A Venezia apre le porte hum.us, il primo affinity food space firmato Camplus

di Vino e cibo
Ott. 31, 2020

Il più grande studentato di Venezia ospita hum.us, un innovativo ristorante volto all’aggregazione degli studenti e dei lavoratori

The largest student residence in Venice hosts hum.us, an innovative restaurant aimed at the aggregation of students and workers

English text follow

Vicino all’Università Ca’Foscari, nella residenza Camplus Venezia Santa Marta, che ospita 650 studenti, è stato inaugurato hum.us (www.humus.space), il ristornate che Camplus, primo operatore di housing per studenti in Italia, ha sviluppato con il fine di promuovere l’aggregazione fra universitari e lavoratori. hum.us si basa su un concetto di ristorazione del tutto innovativo, pensato da Camplus e sviluppato dalla
società di consulenza strategica IDEA Food & Beverage, e sostenuto dall’entusiasmo e dall’esperienza di Federico Menetto, consulente per lo sviluppo di progetti business nel mondo enogastronomico, originario di Chioggia. Hum.us non è, infatti, una semplice mensa universitaria, ma un locale in cui gustare piatti realizzati sul momento da artigiani e abili professionisti. A guidare la cucina sarà lo chef Cristian Scarpa che vanta una
vasta esperienza nella gestione di locali, quali il Laguna di Pellestrina e il Pachuka del Lido di Venezia. La gestione è affidata, invece, ai due giovani manager Michele Pasotti e Alberto Vianelli.

 

Con i suoi 400 metri quadri messi a disposizione di tutta la città, hum.us non è solo un luogo in cui consumare un pasto, ma diventa anche un’aula studio per gli studenti universitari e un perfetto spazio di co-working.
L’eccezionalità del ristornate non si limita alla sua polifunzionalità, ma coinvolge anche la filosofia del tutto inedita su cui si basa: gli spazi della struttura, i piatti, le dimensioni delle porzioni, il packaging, le materie prime utilizzate non saranno sempre le stesse, ma cambieranno nel tempo grazie all’apporto dei clienti che frequenteranno hum.us.
Per rendere possibile tutto ciò, è stato predisposto un sistema di feedback istantanei che ha lo scopo di raccogliere i desideri degli avventori- in particolare dei giovani appartenenti alla cosiddetta “generazione Z”- in modo da creare un ponte tra generazioni che sono in apparenza distanti, ma che convivono e vogliono trovare una sintesi tra le rispettive esperienze e necessità. Vi saranno inoltre contest, che permetteranno ai clienti di esprimere la propria creatività allestendo e firmando alcune parti degli spazi.
hum.us diventa, quindi, incubatore di nuove idee, vero e proprio humus, terreno fertile a cui allude il nome, in cui gli studenti possono aggregarsi con gli altri clienti, dialogare, scambiare idee e passioni anche grazie alle sale riunioni e agli spazi esterni per oltre 300 metri quadri a disposizione dei clienti del ristorante.

 

Chi frequenterà hum.us potrà cambiare a proprio gusto il locale e sfruttare gli spazi a disposizione per organizzare eventi, incontri, letture, serate musicali. Inoltre, il ristorante è la location perfetta per i tradizionali ricevimenti, per le feste di lauree, per aperitivi e compleanni.

Per celebrare la nuova apertura, nelle prossime settimane hum.us sarà protagonista di numerose attività che prevedono incontri con gli artigiani e con i fornitori delle materie prime: vi parteciperanno Lorenzo Busetto di Mitilla®, Enrico Meschini di Le Piantagioni del Caffè, Ivano Astesana del Birrificio della Granda, David Bedu - Tre Pani Gambero Rosso, Raimondo Mendolia - tra le 100 Eccellenze Forbes 2020, Giovanni Minnelli di Malandrone 1477 e Peppe Zullo - capostipite della cucina vegetariana e ortolana pugliese. Questi incontri saranno utili a creare un legame diretto tra gli ospiti della struttura e chi, con passione e dedizione, crea prodotti artigianali salutari e di qualità: lo scopo di hum.us è infatti quello di portare valore a tutti
attraverso la creazione di relazioni personali.

https://www.facebook.com/humus.venezia/?ref=page_internal

 

Near the Ca'Foscari University, in the Camplus Venezia Santa Marta residence, which hosts 650 students, hum.us (www.humus.space), the restaurant that Camplus, first
student housing operator in Italy, has developed with the aim of promoting the aggregation between
university students and workers.
hum.us is based on a completely innovative catering concept, conceived by Camplus and developed by the strategic consulting company IDEA Food & Beverage, and supported by the enthusiasm and experience of Federico Menetto, consultant for the development of business projects in the food and wine world, originally from
Chioggia. Hum.us is not, in fact, a simple university canteen, but a place where you can enjoy dishes made on the spot by craftsmen and skilled professionals. Leading the kitchen will be chef Cristian Scarpa who has extensive experience in the management of venues, such as the Pellestrina Lagoon and the Pachuka of the Lido of Venice. The management is entrusted, instead, to the two young managers Michele Pasotti and Alberto Vianelli.
With its 400 square meters made available to the whole city, hum.us is not only a place to have a meal, but also becomes a study room for university students and a perfect co-working space.

The uniqueness of the restaurant is not limited to its polyfunctionality, but also involves the completely new philosophy on which it is based: the spaces of the structure, the dishes, the size of the portions, the packaging, the raw materials used will not always be the same , but will change over time thanks to the contribution of customers who
will attend hum.us.
To make this possible, an instant feedback system has been set up which aims to collect the wishes of patrons - in particular young people belonging to the so-called "generation Z" - in order to create a bridge between generations that are apparently distant , but who live together and want to find a synthesis between their respective experiences and needs.

There will also be contests, which will allow customers to express their creativity by setting up and signing some parts of the spaces.
hum.us becomes, therefore, an incubator of new ideas, a real humus, fertile ground to which the name alludes,
where students can gather with other customers, converse, exchange ideas and passions also thanks to the meeting rooms and outdoor spaces for over 300 square meters available to the restaurant's customers.

Those who attend hum.us will be able to change the place to their taste and take advantage of the spaces available to organize events, meetings, readings, musical evenings. Furthermore, the restaurant is the perfect location for traditional receptions, graduation parties, aperitifs and birthdays.
To celebrate the new opening, in the coming weeks hum.us will be the protagonist of numerous activities that include meetings with artisans and suppliers of raw materials: Lorenzo Busetto from Mitilla®, Enrico Meschini from Le Piantagioni del Caffè, Ivano Astesana from La Granda Brewery,
David Bedu - Tre Pani Gambero Rosso, Raimondo Mendolia - Giovanni is among the 100 Forbes Excellencies 2020 Minnelli di Malandrone 1477 and Peppe Zullo - founder of the Apulian vegetarian and vegetable cuisine. These meetings will be useful to create a direct link between the guests of the structure and those who, with passion and dedication, create healthy and quality artisan products: the purpose of hum.us is in fact to bring value to everyone through the creation of personal relationships .