Loading...

Le Terre del Primitivo

di Antonella Fiorito
Giugno 13, 2018

Alla scoperta dell'entroterra Salentino 

puglia.jpg

 

Terra antichissima la Puglia oltre ad un mare di rara bellezza possiede un patrimonio storico e artistico straordinario. Diversa e attraente in ogni suo aspetto ha la speciale caratteristica di essere una regione dai molteplici volti. che non smette di stupire per la bellezza dei suoi paesaggi che cambiano radicalmente da zona a zona con un'articolata varietà di paesaggi, genti, colori, dialetti.

pugli olio ipogeo.jpg

 

Il turismo di massa è attratto soprattutto dalle località balneari della regione: il sole, il mare incontaminato e le spiagge sono le mete predilette. Eppure, percorrendo questa lunga terra mediterranea ed antica, vale la pena di abbandonare le solite rotte turistiche per andare alla scoperta dell’entroterra pugliese dove si incontra l'anima più vera della Puglia, fuori degli itinerari turistici ma straordinariamente interessante dal punto di vista culturale ed enogastronomico.

 

pugli chies.jpg

 

Tipico, esperienziale, rilassante sono gli aggettivi che distinguono il turismo nelle Terre del Primitivo dalle altre proposte di viaggio in quanto si caratterizza per essere facilmente complementare nella qualità e nei tempi di fruizione. In questa parte del Salento nota per essere all'origine di un vino di eccellenza - il Primitivo di Manduria Dop - ogni visitatore ha la possibilità di disegnare percorsi e modalità del tutto personalizzati ed autonomi anche eco-sostenibili e in modalità lenta.

 

puglia processione.jpg

 

Sono tanti i piccoli tesori che rendono questo territorio unico: piccoli borghi con una storia antica, capolavori barocchi, masserie, oliveti secolari, frantoi ipogei, santuari, antichi palazzi, trulli, torri mediovali, cibi genuini e le tracce di mestieri antichi portati avanti con passione. Ogni luogo presenta una propria identità forte ed inconfondibile.

Terra di fede la Puglia, inoltre, annovera un patrimonio ricchissimo di edifici sacri. L'insieme dell'architettura religiosa pugliese è, per ricchezza e vastità, uno dei maggiori della Penisola e costituisce una delle massime attrattive della regione: chiese, conventi, basiliche, complessi monastici si trovano un pò ovunque, nei grandi come nei piccoli centri. Il legame dei pugliesi con la propria terra e con la propria cultura mantiene vivi riti e cerimonie del lontano passato.

 

IMG_20180605_202809_BURST001_COVER.jpg

 

Se state quindi pensando ad un itinerario insolito, capace di mostrarvi il volto della Puglia più autentica, andate verso l'entroterra salentino. Ho avuto la fortuna di visitare questi luoghi unitamente ad alcuni giornalisti italiani e stranieri grazie al press tour "Emozioni dalle terre del Primitivo tra Storia Gusto e Tradizione" promosso dal Comune di Erchie grazie al bando ospitalità della Regione Puglia. Le località visitate sono tra le più interessanti: Erchie, Oria, Avetrana, San Marzano, Torre di Santa Susanna, Sava, Manduria

 

puglia cuoco.jpg

 

Erchie: i suoi abitanti scandiscono le stagioni dell'anno con le feste dei loro santi tutelari rispettivamente il 13 dicembre, il 19 marzo, il secondo giovedì dopo Pasqua e il 5 giugno in cui si svolge la festa patronale di S.Irene che termina con i fuochi d'artificio dopo la processione alla quale partecipa tutto il paese. Nella piazza principale di Erchie si trova la Chiesa Madre e, accanto, la chiesetta seicentesca di San Nicola. il Santuario di Santa Lucia costruita su tre livelli. Una scalinata conduce nella cappella mediana e, scendendo ancora più giù si accede alla cripta medievale, realizzata dai monaci basiliani e ricostruita nel ’600. Dietro il santuario, il palazzo ducale e le colonne votive con le statue di Sant’Irene e Santa Lucia. Infine la la Grotta dell’Annunziata, una cripta sotterranea risalente al VI secolo probabile rifugio dei monaci basiliani. Non mancate di visitare il Forno e Molino Braccio per ammirare la macina del grano, e di visitare la Cantina vinicola La Porta per una degustazione di vini pregiati del territorio.

 

 

Oria: situata sulle colline dell’Alto Salento. La città vecchia ha conservato la struttura mediovale. Vi si accede attraverso la Porta Manfredi in stile tardo barocco. Notevole il Castello, voluto da Federico II, incorniciato da torri e merlature. Nei dintorni il dedalo di viuzze, scalinate e case imbiancate del centro storico. Molto suggestivo il rione Judea un tempo abitato dalla colonia ebraica. Palazzo Martini Carissimo, attualmente sede del Museo di documentazione messapica. Infine la Cattedrale con la sua facciata barocca ricostruita dopo il terremoto del 1743 sui resti di un tempio romanico. A 5 chilometri da Oria sorge il Santuario San Cosimo alla Macchia, con il suo giardino zoologico.

 

puglia prodotti.jpg

 

Avetrana: nota per i suoi insediamenti neolitici come testimoniano le numerose grotte primitive e i diversi ritrovamenti archeologici, nel centro storico un torrione del 1350, la Chiesa Madre del '700, Palazzo Imperiali e Palazzo Torricelli. Avetrana è famosa per la sua importante produzione di olio extravergine di oliva. Per l'ora di pranzo recatevi alla Masseria Cuturi per una degustazione enogastronomica di grande qualità

 

puglia salumi.jpg

 

San Marzano di San Giuseppe: centro agricolo ricco di vigneti e uliveti che si estendono tra Sava e Fragagnano, San Marzano di San Giuseppe fu costituito come borgo nel '500 da una colonia albanese. La comunità del “Paese delle aquile” prosperò e mise radici insieme alle sue tradizioni, agli usi e ai costumi che ancora oggi caratterizzano San Marzano insieme all’uso dell’idioma albanese, segno tangibile e tratto distintivo della piccola comunità all’interno della provincia ionica. Nel centro storico si può ammirare la Chiesa Madre dedicata a San Carlo Borromeo. A tre chilometri dal centro abitato il Santuario della Madonna delle Grazie, con all’interno un’incoronazione della Vergine della fine del ‘600.

 

vino puglia.jpg

 

Torre Santa Susanna:di origine messapica, il paese possiede un imponente castello edificato a partire dal XVI secolo. Di origine cinquecentesca il portale bugnato mentre le merlature furono aggiunte nel XVII secolo per volere dei conti Filo. Del Cinquecento anche la Chiesa e il Convento dei Padri Carmelitani mentre la Matrice fondata nel XIV secolo sfoggia un pregevole rosone che spicca sulla facciata romanica.Molto interessanti i frantoi ipogei di età medievale che documentano il legame della cittadina alla coltivazione degli ulivi e alla produzione di olio extravergine. A 4 chilometri dal paese, la Chiesa di San Pietro o di Santa Maria di Crepacore. Fondato nell’VIII secolo il tempio bizantino ha un impianto architettonico con due cupole in asse sulla navata centrale. All’interno, invece, si conservano frammentari affreschi, databili tra IX e X secolo. Infine se volete vedere come "nasce" una mozzarella o una ricotta recatevi alla Masseria Pezzaviva. I proprietari vi accoglieranno con molta cordialità

 

7747932.jpg

 

Sava: famosa per la produzione di vino primitivo e olio d’oliva. Le maggiori attrattive del paese sono il Palazzo Baronale del XVI° sec. oggi sede del Municipio, che custodisce un frantoio ipogeo, la Chiesa Matrice, dei primi del '600 dedicata al patrono San Giovanni Battista, il complesso francescano, con chiesa, biblioteca e un ricchissimo museo geografico-antropologico e il Museo dell'olio. Fuori le mura troviamo il Santuario della Madonna di Pasano e la misteriosa muraglia del Limitone dei Greci.

 

Maanduria.jpg

 

Infine, Manduria:una terra fertile e antica, centro maggiore delle Terre del Primitivo. Appena giunti tra le sue vie è un cartello di benvenuto a salutare il visitatore facendogli sapere che questa è “città di Messapi”. Manduria offre molte attrattive: il Parco Archeologico più esteso della civiltà messapica, un centro storico con chiese e palazzi signorili del '500, del '600 e del '700 , un imponente palazzo marchesale e un suggestivo museo dell'antropologia del vino oltre a varie riserve naturali. Le architetture nobili e quelle più modeste si avvicendano lungo le sue strade dai basoli neri di pietra lavica fino a prendere la via delle campagne e fare da sfondo ai filari delle vigne di Primitivo.

 

spiaggia puglia.jpg