Veneto

Il Web È Il Marketing Del Vino

di Marco Meneghetti
Dic. 4, 2014

Il web è il marketing del vino

Quasi il totale delle cantine italiane ha un sito internet e facebook è una finestra aperta sul mercato

La rete non è più un tabù per le cantine italiane che si scoprono sempre più 2.0 e connesse con il mondo intero H24. È la sintesi della ricerca “Le imprese vitivinicole italiane e il web”, condotta da BeSharable e presentata oggi a wine2wine, il primo forum di Veronafiere-Vinitaly dedicato al business del settore vitivinicolo.
L’indagine, è stata realizzata su 3.439 imprese vitivinicole: il 94 per cento delle cantine dispone di un sito internet, supportato dalla presenza sui social, in primis Facebook che cattura il 73 per cento dei profili aziendali, confermandosi il canale più utilizzato anche per il marketing.
Tra gli altri strumenti utilizzati è Twitter a primeggiare. Il 30 per cento delle cantine cinguetta, subito seguito da Instagram, l’applicazione di condivisione delle immagini nata nel 2010, che raccoglie il 16 per cento delle imprese italiane del vino.
Tra i prodigi della rete anche l’upgrade linguistico del vino italiano che ora comunica anche in inglese per il 96% del panel. E se lingue europee, in rete, vanno per la maggiore (in aggiunta all’italiano e all’inglese), non è così per quelle dei mercati obiettivo del settore. Infatti solo il 6% delle aziende comunica in cinese, mentre il russo si deve accontentare di appena un 3 per cento. 
Quasi il totale delle cantine italiane ha un sito internet e facebook è una finestra aperta sul mercato