Veneto

Lo Spritz Risottato Del Casoin

di vinoecibo
Marzo 26, 2014

Lo spritzrisottato del Casoin

Nella città di Antenore il nuovo modo di farsi l'aperitivo

Riconosciuta ormai come capitale dell'happy hour, tanto da diventare città simbolo fra quelle Venete che nei tanti locali e bar propongono lo spritz come aperitivo serale e accompagnato da ogni sorta di sfiziosità mangereccia, Padova, per questo rito, riserva  una sopresa dopo l'altra. Oltre a servire lo spritz  con quelli che un tempo erano detti “spuncioni”, ora trasformati in pretzels o fingers food, è di questi giorni l'ora dello spritz con il risotto. Meglio ancora, un vero e proprio “spritz risottato” nato dalla fantasia creativa di Frano Ruggero, in arte “el casoin” di Antenore.
Un nuovo locale multifunzione voluto dal Consorzio Agrario nel cuore della città patavina, a qualche passo dalla tomba di Antenore che, secondo la leggenda, ne è stato l fondatore.
Un nuovo spazio del gusto, questo Antenore, dove oltre a trovare un curato servizio di bar e ristorante, è possibile acquistare direttamente anche un'ampia selezione di prodotti alimentari rigorosamente da filiera agricola italiana. Molti dei quali, testati proprio dal “casoin” Franco che con la sua prorompente e scoppiettante creatività culinaria, affianca la non meno apprezzata professionalità dello chef Sergio Allegro. Che di fronte allo spritzrisottato però, lascia ampia facoltà al “casoin” nel deliziare ospiti e clienti per un ghiotto e robusto aperitivo.

Nella città di Antenore il nuovo modo di farsi l'aperitivo

Dalla tradizione risorgimentale l'originale variazione di Franco Ruggero

 “... burro, cipolla, vino bianco, riso rigorosamente carnaroli, arancia , spremuta d'arancia, Campari , erbette "magiche", parmigiano, pepe bianco sono gli ingredienti, spiega il “casoin” Ruggero, mentre per la preparazione si fa una base di risotto normale: cipolla imbiondita e poi stufata nel burro tostaura del riso sfumato con prosecco, aggiunta spremuta d'arancia e po blocco la cottura e macero per 20 minuti il riso tostato nella spremuta d'arancia. Ricomnicio la cottura con brodo vegetale, aggiungo aromi, "erbette" porto a termine e aggiungo pezzetti d'arancio, Campari e manteco con grana , sopra metto 'na fetta di arancia caramellata e oliva !!! Spero de essere stato chiaro...” Certo che sì, caro il nostro "casoin" Ruggero e, se dobbiamo aggiungere “ 'na roba” , nell'idioma patavino, più che chiaro, davvero appetitoso. Un spritz che anche gli inossidabili  austriaci, che l'avevano inventato nel Veneto risorgimentale, avrebbero approvato. E magari anche indicato prima di passare alle altre specialità della Bottega di Antenore.

Dalla tradizione risorgimentale l'originale variazione di Franco Ruggero