Volcanic Wine Park, successo annunciato

di Vinoecibo
Giugno 16, 2019

Dentro al paesaggio che racchiude al suo interno i contrafforti della Pedemontana Veronese e Vicentina e dove trovano collocazione i comprensori produttivi del Lessini Durello, del Soave, del Breganze e dei Colli Berici 

aldo, giovanni e hotel fracanzana.jpg

 

Sono stati Aldo Lorenzoni e Giovanni Ponchia, rispettivamente il direttore del Consorzio tutela del Soave e del Lessini Durello e il direttore comunicazione, marketing e vigilanza del Consorzio Colli Berici, ad accogliere il folto gruppo di giornalisti invitati a Soave, per cominciare, poi, un breve ma intenso viaggio alla scoperta del Volcanic Wine Park. Un magnetico itinerario a partire proprio dal medievale centro scaligero che con le sue mura e il suo castello, oggi come ieri, sembra presidiare l'impagabile ricchezza del territorio vitato su cui si erge.

 

P1210027.jpg

 

Uno scenografico paesaggio che racchiude al suo interno i contrafforti della Pedemontana Veronese e Vicentina e dove trovano collocazione i comprensori produttivi del Lessini Durello, del Soave, del Breganze e dei Colli Berici ma anche una dinamica rete di imprese che ha dato vita ad in vero e proprio progetto di aggregazione in quel che viene definito “club di prodotto”. Ovvero una forma associativa di imprese, finalizzata alla creazione di un prodotto turistico destinato ad un mercato specifico.

 

vini volcanic park.jpg

 

Un “club di prodotto” il Volcaninc Wine Park, che prende il nome proprio dall'essenza geologica originaria di valli, colline e rilievi montuosi , nata dagli sconvolgimenti tellurici che trasformarono il fondale di quella parte del mare di Tetide, che milioni di anni fa, separava il Nord Africa dal continente Eurasia, terziario. Una placida distesa marina che a seguito della spinta orogenetica dovuta alla pressione delle faglie continentali, che frantumò il rigido pack sedimentario presente nell'attuale area dei Lessini, fu sconvolta dall'effusione di magma basaltico presente negli strati profondi della litosfera. Che da allora in avanti indirizzarono gli orientamenti dei movimenti tettonici della zona , i cui principali effetti deformativi culminarono nell'era compresa fra i 60 e i 6 milioni di anni fa.

 

fossili_8.jpg

 

Furono questi frequenti movimenti tettonici del fondale marino e le effusioni vulcaniche la ragione che rese assai vario l'ambiente dove prolificavano le forme di vita fissate nel tempo dalle rocce di Bolca. Piccolo paese nel cuore dei Lessini che grazie al suo giacimento di fossili è diventato ai nostri giorni il punto di riferimento più evidente di quanta ricchezza biologica marina e palustre popolasse il mare e le spiagge costiere di quello che oggi, invece, si presenta invece come un tipico paesaggio fatto di dolci coline che salgono fino a diventare ripidi pendenze che svettano, infine, verso rilievi montuosi che preludono alle cime delle Alpi venete e trentine.

 

basalti colonnari lessini.jpg

 

Uno scenario che a ripercorrerlo con la guida e il racconto di due profondi conoscitori del territorio come Aldo Lorenzoni e Giovanni Ponchia, diventa già da par suo, un affascinante viaggio nel tempo prima che panoramico percorso, a bordo di un confortevole autovan. Da qui le svolte, i dossi, o i brevi rettilinei prima di ripide curve ascendenti e le rapide discese, diventano come tanti fotogrammi che sembrano restituire le antiche anime del suolo.

Ora placidamente coperti da fitte macchie di vegetazione negli strati più in quota, ma soprattutto da ordinatissimi filari di vigne che intrecciano le loro radici nello strato emergente dei suoli di origine vulcano plastici. Fatti ora di marna, ora di calcare marnoso, ora di granitico fondo basaltico, ora di sedimenti friabili e quasi impalpabili. Se non fosse che la percepibile struttura microgranulare che pervade ogni particella del suolo, “pesante” milioni di anni e che non facesse trasparire la tangibile e rilevante ricchezza di minerali e concrezioni fossili. Una terra che da da balza in balza di terreno vitato, su eroici muretti che imprigionano la vitalità di ogni pianta coltivata, svela la sua natura vulcanica. Piena di fascino e mistero che lascia ogni uomo senza fiato ogni volta che immagina la forza distruttrice e creatrice allo stesso tempo. Morte e vita in continuo rincorrersi che tuttavia, agli occhi di chi può guardare la meraviglia di questi paesaggi senza eguali , ha, come vincitore, solo la vita e la sua bellezza .

soave 2015.jpg

 

Evidente che tanta magnetica e vulcanica bellezza non poteva che essere messe a frutto dalle persone d'ingegno e innamorate della loro terra che fanno parte delle organizzazioni che racchiudano una componente trasversale di strutture dell’accoglienza turistica e della promozione territoriale, per iniziare un percorso condiviso verso strategie di promozione territoriali efficaci.

Sono attualmente 15 le realtà che aderiscono a questo club di prodotto denominato Volcanic Wine Park : quattro consorzi di Tutela – Lessini Durello, Soave, Gambellara, Colli Berici – e nove strutture ricettive – Locanda ai Capitelli, Tenuta Coffele, Residenza ai Capitelli, Agriturismo, Hotel Bareta, La Fracanzana, Hotel Turismo, Corte Quadri , Hotel Brusco. “ Il club di prodotto- spiega Aldo Lorenzoni direttore del consorzio Soave e del Monte Lessini  - intende focalizzare l’attenzione sul turismo enogastronomico esperienziale, sviluppando un’offerta completa e distintiva, in grado di assicurare al turista una fruizione unitaria del territorio ed un appagamento personale profondo; una “total leisure experience” , basata su qualità dei servizi, professionalità nell’accoglienza, attività/eventi esperienziali e rispetto dell’ambiente.

 

vigneti volcaninc park.jpg

 

Un territorio dalle grandi potenzialità ancora tutte da sfruttare che in un una delle sue parti, il Soave, è finanche arrivato ad essere dichiarato patrimonio rurale mondiale GIHAS – FAO . Questo in sintesi il risultato dell’analisi di mercato che la Rete d’impresa Volcanic Wine Park, nata su stimolo della Regione Veneto attraverso il programma POR-FESR, ha redatto in questo primo anno di vita. “ All’hotel Bareta – spiega il direttore del Consorzio Colli Berici Giovanni Ponchia - sono stati presentati i dati sul turismo del comprensorio, che conta 56 comuni divisi idealmente nei 4 consorzi vino che compongono la rete: Soave, Lessini Durello, Gambellara e Colli Berici. Di questi i primi 8 ovvero San Bonifacio, San Martino Buon Albergo, Soave, Altavilla Vicentina, Creazzo, Lonigo, Montecchio Maggiore e Schio contano le maggiori presenze annue e sono quelli dove hanno sede i partner della rete, le strutture ricettive che hanno creduto in questo progetto – Locanda ai Capitelli, Tenuta Coffele, Residenza ai Capitelli, Agriturismo Tamellini, Hotel Bareta, La Fracanzana, Hotel Turismo, Hotel Brusco, Corte Quadri.”

 

giornalisti i capitelli.jpg

 

“ Dall'avvio del progetto ad oggi – continua Aldo Lorenzoni - per la rete di imprese è stato un periodo anno molto dinamico, dove il progetto ha torvato attenzioni non solo in Italia, come al Merano Wine Festival, meta di tanti winelovers italiani, ma soprattutto su palcoscenici internazionali come il Prowein in Germania e soprattutto alla Volcanic Wine Conference a New York. La prima del suo genere, dove si è potuto raccontare attraverso immagini e vini un territorio capace di abbinare la sua origine geologica a un turismo attrattivo ed evocativo” . Inoltre – aggiunge di contro Giovanni Ponchia - l’anno appena passato e questi primi mesi del 2019 si sono eseguiti importanti lavori di ristrutturazione e adeguamento all’offerta enogastronomica che è il cuore del progetto. Sono stati infatti realizzate sale degustazione all’interno delle strutture ricettive per attirare e sviluppare un turismo che finora è sempre stato caratterizzato dal cosiddetto “mordi e fuggi”. Se si guardano infatti i dati di permanenza media, essi di rado superano i due giorni e uno degli scopi della rete è quello di invertire questa tendenza. Dando modo al turista di trovare un motivo in più per rimanere nelle strutture con l’obiettivo di scoprire la zona e quanto essa può offrire.”

 

volcanic giovanni ponchia a sx aldo lorenzoni a dx.jpg

 

 

lorenzoni volcanic.jpg

 

Vero è infatti che il turismo enogastronomico è considerato ormai un prodotto importante nel pacchetto “Italia”, coprendo il 14% dell’intera richiesta legata al turismo e un indotto totale di oltre 12 miliardi di euro. Iniziative come quella di un club di prodotto incentrato su questo movimento in un territorio la cui offerta è variegata non può che soddisfare ogni possibile cliente che ricerca nuove esperienze, posti incontaminati e sapori genuini.

Un territorio straordinario, dove il turista può visitare dalle ville Palladiane, patrimonio dell’Unesco, ai fossili di Bolca e Roncà, candidati allo stesso riconoscimento, fino alle Colline Vitate del Soave, recentemente nominate Patrimonio Agricolo di rilevanza mondiale secondo il GIAHS-FAO. Il tutto accompagnato dai sapori del territorio. Gusti unici di formaggi, salumi, piatti tipici locali, fino al vino che ha reso questo territorio famoso in tutto il mondo e lo ha portato all'attenzione di migliaia e migliaia di turisti. Calamitati dalla forza vulcanica forza di una sorta di micro mondo dalle cento e più sfaccettature che non ha eguali nel mondo.

 

tipicità volcanica park.jpg