La storia moderna del vino italiano

di Giuseppe Casagrande
Maggio 21, 2018

Il volume curato da Walter Filiputti con dedica a Luigi Veronelli ha vinto il primo premio mondiale nella sezione Wine & Drinks Book. Un viaggio affascinante alla scoperta del "pianeta" vino

Un viaggio affascinante alla scoperta del <pianeta> vino con dedica, doverosa, a Luigi Veronelli, maestro di tutti noi giornalisti enogastronomici. Ecco, in sintesi, il contenuto di questo bellissimo volume <Storia Moderna del vino italiano> edito da Skira e curato da Walter Filiputti, vignaiolo, winemaker, giornalista, docente universitario, autore di numerosi libri di enogastronomia, presidente del Consorzio Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori.

 

Bolgheri.jpg

 

La storia moderna del vino italiano ha inizio tra la fine degli anni Sessanta e i primi Settanta del Novecento e rappresenta la più bella pagina mai scritta dalla nostra agricoltura, che ha visto la trasformazione di semplici viticoltori in imprenditori le cui bottiglie sono presenti in tutto il mondo. Straordinaria fu la capacità di innovarsi: dall’enologia alla viticoltura, dal modello di gestione al marketing, fino alla comunicazione.

Dedicato a tutti i vignaioli italiani (e in particolare a Luigi Veronelli, “il filosofo del vino italiano”), Storia moderna del vinoitaliano racconta per la prima volta questa storia di lavoro e creatività tutta italiana in tutta la sua affascinante complessità e varietà di uomini, aziende e vini.

 

Storia moderna vino italiano - copertina.jpg

 

Suddiviso in tre parti (Rinascimento del vino italiano; Il vino italiano. L’innovazione; La geografia del vino italiano), il volume propone un affascinante viaggio alla scoperta dei diversi aspetti del poliedrico mondo del vino: dal cosiddetto Rinascimento del vino italiano, al suo futuro e all’innovazione in tutte le sue declinazioni, dalla cucina italiana nel mondo alla sfida dei mercati internazionali, dagli intellettuali del vino al paesaggio vitivinicolo, dalle bottiglie ed etichette d’autore alle cantine, veri sancta sanctorum dove si celebra il rito del vino.

 

Walter Filiputti.jpg

 

Il volume presenta, decennio dopo decennio, le aziende protagoniste di questa storia dagli anni sessanta sino a oggi, a ciascuna delle quali viene dedicata una scheda illustrata completa della storia della casa vinicola e dei vini più rappresentativi.

I testi sono di Paolo Benvenuti, Rita Biasi, Mario Busso, Antonio Calò, Angela De Marco, Maurizio Di Robilant, Walter Filiputti, Michele Mannelli, Stefano Micelli, Michele Morgante, Luca Pedrotti, Cesare Pillon, Davide Rampello, Attilio Scienza, Roger Sesto, Angelo Solci, Raffaele Testolin, Diego Tomasi con il contributo di Magda Antonioli, Gilberto Arru, Daniele Bartolozzi, Nicolas Belfrage, Ampelio Bucci, Angelo Carrillo, Tania Di Bernardo, Umberto Gambino, Piera Genta, Paolo Ianna, Alberto Mattiacci, Riccardo Modesti, Bernardo Pasquali, Jens Priewe, Guido Ricciarelli, Franco Santini, Alma Torretta.

 

18888813_430431164003914_2186850394817167360_n.jpg

 

Recentemente il volume Storia Moderna del vino italiano ha vinto il primo premio mondiale nel Gourmand World Cookbook Awards 2017 assegnato a Yantai in Cina nella sezione Wine & Drinks Books. Il libro ha conquistato il primo posto nella categoria Best European Wine Book tra centinaia di pubblicazioni arrivate da tutto il mondo. <Il libro sarà un reference book per anni poiché alla base ha una ottima ricerca ed è scritto molto bene. E’ un piacere da leggere, con splendide illustrazioni e impaginazioni che dimostrano la grande perizia del suo Editore, Skira> ha dichiarato Edouard Cointreau, presidente della Giuria del prestigioso riconoscimento.