Tre nuovi vini BIO per per Ruffino

di Leonardo Felician
Giugno 12, 2019

Conferma dell'impegno per la sostenibilità ambientale con il lancio di tre nuove etichette certificate BIO

10150815_10153934388855504_1450489942_n.jpg

 

Chi dice Ruffino, pensa a vini toscani: il marchio è famoso anche perché è storico, essendo stato fondato nel 1877. Restò poi per un secolo in mano alla famiglia Folonari fino all’ingresso nel 2004 con una partecipazione minoritaria della Constellation Brands, importante multinazionale americana specializzata in vini e bevande alcoliche di qualità, che nel 2011 ha perfezionato l’acquisto delle restanti quote. Oggi i vini Ruffino sono distribuiti in ben 90 Paesi dove sono sinonimo di vino italiano di qualità.

 

5.jpg

 

Una delle novità più recenti della casa con sede a Pontassieve vicino a Firenze è la conferma del suo impegno di sostenibilità ambientale con il lancio di tre nuove etichette certificate BIO: un Chianti, un Prosecco e un Pinot. Tra i vigneti posseduti da Ruffino in varie regioni d’Italia sono ormai oltre 200 ettari di vigneti in conduzione biologica. Anche se da tempo la casa aveva introdotto pratiche sostenibili per la gestione delle tenute, nell’ultimo anno ha impresso una decisa accelerazione con l’acquisizione nel 2018 di Poderi Ducali in Veneto, oltre 126 ettari di vigneti tutti a conduzione biologica certificata dove si producono due vini BIO, il Prosecco Treviso DOC e il Pinot Grigio delle Venezie DOC. Di quest’anno invece è l’uscita sul mercato del nuovo Chianti DOCG Bio prodotto in Toscana e l’inizio dell’iter di conversione di altre due importanti tenute toscane: Greppone Mazzi a Montalcino e Poggio Casciano nel Chianti Colli Fiorentini. Al termine del processo di conversione al biologico si aggiungeranno così altri 72 ettari e entro due anni il 41% dei vigneti di proprietà di Ruffino sarà a conduzione biologica.

 

4.jpg

 

Maurizio Bogoni direttore delle Tenute Ruffino, è orgoglioso dell’attestazione “Biodiversity Friend” della World Biodiversity Association e sostiene una viticoltura di precisione che porta a gestire i diversi vigneti in base alle loro caratteristiche pedoclimatiche riducendo significativamente fino ad eliminare l’uso di erbicidi e pesticidi. L’impegno di Ruffino non si limita alla gestione dei vigneti, ma coinvolge tutte le fasi di produzione, con attento monitoraggio dei flussi d’acqua in entrata e uscita ed eliminazione mediante filtraggio e fitodepurazione dei residui chimici inquinanti presenti nelle acque reflue, ma anche con un riciclo dei rifiuti e dei materiali di scarto con l’utilizzo sempre maggiore di energia da fonti rinnovabili per ridurre l’emissione di gas effetto serra.

 

2.jpg

 

Ruffino Wines   Piazzale Ruffino 1, Pontassieve (FI)  Tel. 055 83605

Email: info@ruffino.it   www.ruffino.com