Valle-D'Aosta

La Rivincita Dei Piccoli Vini

di Marco Meneghetti
Aprile 1, 2015

La rivincita dei piccoli vini

Il Fumin è piccolo vino della Valle d'Aosta che rappresenta una piacevole scoperta.

Nel mondo esistono oltre sei mila differenti vitigno. L'Italia si colloca ai primi posti con 453 varietà. La speciale classifica è guidata dalla dalla Georgia, vera superstar del terzo millennio. Lo Stato annovera una biodiversità vitivinicola di 524 varietà, cui si aggiunge il fascino della vinificazione in anfore interrate.
Le uve millenarie di cui trattiamo alcune sono andate perdute per l'epidemia della filossera, altre invece sono state semplicemente dimenticate dai produttori, perché di scarsa resa, resistenti alle forzature chimiche quanto a quelle genetiche. Se molte sono arrivate sino a noi, è stato per la cocciutaggine con cui le piante hanno resistito nel tempo, evitando di inselvatichirsi e quindi di uscire dalla possibilità di essere vinificate.
Il merito va pure ai vignaioli illuminati che ettaro dopo ettaro, hanno rivalutato i vitigni dimenticati,
dispersi e pur vivi in molte zone d'Italia. E' iniziata una sfida estrema e la lenta riattivazione delle lavorazioni tradizionali.
Uno di questi vini è il Fumin autoctono valdostano. Il suo nome deriva dal profumo affumicato che lo caratterizza. Nei tempi andati il vino era utilizzato principalmente per dare colore e acidità ai vini meno strutturati. Ora è vinificato in purezza e la qualità è decisamente buona. Nel passato i vigneti in Valle d’Aosta venivano generalmente impiantati con un assortimento di vitigni autoctoni caratterizzati per la loro predisposizione all'altitudine, essendo il concetto di un vino proveniente da un’unica varietà pressoché sconosciuto. Ancora oggi nei vecchi vigneti di Aymavilles, il Fumin è associato al Petit rouge.
Il vitigno è molto sensibile alle variazioni del microclima, il che comporta che i vigneti devono essere selezionati con estrema cura per ottenere i risultati voluti. Il vino ha una predisposizione all'affinamento in legno, pertanto non va bevuto giovane. Necessita di almeno due anni di maturazione. 
Il Fumin è piccolo vino della Valle d'Aosta che rappresenta una piacevole scoperta.