Trentino-Alto-Adige

Vigna È La Precisissima Identificazione Dei Vini Di Hofstatter

di Marco Meneghetti
Marzo 3, 2015

Vigna è la precisissima identificazione dei vini di Hofstatter

Le parcelle connotano il vino e in annate di scarsa resa non va mescolato con uve di altri vigneti

L'azienda vitivinicola Josef Hofstatter occupa una costruzione del XVI secolo a Termeno (Bz). L'edificio venne eretto per ospitare la "Imperial-regia stazione di posta". Negli anni fu trasformata in locanda denominata "Schwarzer Adler" (Aquila Nera). Maria mandava avanti la cucina mentre il marito Josef Hofstatter si dedicava con profitto alla cura del vigneto e della produzione di vino. Nel 1942 il nipote di Hofstatter, Konrad Oberhofer e la moglie Luise rilevano l'azienda e intuiscono subito il potenziale dell'azienda.
Gli anni trascorrono e la Hofstatter, punta su qualità e valorizzazione del territorio. Le ambizioni non mancano e punta a diventare l' ambasciatore del Cru altoatesino. Il duro lavoro di ricerca e di sperimentazione ha portato finalmente i suoi frutti. Al Vinitaly, in programma dal 22 al 25 marzo, la tenuta di Termeno presenterà il marchio d'identità del vino. Vigna è la sua identificazione così descritta “ in Alto Adige: se nell’etichetta di un vino viene specificata la „Vigna“, deve trattarsi di un vino che proviene da una parcella ben definita. D'ora in poi un vino con questa denominazione potrà essere vinificato solo con le uve che provengono da questa parcella. In annate con scarsa resa è vietato aggiungere uve di vigneti limitrofi. La denominazione „Vigna“, così, garantisce la provenienza di un vino da una vigna conosciuta anche nominativamente. I francesi parlano di „Cru“, un vino che dichiara le proprie origini”.
"Al Vinitaly, ci presenteremo come prima cantina altoatesina che riporta l'identificazione “Vigna”, ovvero la parcella del vigneto dove è cresciuta a maturata l'uva e che identifica la puntuale e precisa provenienza del vino”.
Hofstätter aveva introdotto il concetto di “Vigna” 1987 quando propose al mercato il Barthenau Vigna S. Urbano pinot nero e Barthenau Vigna S. Michele pinot bianco. Il processo è proseguito con i Gewürztraminer che provengono invece dalle parcelle del maso “Kolbenhof” e dalla “Vigna del Castello di Rechtenthal”. La varietà Lagrein è delle parcelle del maso “Steinraffler”.
 
 
 
 
Le parcelle connotano il vino e in annate di scarsa resa non va mescolato con uve di altri vigneti