 18. Respecting the interpersonal distance of at least two meters, the rooms will be passable following a one-way entry and exit itinerary, indicated by the appropriate signs and also available on the MRT app, integrated with a new orientation map in Italian and English. The application, downloadable for free on the Apple Store and Google Play, is the privileged tool for deepening the museum journey: by touching your smartphone you can get all the necessary information such as timetables, rates, contacts and accessibility, but above all explore the collections and listen the audio guide with 35 tracks in Italian, of which a free preview is always available.
From 2 June, the Royal Café also reopens, in compliance with safety standards and interpersonal distancing, thanks to the arrangement of the tables under the large porch of the Court of Honor.
From 6 June, every Saturday and Sunday, guided tours will also resume on the second floor of the Royal Palace, in the Princes' apartment, conducted by the volunteers of the "Amici di Palazzo Reale" Association and by the operators of Coopculture, for groups composed to the maximum for 8 people and with the exclusive possibility of going out on the terrace to look out over the Royal Gardens and Piazza Castello.

giardino-del-duca.jpg

 

The reading room of the Royal Library reopened on Wednesday 27 May with provisional hours: from Monday to Friday, 9-13.30. To consult books and documents, reservations must be made at least 24 hours in advance by writing to mr-to.bibliotecareale@beniculturali.it and indicating all the information available for the request, so that employees can prepare books and documents on the table assigned; it is also necessary to specify the possible need to examine the same documents for several consecutive days. The direct consultation of the specimens is allowed, with disposable mask and gloves, if digital copies are not available on the net or in the library archive, or in case of particular study needs that will be evaluated by the Management. After direct consultation, the documents will be quarantined for ten days, as required by the Guidelines of the Central Institute for the Pathology of Archives and Books (ICPAL).

NEXT OPENINGS - THE KITCHENS AND THE GARDENS
From the second half of June, on the weekend, the visit will be enriched by further special itineraries curated by Coopculture, through the Royal Palace and Armory, the Shroud Chapel, the Queen Elena Apartment on the ground floor and the Royal Kitchens on the basement, according to the schedule and methods that will be published on the sites of the Royal Museums and Coopculture in the coming weeks.
To go back for a walk in the Ducal Garden and in the Grove, it will be necessary to wait for Sunday 28 June, at the end of the refurbishment and restoration site, which unfortunately suffered the interruption of two months due to confinement. But from 2 June the renewed Luserna stone flooring placed along the facades of the Royal Palace and the Savoy Gallery, link between the Court of Honor and the New Channel of the residence, will allow the exit from the museum path and access to the system for visitors with disabilities.
As part of a listening campaign to improve the quality of services offered by individual museums, the General Directorate of Museums of MiBACT has promoted a questionable online questionnaire (link), aimed at outlining which cultural activities should be more developed in this delicate moment of reopening, in close connection with security needs.