Campania

I Vigneti Di Michele Doto

di Angela Merolla
Feb. 5, 2015

I vigneti di Michele Doto ,Aglianico, Barbera, Sangiovese.

L'eredità fatta passione

In provincia di Salerno, territorio cilentano a ridosso dei Monti Alburni, uno sperone roccioso fa da fondamenta a Castelcivita, comune immerso in una natura ancora incontaminata. Strade che serpeggiano tra boschi alternati a colture di viti e olivi, valli che seguono il corso del fiume Calore, cavità carsiche conosciute come le Grotte di Castelcivita, che incantano con la straordinaria bellezza delle stalattiti e stalagmiti dalle forme più strane. Ecco il paesaggio dove i nonni materni e paterni di Michele Doto hanno curato le vigne per tutta la loro vita, lasciando in eredità al nipote la saggezza e la passione per un lavoro antico svolto con l’ausilio di madre natura.

L'eredità fatta passione

La Cantina dei Nonni

“La Cantina dei Nonni” di Michele Doto nasce nel 2011, il nome dell’azienda vuole essere un omaggio a chi gli ha indicato il cammino nel mondo del vino. I vigneti infatti sono quelli di famiglia e Michele rigorosamente vinifica solo le sue uve, quelle da agricoltura biologica, che cura personalmente dalla vigna alla cantina. Predilige una produzione di vini indirizzata alla qualità, circa 10.000 bottiglie annue per cinque etichette e tre i vitigni utilizzati Aglianico, Barbera, Sangiovese. Piccola la cantina, nasce nella storica casa di famiglia, i locali sono suddivisi e organizzatati per settori, ma il cuore de “La Cantina dei Nonni” è sicuramente l’ambiente che ospita i serbatoi d’ acciaio dove nascono i loro vini, e dove sono le poche botti utilizzate per produrre la loro Riserva di Aglianico. La filosofia di Michele? Molto semplice e genuina, lasciare che i propri vini possano raccontare con i profumi e il gusto, del meraviglioso luogo che è Castelcivita.

La Cantina dei Nonni