Veneto

E' Azzardo Rosso

di Marco Meneghetti
Dic. 2, 2015

E' Azzardo rosso

Un inedito uvaggio di Pinot nero e Corvina prodotto da Roberta Moresco

La famiglia di Roberta Moresco commerciava in vino a Maragnole di Breganze (Vi) quando si metteva in tavola in abbondanti caraffe e si vendeva in damigiane. Un mondo al quale la sommelier è rimasta vincolata seguendone i processi di evoluzione.
L'imprenditrice ha aperto un'enoteca a Marostica insieme al marito Guerrino Bortolomiol. Nel centro dell'alto vicentino la Moresco ha maturato la sua esperienza di selezionatrice e responsabile forniture dell'Associazione italiana sommelier Veneto delegazione di Vicenza.
L'obiettivo della Moresco era quello di produrre vini nati dalla sua abilità ed esperienza professionale. Ha chiamato a raccolta tre produttori per realizzare il suo sogno. In questa avventura ha coinvolto Fausto Maculan, titolare dell'omonima cantina, Luca Speri, della Speri viticoltori, Enrico Martellozzo, della Belussi spumanti.
“Mi sono regalata un sogno – racconta Roberta Moresco – dopo tante etichette conosciute e scoperte nel tempo, ho deciso di produrre vini che immaginavo di assaggiare e far degustare, ma che non ho mai trovato in commercio. Ho deciso di realizzare un'idea che si è trasformata ben presto in un progetto che mi ha divertito e appassionato, ma che non mi ha fatto perdere di vista l'attenzione e l'impegno nel seguire ogni dettaglio della produzione. Tutto ciò grazie all'aiuto degli amici-produttori che mi sono stati vicini in questa avventura”.
I vini sono stati personalmente controllati e selezionati dalla sommelier nella fase di affinamento. Azzardo Rosso nasce dall'idea di unire due uve molto diverse ma complementari. L'uvaggio è per il 60 per cento Corvina, proveniente dall'azienda Speri in Valpolicella, vinificata tradizionalmente in rosso con una macerazione di dieci giorni, prima di essere travasata in vasche di cemento vetrificato. Il restante 40 per cento è di Pinot Nero, prodotto dalla Cantina Maculan a Breganze, maturato in tini di acciaio con follature quotidiane e affinato per dodici mesi in barrique di rovere. Dal taglio dei due è uscito un vino dai profumi ricchi e complessi, gusto morbido e decisamente tannico. Un vino che si abbina a carni e formaggi stagionati.
Il Cuvée millesimato dry è stato realizzato con un uvaggio di Glera, 70 per cento e Chardonnay 30. E' stato sottoposto a rifermentazione con metodo Charmat per 70 giorni. Il grado zuccherino, 22 grammi/litro, è in equilibrio con sapidità e freschezza. Il vino può essere gustato come aperitivo,o abbinato a dolci di frutta e pasta lievitata.
 
 
 
Un inedito uvaggio di Pinot nero e Corvina prodotto da Roberta Moresco