Vento A Favore Per La Vulcanica Docg Sulle Acque Borromee

di Il Vinotomane
Aprile 29, 2012

Vento a favore per la Vulcanica docg sulle acque borromee

Vento a favore per la Vulcanica docg sulle acque borromee

Complice una giornata uggiosa che poco invogliava alle passeggiate fra gli incantevoli scenari disegnati dal lago caro ai Borromeo, a tutto vantaggio della morbidezza aristocratica dei saloni del 5 stelle Les Iles de Borromies, l'accoglienza riservata alla vulcanica DOCG ha registrato un deciso consenso del pubblico lombardo, piemontese e ticinese. Visibilmente soddisfatto il presidente del Consorzio Vini Doc dei Colli Euganei, Antonio Dal Santo, che nel salutare gli ospiti del convegno tenutosi nel pomeriggio di domenica a margine della lunga giornata di degustazione, ha sottolineato come questa nuova meta per il Fior d'Arancio docg, nelle sue versione spumantizzata, passita e ferma, il frizzante Serprino e gli euganei rossi doc, costituisca un ulteriore passo avanti nella promozione di una produzione vitivinicola sempre più apprezzata e meritevole di attenzione da parte del grande pubblico ma anche degli esperti appassionati. Rappresentati per questa trasferta lombardo/piemontese sulle sponde del lago Maggiore, dalla delegazione Verbania Cusio Ossola dell'Associazione italiana sommelier che dopo avere scoperto il fascino dei vini Euganei ha concertato con il consorzio stesso e la camera di commercio di Padova quella che sarà ricordata come un'altra giornata di vento a favore per la vulcanica DOCG...








Al noto critico enogastronomico Paolo Massobrio e a Mauro Carosso, delegato Ais di Torino poi, il compito di concludere la giornata elogiando con un altro autorevole gagliardetto la mappa disegnata dai vertici del consorzio Euganeo impegnati come non mai verso un percorso di sfide e vittorie. Graditi, insieme alle degustazioni dei vini doc e docg g, le stuzziccherie e le tipiche gustosità patavine come il prosciutto Berico Euganeo dop con la sua proverbiale dolcezza che lo rende unico fra le coscie stagionate e sapientemente lavorate dai mastri norcini del Montagnanese, le invitanti fette di "salami de casada" e i non meno ghiotti assaggi di "soppressa";  i formaggi, l'olio di oliva extravergine dei colli Euganei con il pan biscotto dei panificatori padovani, i formaggi di latteria, i "zaeti", biscotti con l'uvetta, di Serenissima tradizione Veneta e tutta la vulcanica forza del simbolo dei produttori euganei: il Fior d'Arancio e i suoi alfieri.