A “Benvenuto Brunello Usa” coro unanime anti-dazi

di Il Vinotomane
Gen. 30, 2020

Il Brunello di Montalcino sbanca negli Usa e fa il pieno in vista dei possibili dazi aggiuntivi

ConsorzioBrunelloMontalcino_BenvenutoBrunelloNewYork2.jpeg

 

Si sono chiuse con successo le due tappe di New York (foto) e San Francisco nel principale Paese di sbocco (30% la quota export) per il principe dei vini toscani. Circa 1.000 gli operatori intervenuti per 50 aziende accreditate agli eventi di Benvenuto Brunello Usa e un coro unanime: no ai dazi.

 

“Tra metà novembre e fine dicembre – ha detto il presidente del Consorzio Brunello di Montalcino, Fabrizio Bindocci ( nella foto sopra ) abbiamo registrato un volume di richieste di fascette di Stato per l'immissione di bottiglie sul mercato del 75% superiore allo stesso periodo 2018 (3,5 milioni contro 2 milioni). Un dato senza precedenti, che ha permesso a molti nostri produttori di spedire oltreoceano il vino a gennaio e che la dice lunga su quanto i dazi preoccupino anche i nostri partner commerciali statunitensi”. Il prossimo appuntamento è in Italia, dal 21 al 24 febbraio, con Benvenuto Brunello e quella che sembra essere la super annata 2015.

 

Fabrizio-Bindocci.jpg