Poggio Cagnano in terra d'America

di vinoecibo
Ott. 26, 2018

Appuntamento a new York  al Corkbuzz - 13 East 13th Street per una masterclass

20952935_795726020612141_5658116648573258537_n.jpg

 

Vola oltreoceano Poggio Cagnano che con i suoi vini eleganti, biologici e d'alta quota strizza l'occhio al mercato americano. Appuntamento a New York il 29 ottobre alle 10.30 presso la location Corkbuzz - 13 East 13th Street - dove ci sarà una masterclass guidata e un walk around tasting dedicato alle eccellenze della Doc Maremma Toscana tra cui spicca Poggio Cagnano come realtà emergente che sta riscuotendo importanti apprezzamenti.

 

Jeff Porter.jpg

 

A fare gli onori di casa Jeff Porter, influencer di prestigio e Corporate Beverage Director del Gruppo Bastianich, che accompagnerà operatori del settore e stampa in un viaggio alla scoperta dei vini innovativi di questa "nuova" Toscana del vino.

 

arenario_2015_COPPER_v02(0).png

 

Poggio Cagnano sorge a 450m nel cuore della Maremma Toscana.
 Dal 2016, tutte le produzioni di vino sono sottoposte a certificazione biologica. Altaripa è il Sangiovese in purezza che a queste altitudini trova un habitat ideale per esprimere le sue caratteristiche più̀ eleganti; il Cabernet Sauvignon Arenario è un supertuscan molto territoriale mentre nel blend Selvoso Ciliegiolo e Sangiovese riassumono tutti i sentori e le sfumature del territorio. Dal 2017 sul mercato anche il Vermentino Nebula Gialla - premiato con il bollino rosso dalla commissione di assaggio di The WineHunter Award 2018 - e il Rosé a base di Sangiovese, Nebula Rosa.

 

image(4).png

 

Situato nel cuore della Maremma Toscana, Poggio Cagnano – azienda avviata da Pietro Gobbetticon il figlio Alessandro, entrambi spinti dalla passione e dalla fiducia per le potenzialità di questo territorio – si estende sulle sommità dell'omonimo colle che domina l'area. Qui le forti escursioni termiche contribuiscono allo sviluppo nell'uva di aromi fini e freschi, viti e olivi si mescolano nel segno della biodiversitàin un terreno impervio di roccia arenaria (responsabile della spiccata mineralità dei vini prodotti), circondato da boschi di querce. Gli attuali 2 ettari di vigneto (che diventeranno 5) danno origine a una produzione di circa 10.000 bottiglie/anno.