Loading...

La Doc Venezia a prova di smartphone

di VinoeCibo
Ott. 8, 2017

Itinerari per turisti con la passione per un "bon goto de vin " e anche per chi vuole conoscere una Venezia inedita

vigneto Venezia convento.jpg

 

L'era 4.0 farà conoscere ai 23 milioni di visitatori annui di Venezia il legame della città lagunare più famosa al mondo con i luoghi del vino. Tre itinerari che porteranno il visitatore a scoprire calli, campi, vigneti sperimentali in broli di conventi o in isole lagunari ma soprattutto i luoghi dove degustare i vini della Doc Venezia.

La messa on line del portale www.docvenezia.itavvenuta in occasione dell'evento aperto al pubblico #FeelVenice al Convento dei Carmelitani Scalzi a Venezia tenutosi nei giorni scorsi, ha visto la partecipazione di 350 enoappassionati da tutta la regione.

Sono tre i percorsi enoturistici che hanno come fil rouge il vino. Il primo tour, "Wine Tour Venezia – Le vie del vin e de altre merci presiose", rappresenta il cuore del progetto e ripercorre infatti le vie dei mercanti veneziani, in un itinerario che fa rivivere le vie del commercio e delle merci preziose dell'epoca, spizzicando qua e là vini e cicchetti. http://www.docvenezia.com/il-territorio/itinerari/1-wine-tour-venezia-le-vie-del-vin/

Il secondo, "Wine Tour Venezia – Culture e tratte d'oriente", nasce per far scoprire l'importanza dei traffici con il Medio oriente e l'influenza delle loro culture nella città veneta, che si ritrovano oggi in particolare nei prodotti entrati nella nostra cultura culinaria. http://www.docvenezia.com/il-territorio/itinerari/wine-tour-venezia-culture-e-tratte-doriente/.   "Wine Tour Venezia – De arti, de Vin e altre meravegie" è pensato per gli amanti dell'arte, un percorso nel distretto "artistico" per eccellenza, tra le "meravegie" (meraviglie) del passato e della modernità, trovando ristoro in storiche enoteche e osterie.

http://www.docvenezia.com/il-territorio/itinerari/wine-tour-venezia-de-arti-de-vin-e-altre-meravegie/

 

venezia doc venezia.jpg

 

Non solo aneddoti storici, ricette, eventi e vini, ma soprattutto un invito a scoprire i due vigneti sperimentali gestiti dal Consorzio Vini Venezia che prendono vita proprio all'interno della città lagunare. Difficile immaginare un vigneto a Venezia ma non impossibile, con questo spirito il Consorzio Vini Venezia dal 2010 ha seguito i due vigneti, il primo nel brolo del Convento dei Carmelitani Scalzi  e il secondo nell'isola di Torcello.

I due vigneti nascono da una serie di studi condotti assieme al prof. Attilio Scienza, all'Università di Padova e di Milano, e al CRA-VIT di Conegliano, per cercare di recuperare tutte le varietà vitivinicole presenti in broli, giardini pubblici e privati e dei Conventi, grandi detentori di questi "tesori" varietali. Il risultato è la creazione di una vera e propria "banca genetica" lagunare.

I due vigneti, con annessi giardini, sono visitabili su prenotazione durante l'anno e rappresentano il lagame che la città di Venezia ha da sempre con il vino.