Friuli-Venezia-Giulia

Vini Inossidabili

di Il Merlo Parlante
Maggio 26, 2013

Puiatti Giovanni , Puiatti Elisabetta

Oltre la moda

Nel corso della cerimonia di premiazione che in quel di Gradisca d'Isonzo, ha visto assegnare le prestigiose statuette del Gran Premio Noè a tre figure di riferimento del settore vitivinicolo del Friuli Venezia Giulia, tra gli invitati sul palco, anche i fratelli Elisabetta e Giovanni Puiatti. A loro è stata consegnata una targa di riconoscimento alla famiglia Puiatti quale “segno“ di tangibile legittimazione all’importanza dell’attività svolta dal fondatore Vittorio Puiatti. Capostipite di una famiglia che ha ricoperto un ruolo incisivo e fondamentale nella storia dell’enologia friulana ma anche italiana. E', ai Puiatti infatti che si deve l'uso di solo acciaio inox 100%, sia durante la fermentazione e l'invecchiamento dei vini. Un metodo attualmente ben praticato ma che un tempo era considerato rivoluzionario e, fino alla metà degli anni '80, anche decisamente fuori moda. Il risultato di questa tecnica però, questa la convinzione di Giovanni Puiatti, non è quello di fare prodotti alla moda ma vini che non tradiscono la purezza e l'essenza delle uve e delle vigne che ne sono madri. Vini ricchi di frutta, con un livello di acidità relativamente alto, che ogni volta sanno rapire il palato per la loro brilantezza. Ottenuta proprio grazie alla mancanza del legno delle botti che aggiungerebero un peso di aromi melenso e, non di rado, inutile. Buono, forse, per quanti cercano la moda ma non per chi ha alle spalle una storia come i Puiatti, che la moda la vogliono inossidabile.

Oltre la moda