Veneto

Soavità Nel Paese Degli Occhi A Mandorla

di Il Merlo Parlante
Set. 19, 2013

Soave, Giappone,

Vino bianco sopraffino

Sono oltre cento i locali più trendy della capitale nipponica che proporranno e promuoveranno ai loro clienti le differenti interpretazioni di Soave, con l’inserimento delle referenze in carta vini e con l’avvicinamento alla degustazione guidato da esperti sommelier. E’ il risultato di un’importante azione promozionale, coordinata dal Consorzio del Soave, che vede la partecipazione diretta di quattordici aziende associate
Entracosì nel vivo la nuova missione promozionale del Consorzio, dopo cinque giorni di intense attività a cui hanno partecipato gli stessi produttori, impegnati in incontri con operatori, giornalisti e buyer. La missione, realizzata nell’ambito dei progetti OCM, di fatto prosegue e sviluppa quanto fino ad oggi costruito dal Consorzio del Soave nel mercato nipponico.
Due i canali operativi scelti dal Consorzio per rafforzare la conoscenza del vino Soave in Giappone: workshop per addetti ai lavori nelle giornate di permanenza dei produttori; mescita e degustazioni guidate per i consumatori nei due mesi a seguire. Purtroppo le mie vecchie e canute ali di merlo non mi consentono di arrivare fi laggiù ma poco importa, della Soave uva di Garganega, scrigno di profumi dove la mandorla e i fiori bianchi sono fra i più interessanti, ne ho già fatto una scorpacciata. Proprio fra le verdi colline dei comuni a denomimazione di origine controllata del veronese, dove viene allevata con cura e dedizione da vignaioli che bene fanno, a diffondere anche in Giappone, il sapere e il gusto italiano in tema di vino bianco sopraffino. Tanto che anch'io, che per colpa del mio nome e dell'uva merlot che lo ha determinato, non dovrei essere incline ai suoi sapori ma, se posso, lo raccomando.
 

Vino bianco sopraffino

Presentato dal giornalista Shigeru Hayashi

Ad ofoni modo, all’apertura della missione, la scorsa settimana, particolare successo hanno riscontrato sia il seminario di approfondimento sui temi forti della denominazione, con particolare riguardo al valore del vulcano e alle vigne storiche all’hotel New Otani, sia il seguente “walkaroundtasting” vale a dire un banco d’assaggio circolare, dove i produttori in persona hanno illustrato i propri vini agli operatori di settore e alla stampa specializzata. Sempre in questa sede ha avuto esito molto positivo la serie di incontri B2B tra importatori nipponici e i produttori di Soave.
Molto significativa poi la presenza di Shigeru Hayashi, giornalista e presidente di Eataly per il Giappone che ha guidato la sessione di degustazioni introducendo i vini ma anche presentando le guide “Soave Wine & Japanese Cusine” e “Soave”, tutte pubblicazioni che intendono contribuire a trasmettere la cultura dei vini in abbinamento alla cucina locale.
“Crediamo molto in questa iniziativa promozionale – sottolinea Arturo Stocchetti, presidente del Consorzio del Soave, nella foto sotto  – dal momento che gli spazi per il nostro Soave ci sono. Non dimentichiamo poi che, accanto all’ottimo rapporto tra qualità e valore delle nostre produzioni, la cucina nipponica si caratterizza per piatti dai sentori delicati e per pesce crudo, sapori quindi che si abbinano alla perfezione ai nostri vini”.

Presentato dal giornalista Shigeru Hayashi