Un Viaggio Nel Tempo

di vinoecibo
Gen. 20, 2014

Un viaggio nel tempo ,A Villa Alessi il rito di far su el mas-ciò,Colli Euganei , maiale, porseo, mas-ciò, grasàpole, schissotto ,

Fra le magiche atmosfere degli Euganei

Dal Podere Villa Alessi riceviamo e volentieri pubblichiamo con l'aggiunta di qualche nota * :


Quanti ricordano quando in quasi tutte le famiglie contadine si allevava il maiale? E quanti hanno vissuto l'atmosfera magica ma crudele di quando all'arrivo del freddo, quello vero, tra dicembre e gennaio, si macellava il porco? Un rito, "fare la festa" al maiale, che si rinnovava da tempo immemorabile e che coinvolgeva l'intera famiglia, i parenti, i vicini e gli amici. Era un momento di allegria e di abbondanza che faceva dimenticare i sacrifici e la miseria quotidiana. I preparativi cominciavano qualche giorno prima: si affilavano i coltelli, si preparavano i paioli e tutto quanto serviva; nell'aria si avvertiva una sottile eccitazione che coinvolgeva tutti. Poi, nel giorno tanto atteso, di buon mattino arrivava il norcino (  "el massin"  come si usa dire da queste parti); un breve saluto a quelli di casa e... "copà"  ! Posto subito nell'acqua fumante, il maiale veniva strofinato e privato dei peli, preziosi per confezionare pennelli. Sospeso ad un asse di legno e appeso sotto il portico di casa, era diviso in due parti. Dopo un paio di giorni, quando la carne era ben rassodata, tornava "el massin", che con attenta e cauta scelta del taglio di carne, dava forma a salami e salsicce, prosciutti e ossocolli, cotechini e pancetta, nonché a candidi pezzi di lardo... Ecco "copà e fato su el mas-cio". Ovvero il suino ( * “mas-cio” in dialetto ) : animale allevato in ogni famiglia, particolarmente apprezzato perché, come si usava dire, "del mas-cio no se buta via gnente" ( * del maiale non si butta niente).

Fra le magiche atmosfere degli Euganei

Un menù dal sapore antico

Molte pratiche, riti e tradizioni della vita contadina, stanno oggi scomparendo, ma si sta anche riscoprendo quanto grande sia il valore culturale di questo mondo antico, da conservare, valorizzare e trasmettere alle nuove generazioni. Quest'anno vogliamo condividere non solo le vecchie ricette e i sapori di un tempo, ma anche farne rivivere il contesto di vita vissuta attraverso le parole di chi ancora la ricorda bene. Loris Fontana, architetto che ha ricoperto importanti cariche nella tutela del patrimonio artistico del Veneto, ma soprattutto custode della memoria culturale del nostro territorio, offrirà, attraverso le parole di un'inedita, lunga poesia in dialetto "euganeo", proprio la storia di questo grande amico dell'uomo, capace di trasformarsi da piccolo animale di corte a ricca dispensa familiare. Per stare in compagnia: - schisotto co'e grasàpole - scartosso de tastasa'e e poénta - menestra de ossi co'a coéga "nobile" - risotto coi ruinassi - costesine e verse - muséto col purè - e... qualche osso pa'i pì coragiosi - pomo "neta-lengua" - fugassa de'a nona Romilda .
Il costo per la serata del 25 gennaio è di € 26 comprendente acqua, un calice di vino e tisana Prenotazioni : Tel. 0429 634025 info@villalessi.it www.villalessi.it

Un menù dal sapore antico

Piccolo glossario/traduttore di alcuni significati e termini euganei/padovani

Mas-ciò - Maiale
Copàre - Uccidere
Massin - Norcino
Schisotto - Pane tipico condito della zona
Grasàpole - Piccolissimi ciccioli di carne magra di maiale ricavato dai pani di strutto
( grasso di maiale )
Scartosso - Cartoccio
Tastasa'-è - Impasto di carne di maiale macinata che serve per fare i salami
Poénta - Polenta
Co'a - Con la
Coéga - Cotenna
Pa'i pì coragiosi - Per i più coraggiosi
Ruinassi - Frattaglie di animale di corte riferito solitamente a pollo e gallina
Meséto - Salame da bollito con carne di maiale macinata principalmente scarnificata dalla testa
Neta-lengua - Aggettivo complesso usato per definire la proprietà attribuita a cibi o bevande capaci di sgrassare il palato
Fugassa - Focaccia