Il Mondo In Rosa Di Miriam

di Il Merlo Parlante
Giugno 9, 2012

Il mondo in rosa di Miriam

Il mondo in rosa di Miriam

Da Mirian Quartesan, apprezzata sommelier che tra la sua professione fra i tavoli de La Montecchia,  i viaggi di studio e l'impegno per il dottorato,  si cimenta con la tastiera del pc, qualche riga in Rosa.







 In parte è moda e in parte gusto personale. Io adoro, amo e sogno la bollicina rosé, praticamente ho una venerazione. Il successo di questa particolare tipologia è sempre più in crescita, tanto che fa già tendenza. Il rosa rimanda al "glamour" della moda, è un colore energico, ma anche elegante, "chic", che si abbina molto bene a tonalità sia chiare che scure. Sembra che versatilità, forza, struttura e complessità derivanti dal Pinot nero, unitamente alle doti di freschezza, grazia e finezza, siano gli elementi che decretano il successo di questa tipologia di spumante.  È certo che le bollicine in rosa sono un mondo che affascina e lusinga prima, incuriosisce e soddisfa poi. Sono vini diversi nel colore, negli aromi e anche in bocca. A seconda del metodo di produzione, sia esso per macerazione o per assemblaggio, sorprendono per la loro carica aromatica originale e talvolta per un gusto unico. La moda, anche se partita dalla Francia, è riuscita a contagiare tutti quei locali d'élite, non solo per far parlare, anzi sorseggiare queste tanto acclamate bollicine a "tutto rosa". 

Durante il mio ultimo viaggio in Borgogna ho potuto constatare che...








nei "Bar à Vin" i clienti hanno ricominciato a ordinare i "rosé, sia champagne che crémant. A parte il gusto intensamente  fruttato e la classe innata di quel perlage colorato che si fa ammirare e risale nel bicchiere, il loro aspetto richiama il rosa vellutato, morbido, avvolgente- quasi come i capi di alta moda, che ricordano le ultime passerelle degli stilisti e soprattutto l'universo femminile. Le donne possono essere acqua e sapone proprio come i rosé prodotti con macerazione, oppure truccate come i rosé nati per assemblaggio. A volte il trucco rischia di essere eccessivo, ma quando è perfetto la donna diventa una creatura speciale, come alcuni millesimati rosé nati per assemblaggio di uve provenienti dalla Champagne. Se in programma c'è una ricorrenza particolare, un appuntamento romantico o un anniversario,  non scordatevi di stappare una bottiglia speciale, originale e unica, con un colore in grado di stupire!  Perché allora non optare per uno spumeggiante "effetto rosa", come lo champagne Vieille France Brut Rosé S.A, 100% di Pinot Nero, con un bel perlage color salmone intenso, l'aroma di bacche rosse e una piacevole freschezza e acidità? Il suo finale pulito e la sua mousse cremosa lo rendono  perfetto come aperitivo e a tutto pasto, capace di donare un'intensa emozione e riuscire nell'effetto sorpresa, regalandoci un momento indimenticabile.



Nelle foto l'etichetta dell Vieille France e Miriam Quartesan