Bellezze museali inaspettate e straordinarie

di Leonardo Felician
Gen. 28, 2018

A Rodez  nel  capoluogo del dipartimento dell'Aveyron nella regione dell'Occitania

Rodez (23).jpg

 

A volte i musei più inaspettati si nascondono in cittadine di provincia. A Rodez, capoluogo del dipartimento dell'Aveyron nella regione dell'Occitania,  tre architetti catalani Rafael Aranda, Carme Pigem e Ramon Vilalta riuniti sotto la sigla RCR, vincitori del premio Pritzker 2017, il più prestigioso riconoscimento internazionale per l'architettura hanno costruito nel 2014 un museo straordinario e modernissimo per ospitare la donazione di oltre 500 opere che l’artista ultranovantenne Pierre Soulages ha donato alla sua città natale. Questo pittore e scultore multidisciplinare, “pittore del nero” come viene chiamato,  è stato il primo artista vivente invitato all’Hermitage di San Pietroburgo.

 

Rodez (25).jpg

 

Il sorprendente edificio del museo ha una facciata con cinque cubi ricoperti di acciaio dall’aspetto ossidato e patinato di ruggine, le cui sfumature cromatiche ricordano i dipinti su carta Brous de Noix, fra le opere più importanti di Soulages. Su 2500 metri quadrati il museo gioca a nascondino con la luce per mettere in evidenza le diverse tecniche e sfumature che Soulages ha usato per descrivere il nero.

 

Rodez (20).jpg

 

Di grande interesse il filmato e i cartoni che raccontano la storia degli otto anni di lavoro per la creazione delle 104 moderne vetrate per l’Abbazia di Sainte-Foy a Conques dell’XI secolo, un omaggio ad uno dei luoghi più amati, che in gioventù ha risvegliato in Soulages la vocazione di pittore.


 

Rodez (17).jpg

 

A pochi minuti a piedi dal museo nella piazza antistante la monumentale cattedrale gotica di Notre-Dame si trova il miglior albergo di Rodez, il Mercure Rodez Cathédrale di categoria quattro stelle. Ha più di un secolo e pavimenti e inserti Art Decò al piano terra, interamente rimesso a posto quest’anno. La sala pranzo ha mantenuto un decoro di stucchi classico: per l’arredo dei muri a fine ‘800 il proprietario Pier Brussy fece intervenire un suo amico pittore nato in questa città, Maurice Bompart, che era attratto dalla luminosità dei paesi del sud e in particolare dall’Italia.

 

Rodez (26).jpg

 

Per la sala dell’albergo realizzò alcune marine veneziane che ancora oggi arredano le pareti. Con 36 camere alcune con grande vista sulla cattedrale, bar, servizio ristorazione in camera, sala colazione, sale riunioni, wi-fi e parcheggio l’albergo che ha assunto il marchio Mercure nel 2009 si rivolge sia a una clientela affari che alle famiglie di turisti in visita alla cittadina.


Info     it.france.fr      www.tourisme.myrodez.fr

 

Rodez (4).jpg

 

Mercure Rodez Cathédrale Avenue Victor Hugo 1, Rodez, Francia Tel. 0033 5 65685519    Email: h7013@accor.com 

www.mercure.com

Rodez (10).jpg