IL rosso rubino del Corvina IGT Zeni 1870

di Vinoecibo
Ott. 8, 2019

Un vino della classica tradizione veronese come il frutto di uve autoctone che danno vita all’equilibrio perfetto

384025_498439086850480_1509884777_n.jpg

 

Il Corvina IGT Zeni – 100%  Corvina – nasce da uve coltivate su terreni collinari di origine morenica nella zona classica del Bardolino. La raccolta, esclusivamente manuale, permette di selezionare solo i migliori grappoli e di destinarli alla produzione di questo pregiato vino. Dopo una tradizionale fermentazione sulle bucce, con macerazione di  2 – 3 settimane nel mese di ottobre, segue la fase dell’affinamento, unicamente in acciaio, per dieci mesi.

Ed è senza dubbio la scelta di affinare la corvina solamente in acciaio l’aspetto che contraddistingue il Corvina IGT di Zeni: la totale assenza di legno nella fase dell’affinamento infatti gioca a vantaggio di una freschezza di fondo e di una immediatezza che lo rendono diverso rispetto ai vini della medesima tipologia.
Nessuna rotondità e morbidezza indotte ma piuttosto il guizzo vibrante di un’uva che spicca in purezza. Un vino che, proprio per la sua naturale vocazione, dà il meglio di sé entro due anni dalla messa in bottiglia.

 

a2ed184e-849c-46f2-9de0-bb381b779fa1.jpg

 

Il Corvina IGT di Zeni1870 presenta un colore rosso rubino carico; al naso emergono sentori di frutta fresca con una leggera speziatura sul finale, mentre in bocca è sapido, moderatamente tannico, e persistente.
Il Corvina IGT di Zeni1870, perfetto da abbinare alle carni alla brace o ai formaggi leggermente stagionati, è l’ideale compagno da affiancare alle tipicità dell’autunno, dai funghi alle castagne. Il Corvina IGT di Zeni1870 fa parte della raffinata FeF Collection, la limited edition che Zeni1870 ha presentato in anteprima assoluta lo scorso Vinitaly a Verona.
FeF Collection, il cui acronimo deriva da Federica, Elena, Fausto, rappresenta la passione della quinta generazione della famiglia Zeni per la propria terra e vuole essere un omaggio al generoso terroir del Lago di Garda.

 

gruppo-fef-h.jpg

 

Quattro sono i vini che compongono la preziosa selezione: il primo è il Bardolino Chiaretto DOC in Anfora che rappresenta Elena Zeni, il secondo è il Bardolino Classico DOC “I Filari del Nino” che rappresenta Fausto Zeni, il terzo è il Corvina IGT Rosso Veronese che rappresenta Federica Zeni, ed il quarto è il Passito IGT Bianco del Veneto che si propone come sintesi enologica dei tre fratelli.
Tutti vini ispirati alla tradizione vitivinicola del Garda che, grazie al suo unico terroir, alla sue colline moreniche e al microclima legato lago, è in grado di regalare inconfondibili perle enologiche simbolo del grande Made in Italy nel mondo.

 

 

44512_513274958700226_902798376_n.jpg

 

Va ricordato che l’azienda Zeni nasce nel 1870 con Bartolomeo Zeni, impegnato nella commercializzazione di olio, pesce e vino dei paesi rivieraschi del Garda. Il vino lo affascina più di tutti tanto che il figlio Gaetano ne continua l’attività interessandosi anche alla mediazione. La grande svolta avviene con Nino Zeni, quarta generazione della famiglia e padre di Fausto, Elena e Federica che oggi, assieme alla mamma portano avanti l’azienda.
Negli anni ’50 Nino decide di spostare la sede produttiva da Bardolino alle colline soprastanti il paese. Qui fonda anche il Museo del Vino. Da un punto di vista produttivo invece spinge sulla valorizzazione dei terroir e sulle vinificazioni monovitigno.
Oggi Zeni1870, portata avanti dalla quinta generazione, opera su 60 ettari di vigneto di cui 20 di proprietà. Ogni anno viene prodotto circa 1 milione di bottiglie. L’export incide per l’80% sul totale prodotto. I principali mercati sono Svizzera, Germania, Nord Europa, USA, Giappone, Hong Kong, Singapore, Cina, Tailandia, Australia, Russia. Il 50% della produzione di Zeni1870 è dato da vini della DOC Valpolicella, a cui segue un 30% di vini della DOC Bardolino, un 15% della DOC Lugana e un 15% della DOC Soave. Il fatturato annuale si attesta attorno agli 11 milioni di euro.
Ogni anno oltre 100.000 visitatori, soprattutto stranieri, giungono in azienda per visitare il Museo del Vino e la Galleria Olfattiva oltre che per degustare e fare acquisti.