Sicilia

Il Vino Bio Dell'Etna È Targato Nicosia

di Marco Meneghetti
Aprile 2, 2015

Il vino bio dell'Etna è targato Nicosia

La cantina è stata recentemente rinnovata e produce vini di qualità rispettando l'ambiente

Nella zona orientale della Sicilia, sorge il vulcano Etna. Le leggende greco-romane ne fanno la casa dello sfortunato Vulcano, il più brutto tra tutti gli dei. Relegato a vivere nelle viscere della terra forgiava le folgori per Giove e preparava e costruiva le armi degli dei.
In questo luogo pieno di fascino e magia si trovano le tenute Nicosia. Come l'Etna, anche l'azienda ha una lunga storia alle spalle e mantiene un impegno costante al rinnovamento. Da cinque generazioni infatti i vignaioli siciliani delle tenute Nicosia producono vini che sono un inno alla loro terra. I vini portano hanno il carattere indomito del vulcano e una forza rigeneratrice.Era, il 1898 quando Francesco Nicosia, il bisnonno dell’attuale proprietario, decise di aprire la prima bottega di vino a Trecastagni sul versante orientale dell’Etna. Tempi d’oro per il vino dell'Etna che, già allora, era conosciuto ed apprezzato in tutta Europa per la sua forza minerale e la sua “vulcanica” personalità. Si pensi che tra il 1880 e il 1890 la superficie vitata sull’Etna giungeva fino a 50 mila ettari. I Nicosia, tipica famiglia etnea con salde radici nella cultura locale e un forte legame viscerale con la terra e il proprio lavoro non si è limitata produrre, ma è andata alla ricerca di vini siciliani meritevoli di essere promossi e commercializzati, con una particolare predilezione per i vitigni autoctoni etnei. Negli ultimi anni avviene la decisiva svolta imprenditoriale, grazie alla tenacia, al coraggio e allo spirito innovativo dell’attuale proprietario Carmelo Nicosia che, investendo nell’ampliamento e rigenerazione dei vigneti e con la costruzione di una moderna cantina, porta l’azienda di famiglia ad essere protagonista della rilancio del vino siciliano. Tenute Nicosia è oggi una realtà di primo piano dell’enologia siciliana. Un’azienda dinamica, che Carmelo Nicosia gestisce con i figli Francesco e Graziano, sostenuta una squadra affiatata di giovani collaboratori, coordinata dall’enologo Maria Carella, interprete della filosofia produttiva dell’azienda: promuovere le aree viticole maggiormente vocate in Sicilia nel pieno rispetto dell’ambiente, privilegiare i più pregiati vitigni autoctoni e le varietà meglio adattatesi al territorio siciliano, valorizzare la materia prima con un’attenta selezione delle uve e una cura costante del lavoro in cantina. L'azienda è stata certificata con alti standard internazionali di qualità e sicurezza alimentare e produce due vini bio vegan: Nero d'Avola, espressione autentica del principale vitigno autoctono siciliano, e Grilo una delle più note varietà a bacca bianca siciliane.
Le tenute Nicosia hanno abbracciato i principi del biologico e della viticultura sostenibile nel rispetto della tutela ambientale e della salute del consumat