Emilia-Romagna

Il Vino Buono È Quello Che Si Vende

di Il Merlo Parlante
Dic. 23, 2012

Gruppo Cevico, Pignoletto

Il vino buono è quello che si vende

Blasonate recensioni, concorsi, diplomi, premi, citazioni , grappoli e bicchieri delle guide, sono indubbiamente fra le mete e i percorsi più perseguiti per un vignaiolo ma di fronte ad un più 23% di fatturato, con un incremento dell'export del 41% , c'è poco da fare e il detto che il vino buono è quello che si vende, conferma ancora una volta la sua ineluttabilità.Tanto più se le percentuali d'incremento si riferiscono ad un fatturato consolidato di 125, 40 milioni di euro al 13 dicembre 2012. Data di presentazione del bilancio 2011/2012 del gruppo Cevico, durante l'annuale assemblea in quel del comune romagnolo di Lugo, che ha riaffermato la forza di questa realtà vitivinicola fatta da 4.500 famiglie di viticoltori associati e 9 grandi cooperative di conduzione terreni. Un vigneto di 6.600 ettari, che si estende dalle colline Romagnole confinanti con la Toscana, fino ai terreni sabbiosi del parco del Delta del Po e al territorio di Rimini, sulla costa del mare Adriatico. Con un 80% del vigneto a Denominazione di Origine Controllata o a Indicazione Geografica Tipica. Il gruppo presieduto da Ruenza Santandrea che da bilancio ha evidenziato un patrimonio netto di 63,966 milioni di euro, raduna sotto la sua insegna, la Cantina dei Colli Romagnoli, Le Romagnole, Le Romagnole Due, Due Tigli, Sprint Distillery, Winex e Tenuta Masselina, opera su 2 stabilimenti di confezionamento a Lugo di Romagna e Forli, su un'area complessiva di 136.000 metri quadrati e una capacità di stoccaggio di 615.000 ettolitri, mentre, le associate "Le Romagnole" e "Cantina dei Colli Romagnole", operano su 18 cantine di vinificazione ubicate in tutto l'asse Romagnolo. Il tutto per 1,3 milioni di quintali di uva lavorata, pari al 30 % della produzione del vino in Romagna, il 17% del vino in Emilia Romagna e il 2,5 % in Italia. Sono 23 i marchi gestiti, di cui uno dedicato alle produzioni biologiche, con un imbottigliamento annuo che si aggira sui 650 mila ettolitri di vino. I vini prodotti sono rossi (Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot, Fortana, Cagnina, Barbera) e bianchi (Albana, Trebbiano, Rebola, Pagadebit, Sauvignon, Pinot Bianco, Chardonnay, Malvasia).

Il Pignoletto Colli d'Imola DOC frizzante 2012 punta mergente, si è aggiudicato la medaglia di bronzo al Concorso Enologico Internazionale Vinitaly 2012. Punto di forza del Gruppo sono le diverse linee di produzione che coprono ogni segmento di mercato. Fra queste Romandiola (Antica Romagna) destinata al segmento HoReCa che ha messo in atto un progetto qualità attraverso il conferimento esclusivo delle uve da parte di 150 produttori selezionati di collina. La Tenuta Masselina, situata sulle colline di Castelbolognese (Ra), un po' atelier, un po' laboratorio del Gruppo per la sperimentazione e la realizzazione di vini top. Il brand Galassi . " Un sorso di Romagna" con il suo Sangiovese di Romagna D.O.C, miglior vino Emilia-Romagna 2011 secondo la guida vini per il mass market "Berebene Low Cost" di Gambero Rosso. La linea Gdo con il Sancrispino il vino in brik, che lo scorso anno ha realizzato una nuova immagine televisiva sulle reti  nazionali, attraverso uno spot che ha visto nei panni di attori per un giorno, proprio  i viticoltori soci del gruppo Cevico.